LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - LOpificio naviga a vista lautonomia non ha regolamento
MARA AMOREVOLI
MARTED, 05 AGOSTO 2008 LA REPUBBLICA - - Firenze



Dopo sette mesi nessuna traccia del testo, il prestigioso istituto ormai al collasso

Il soprintendente Santi: "Aspettiamo le norme per attivare le commesse"

A rischio corsi e ricerche. Il soprintendente Santi: aspettiamo quelle norme per poter attivare le commesse

LOpificio al collasso. A 7 mesi dallautonomia manca ancora il regolamento


Da sette mesi diventato un istituto autonomo. Ma allOpificio delle Pietre Dure manca ancora il regolamento per attuare la gestione e lamministrazione autonoma e di fatto, finanziariamente, il prestigioso e storico istituto di restauro fiorentino quasi al collasso. Tanto pi che sembra essersi disperso nei meandri della burocrazia anche il regolamento che parifica alluniversit i corsi quadriennali della scuola di restauro, con il risultato che non sono stati fatti i bandi per selezionare i nuovi 15 studenti che ogni anno garantiscono la riapertura dei corsi e il funzionamento della scuola. E se le nuove norme non verranno approvate entro questa estate, per il terzo anno resteremo bloccati con la scuola, senza nuovi corsisti e senza fondi, spiega il direttore del settore di restauro dei dipinti Marco Ciatti.




Da dicembre, dopo una lunga battaglia, lOpificio delle Pietre Dure diventato istituto autonomo. Ma a distanza di 7 mesi, manca ancora il regolamento per attuare la tanto sbandierata gestione e amministrazione autonoma. Il testo del regolamento sembra essersi dileguato, perduto in qualche cassetto o tavolo del ministero dei Beni culturali o della Corte dei Conti. Di fatto il prestigioso e storico istituto di restauro quasi al collasso. Tanto pi che sembra essersi disperso nei meandri della burocrazia anche il regolamento che parifica alluniversit i corsi quadriennali della scuola di restauro. Con il risultato che non sono stati fatti i bandi per selezionare i nuovi 15 studenti che ogni anno garantiscono la riapertura dei corsi e il funzionamento della scuola.
E se le nuove norme non verranno approvate entro questa estate, per il terzo anno resteremo bloccati con la scuola, senza nuovi corsisti e senza fondi - spiega il direttore del settore di restauro dei dipinti Marco Ciatti - mentre si esauriscono i corsi quadriennali degli studenti che frequentano regolarmente la scuola. Se alla mancanza dei due regolamenti attuativi si aggiunge la cronica carenza di finanziamenti dellOpificio, il declino dellistituto di restauro pi famoso in Italia, del futuro delle sue attivit conosciute sia sul territorio nazionale che internazionale, della ricerca e della messa a punto di nuove tecniche, procedure di restauro e analisi, un magra realt pi che prossima.
Come funzioniamo? Non certo come istituto autonomo, siamo come prima, come ogni soprintendenza con pochissimi fondi. Aspettiamo le norme per attivare commesse, sponsorizzazioni, e quantaltro ci permetta di mantenere loperativit che ci ha contraddistinto, apprezzata a livello internazionale - spiega il neo soprintendente Bruno Santi, nominato il 1 aprile 2008 (la firma ufficiale avvenuta ieri a Roma), precisando che dei 520 mila euro che dovevano arrivare dal ministero per garantire la normale gestione dellistituto, per ora ne sono arrivati solo 250 mila. Mancano i soldi, non si fanno pi missioni perch non si possono pagare, insomma si naviga a vista. Tra laltro con scarsa possibilit di ricambio di maestranze e restauratori esperti nei vari settori, che via via che vanno in pensione, non vengono pi sostituiti. Eppure nel momento in cui la citt si trovata a discutere di non subordinare o federare listituto fiorentino con il nuovo Istituto superiore del restauro a Roma, e di garantire il suo passaggio a istituto autonomo, c stata una orgogliosa levata di scudi. Palazzo Vecchio, Provincia, Regione Toscana ne hanno difeso e rivendicato prestigio, storia, capacit e competenze, tanto che alla fine lallora ministro dei beni culturali Francesco Rutelli defin LOpificio fiorentino unistituzione fondamentale, intangibile e da valorizzate, e dopo un lungo braccio di ferro affidato alla trattativa del sottosegretario Andrea Marcucci, infine fu firmato il decreto della sua trasformazione in istituto autonomo.
Autonomia che per ora resta una parola sulla carta, mentre tra mille difficolt prosegue il lavoro dei vari settori di restauro. Nel laboratorio della Fortezza da Basso appena terminato il restauro della "Madonna del Cardellino" di Raffaello che in autunno sar presentato al mondo dopo 10 anni di interventi minuziosi e lenticolari, con una mostra che si terr a Palazzo Medici Riccardi. Sempre in autunno, dalla Galleria Palatina verr spostato al laboratorio un altro importante dipinto da restaurare: "La Bella" di Tiziano. Altre opere monumentali sono ora sotto intervento: basta citare "La Pala di San Zeno" di Mantegna arrivata da Verona, la grande Croce di Giotto di Ognissanti, quelle attribuita a Giotto di San Marco, il Tabernacolo Lignaiuoli del Beato Angelico. Capolavori in cura mentre le carenze legislative, di risorse economiche, di personale specializzato non permettono allistituto di potere lavorare a pieno ritmo come sarebbe nelle finalit dellistituto si rammarica il soprintendente Bruno Santi.



news

23-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news