LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAGLIARI - Tuvixeddu: riaprono i cantieri, ma Regione annuncia altre azioni
SARDEGNA OGGI marted, 05 agosto 2008

Via libera dal Consiglio di Stato alla riapertura dei cantieri sull'area attorno alla necropoli fenicio-punica sul colle di Tuvixeddu. I massimi giudici amministrativi hanno definitivamente respinto i due appelli presentati nel marzo scorso della Regione Sardegna, dopo che il Tar della Sardegna, su ricorso del Comune di Cagliari, della Coiimpresa e dell'impresa Cocco, aveva annullato i vincoli imposti dalla Regione. L'amministrazione regionale, infatti, aveva imposto uno stop ai lavori per la costruzione di case e villette residenziali nei pressi dell'area archeologica.


Il Consiglio di Stato bacchetta la Regione sulla nomina e composizione della Commissione regionale per il paesaggio e sugli atti derivati assunti, sulla mancanza del reciproco rapporto collaborativo tra le amministrazioni interessate (in questo caso il Comune di Cagliari) e sullo sviamento di potere causato dallo specifico riferimento ad un progetto sul futuro dell'area di Tuvixeddu. Con queste tre principali motivazioni i giudici amministrativi di appello accolgono le tesi gia' adottate dal Tar della Sardegna nei ricorsi presentati a suo tempo dalla Coimpresa, dall'impresa Cocco e dal Comune di Cagliari, condannando la Regione al pagamento delle spese a favore dei tre soggetti per complessivi 36 mila euro (12.000 ciascuno).

Intanto nessun passo indietro della Regione nell'azione di tutela del compendio di Tuvixeddu dopo la decisione del Consiglio di Stato che ha respinto i due appelli presentati a marzo dalla Regione contro la sentenza con cui il Tar aveva annullato i vincoli imposti dall'amministrazione regionale accogliendo i ricorsi del Comune di Cagliari, di Coimpresa e dell'impresa Cocco. Aspettiamo di poter leggere la sentenza del Consiglio di Stato - ha detto il presidente della Regione, Renato Soru ma se basata sul fatto che la commissione del paesaggio non stata regolarmente insediata e che doveva essere istituita per legge, faremo quello che ci viene richiesto e cio istituiremo la commissione per legge di modo che possa essere riavviato il procedimento. Stiamo valutando di utilizzare nel frattempo la norma della legge urbanistica che ci ha permesso di tutelare le coste prima dell'approvazione del Piano paesaggistico regionale ha aggiunto il Governatore -. Tuvixeddu un patrimonio che va tutelato e porteremo avanti la battaglia con il sostegno della Sovrintendenza e ci auguriamo anche del Governo

Il sindaco Emilio Floris ha commentato la sentenza del Consiglio di Stato che ha bocciato anche l'ultimo ricorso della Regione per i vincoli su Tuvixeddu. La situazione ora si sbloccata - ha detto - ma stata una sconfitta per tutti. Il Comune aveva presentato ricorso al Tar contro i vincoli imposti dalla Regione. E lo stesso avevano fatto gli imprenditori che avevano gi aperto i cantieri nell'area. Ora la sentenza del Consiglio di Stato dovrebbe consentire la ripresa dei lavori sospesi in viale Sant'Avendrace e via Is Maglias, anche se il presidente della Regione ha annunciato nuove iniziative per tutelare l'area della necropoli.


Ultimo aggiornamento: 05-08-2008 20:12:34

http://www.sardegnaoggi.it/notizie.php?notizia=10824


news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news