LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I Beni culturali? Più o meno nostri
Umberto D'Angelo
l'Unità, 21/1/2004

Siamo arrivati al punto più drammatico per la tutela del patrimonio culturale e ambientale: è la prima volta da due secoli a questa parte, dai tempi di Pio VII, che invece di avanzare verso una tutela più efficace, diffusa e garantita, si torna indietro». Con questa preoccupante denuncia, Vittorio Emiliani ha aperto la conferenza stampa che le associazioni ambientaliste e di tutela hanno tenuto ieri mattina al Senato per ribadire le posizioni negative verso il nuovo Codice dei Beni culturali e paesaggistici, approvato dal Consiglio dei Ministri di venerdì scorso. Si tratta in effetti dell'ultimo di una serie di atti che hanno profondamente modificato la legislazione in materia: dalla legge obiettivo di Lunardi, che depotenzia la Valutazione di Impatto Ambientale, alla costituzione della Patrimonio S.p.A., al condono edilizio, alla gestione privatistica dei musei, alla Finanziaria 2004, che introduce la verifica dell'interesse culturale del bene
e il principio del silenzio-assenso, alla legge delega, per l'ambiente. Nel giro di due anni sono state demolite le norme di tutela, messe fuori gioco le Sovrintendenze, indebolito il Ministero per i Beni e le Attività culturali, incoraggiato l'abusivismo, tutto per fare cassa con i beni pubblici e senza dare ascolto agli appelli del Presidente della Repubblica e ai rilievi della Corte dei Conti.
Emiliani ha sottolineato che il nuovo Codice cancella la legge Galasso del 1985 (e di fatto la legge fondamentale Bottai del 1939) e incorpora il meccanismo del silenzio-assenso per la vendita del patrimonio, guidandoci verso una regressione culturale per cui tutti i beni diventano alienabili, portando così l'Italia dall'avanguardia alla retroguardia mondiale nel campo della tutela. Viene rovesciata l'impostazione delle leggi finora in vigore, per cui i beni pubblici non sono di interesse culturale di per sé, ma lo sono in base a una verifica, a una dichiarazione che deve essere oltretutto emessa entro 120 giorni da Sovrintendenze già oberate di lavoro e con poco personale. A questo proposito, Irene Berlingò (Assotecnici) considera la classe dei tecnici del Ministero a un punto di non ritorno: è una delle migliori al mondo, ma il mancato avvicendamento (non vengono più indetti concorsi da molti anni) la condurrà all'esaurimento e quindi renderà inoperanti le Sovrintendenze, che già devono gestire l'enorme patrimonio storico-artistico-archeo-logico-archivistico-architettonico e ambientale del paese e salvaguardare 574 tra musei, monumenti, gallerie e scavi, 216 aree archeologiche aperte al pubblico, aggiungendo i circa 3000 musei di altri enti sui quali esercitano la vigilanza e il controllo. Inoltre, uno degli aspetti della nuova organizzazione del Ministero, secondo Gaetano Benedetto del Wwf, sarà il ruolo delle Sovrintendenze uniche regionali, che operando da interfaccia tra le Regioni e il Governo centrale, passeranno di fatto da una funzione tecnica a un ufficio politico-burocratico, un luogo di trattativa sulla pianificazione territoriale. Italia Nostra rileva che anche il paesaggio è messo a rischio, sia con la abolizione della legge Galasso, sia con la sanatoria anche in aree vincolate, sia con il fatto che il parere delle Sovrintendenze non sarà più vincolante: con le nuove norme non solo il Fuenti non sarebbe stato abbattuto, ma se ne potrebbero costruire molti altri. Un altro aspetto del Codice, è che viene introdotta la distinzione tra interesse culturale elevato o meno, dimenticando, come ha fatto presente il senatore Sauro Turroni (Verdi), che la nostra cultura ha sempre considerato ogni elemento, anche minore, come parte integrante di tutto il patrimonio, una concezione che ha fatto scuola in Europa. Giuseppe Chiarante, presidente dell'Associazione Bianchi Bandinelli, ha sottolineato che si è aperto in questo modo un varco pericoloso, perché si è ristretto notevolmente il concetto di tutela; un effetto ci sarà sulle esportazioni dei beni culturali, finora considerata un impoverimento del patrimonio nazionale e sottoposta a divieti che ora, invece, attivano la dichiarazione di bene di particolare valore, creando differenze di trattamento e facilitando quindi la dispersione.
L'iniziativa delle associazioni è stata comunque finalizzata a intraprendere azioni comuni: il guasto principale è stato individuato nelle legge delega al governo, che è stata completamente in bianco e ha esautorato il Parlamento, che potrà solo esprimere un parere non vincolante. Inoltre, alcune norme sono palesemente incostituzionali, in particolare il conferimento dei compiti di tutela e conservazione alle Regioni, e quindi ai Comuni per il principio della sub-delega, che darebbe ai Sindaci il ruolo di controllore e controllato. Pertanto, Associazione Bianchi Bandinelli, Assotecnici, Comitato per la Bellezza, Italia Nostra, Legambiente, Gruppo Verdi del Senato, Wwf Italia si appellano al Senato «per una scelta di responsabilità» nella discussione sulla Legge delega in materia ambientale e auspicano, che il Parlamento ponga un argine immediato, emendando immediatamente il Codice Urbani con una legge specifica. Il Ministro, tra l'altro, in assenza di una delega specifica, non ha mai convocato il Consiglio Nazionale per i Beni Culturali per discutere del Codice e non si è attenuto alle indicazioni espresse dalla Conferenza Nazionale sul Paesaggio.
Ma la decisione più importante scaturita durante la conferenza stampa è quella di costituire un gruppo di lavoro che elabori una proposta di legge da contrapporre al Codice Urbani: l'appello è stato lanciato dal senatore Turroni, preceduto da un accorato intervento di Desideria Pasolini dall'Onda, presidente di Italia Nostra, che si è rivolta agli organi di stampa e ai docenti invitando tutti a «risvegliare la coscienza degli italiani, che non sanno cosa sta succedendo» al loro Paese. Il Wwf ha già preso l'iniziativa di convocare nei prossimi giorni un tavolo di lavoro e Chiarante ha invitato a formulare anche soluzioni concrete per un futuro governo che dovrà necessariamente abolire queste normative, trovando già pronte nuove proposte.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news