LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - TERRITORIO: Ecco le "zone franche" alla siciliana S della giunta a 12 aree con sgravi fiscali.
EMANUELE LAURIA
SABATO, 02 AGOSTO 2008 LA REPUBBLICA - Palermo



Entra Termini, fuori Palermo.
Premiate tutte le iniziative in graduatoria Ma le risorse sono insufficienti


Via libera della Regione alle zone franche urbane in Sicilia. Ma la giunta Lombardo decide di non scontentare nessuno e chiede al governo nazionale di finanziare tutti i progetti messi in graduatoria dal dipartimento programmazione.

Con il rischio che alle singole iniziative vadano le briciole. Finisce cos, con una soluzione salomonica, la "rivoluzione" delle aree a fiscalit di vantaggio nellIsola. Dodici le aree di cui si chiede listituzione: le prime sono quelle di Catania (quartiere Librino), Gela, Erice e Termini Imerese. Non c Palermo: Che fine ha fatto Brancaccio?, chiede a tarda ora lex vice ministro dello Sviluppo economico Sergio DAntoni scatenando la polemica.
Il governatore Raffaele Lombardo stato costretto a convocare durgenza la giunta, in un anomalo venerd sera di lavoro. Cera da rispettare la scadenza del 5 agosto per approvare listruttoria compiuta dal dipartimento Programmazione sulle richieste giunte dai Comuni dellIsola e spedire le carte al ministero dello Sviluppo economico. E il capo del dipartimento, Gabriella Palocci, aveva inviato il documento conclusivo gi da qualche giorno. In allegato la graduatoria, stilata dai suoi uffici sulla base dei coefficienti assegnati per il "bando", fra i quali il tasso di disoccupazione e il degrado urbano.

Lindicazione di massima, da parte del dipartimento, era quella di concentrare le scarse risorse statali - 50 milioni di euro per lintero Paese - su pochi interventi. Circostanza che a ora di pranzo era stata confermata da Giuseppe Scalia, il coordinatore regioanle di An che dopo il vertice di maggioranza: Saranno premiate due, tre iniziative al massimo.
Una strategia, questa, che avrebbe premiato Catania, Gela e forse Erice. In giunta c stato chi ha storto il naso. Antonello Antinoro, assessore ai Beni culturali palermitano con interessi elettorali in provincia, ha telefonato personalmente alla Palocci per chiederle se fosse possibile allargare il campo dei beneficiari. Anche perch al quarto posto della graduatoria cera Termini Imerese. Con il via libera della Palocci il governo ha deciso di promuovere allora tutte le dodici iniziative in elenco. E con Librino, Gela, Erice e Termini, sono state autorizzate anche le zone franche urbane di Messina, Barcellona, Acicatena, Castelvetrano, Trapani, Acireale, Giarre e Sciacca.
In presenza di fondi comunque limitati - commenta Giambattista Bufardeci, vicepresidente della Regione - tanto vale dare un segnale a tutti gli enti che avevano fatto richiesta. Consideriamo che si tratta di territori svantaggiati. Adesso sar il governo nazionale a suddividere i fondi.

Non escluso che il ministero, invece, deliberi quel "taglio" che la giunta non ha fatto ieri, ammettendo a finanziamento solo le prime iniziative in graduatoria. Finir cos, Palazzo dOrleans ha solo scaricato le sue responsabilit sullo Stato: unaltra prova del finto autonomismo di Lombardo - attacca DAntoni - E vorrei capire come mai nellelenco non c Brancaccio, che ha tutti i requisiti per essere zona franca e di cui sembrava definita certa listituzione. Ho limpressione che ci sia una grave responsabilit del Comune.
Previste dallultima Finanziaria del governo nazionale, le zone franche possono essere istituite in porzioni di aree urbane con non pi di 30mila abitanti. Hanno lobiettivo di contrastare fenomeni di esclusione sociale negli spazi urbani e favorire lintegrazione. Lintervento si concretizza in una serie di sgravi fiscali e agevolazioni per le piccole e micro-imprese che hanno, o iniziano, la propria attivit nelle zone franche. Lesenzione totale per i primi cinque anni e comprende le imposte sui redditi, lIrap, lIci sugli immobili commerciali e lesenzione dal versamento sui contributi da lavoro dipendente. Dopo questo periodo iniziale, vi sono altri quattro anni di esenzione parziale, per garantire un ritorno graduale alla fiscalit regolare.



news

21-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news