LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Codice delle polemiche
Fabio Isman
Il Messaggero, 21/1/2004

Dicono che in Italia, negli ultimi due secoli, la tutela del Bel Paese era sempre progredita, e non aveva mai fatto dei passi indietro, come accade adesso: Annullata la legge Galasso, che tutelava il 47 percento dell'Italia; si capovolta una concezione: prima, i beni culturali non erano vendibili, salvo casi eccezionali; ora, saranno eccezionali i casi in cui non potranno essere venduti. E il paesaggio? Su di esso, lo Stato aveva l'ultima parola: annullava le autorizzazioni degli enti locali; ora, alle soprintendenze resta solo un parere consultivo. Il patrimonio culturale potr essere esportato, se non d'eccezionale interesse: ma chi decide questo interesse, e su quali basi?; e poi, il silenzio-assenso sulla libera vendita degli immobili pubblici si tradurr in una voragine: agli uffici dei Beni culturali mancano troppi funzionali, e devono provvedere a troppe pratiche, perch non accada i cos. Le associazioni ambiemtaliste (Italia nostra, Legambiente, Wwf, Comitato per la Bellezza, Bianchi-Bandinelli, i Verdi, i Funzionari tecnico-scientifici del Ministero: manca solo il Fai) si danno appuntamento al Senato, e protestano contro il nuovo codice dei Beni culturali e ambientali voluto dal ministro Urbani, ormai alla firma del Presidente della Repubblica Ciampi.
Il Senato non ne ha quasi mai discusso: tre riunioni in commissione, di nemmeno un'ora ciascuna; e il provvedimento valica assai anche il limite della delega che era stata concessa al Governo: noi siamo stati imbrogliati, ci hanno mentito, dice il Verde Sauro Turroni; fosse gi
stato in vigore questo Codice, non solo il mostro dei Fuenti non sarebbe stato abbattuto, ma ne sarebbero nati altri cento (Legambiente, Maurizio Picca); quasi freudiano: ma nel Codice, dopo la definizione di cosa sono i beni culturali, gi il primo articolo parla delle possibilit di venderli (Giuseppe Chiarante, Bianchi-Bandinelli); il Codice percorso da un fil rouge mercantile ed economicista, che trasforma in merce il tesoro d'Italia, e rovescia qualsiasi impostazione precedente (Italia nostra, Desideria Pasolini dall'Onda).
Vittorio Emiliani, Comitato per la Bellezza, spiega che in Sardegna, per sette architetti, ci sono 7.600 pratiche ogni anno: ciascuno deve istruirne e definirne in media quattro al giorno, calcolando solo quelli lavorativi; sono invece sette, sempre al giorno, le pratiche per ognuno dei loro colleghi liguri; nelle Marche, quattro architetti in tutto; otto nell'Umbria e nella Puglia, e nove in Calabria: spesso costretti sopralluoghi in posti lontani. Irene Berling una funzionaria del Ministero; racconta: Mancano il sei per cento degli architetti; il 15 per cento degli storici dell'arte; il 20 per cento degli archeologi. Il funzionario tipo ha sui 50 anni; dopo 25 anni di carriera direttiva, guadagna 1.300 euro, e non
ha alcuna prospettiva: l'ultimo concorso per dirigenti antico di sette anni. Non solo: l'immenso patrimonio mobiliare degli enti pubblici, spesso edifici antichi e sovente nei centri storici, era tutelato per definizione; incedibile. Una norma Melandri ha imposto la redazione degli elenchi di questi edifici di solito del tutto sconosciuti; gli elenchi stanno ancora affluendo al Ministero: ma la norma stata gi cancellata, il tempo per vagliarli annullato, e questo patrimonio rientra nei 120 giorni di silenzio-assenso; chi potr mai esaminare tutto questo bendiddio? Arriveranno liste solo con dei numeri catastali, e una soprintendenza avr un mese per decidere, in maniera motivata, se un edificio, finora del tutto ignoto, riveste un valore culturale. E tutto ci che non l'avr per esplicita dichiarazione? In vendita libera. Gli ambientalisti chiedono riforme a questo Codice fin da ora, gi da oggi, quando il Senato discuter la delega al governo per l'Ambiente; e promettono di presentare una nuova loro normativa, diametralmente opposta.
Irene Berling continua: E pensare che il Vaticano, nel 2000, ha varato una legge sui beni culturali che quasi la fotocopia di quelle che, oggi, di fatto l'Italia abolisce. Demolite tutte le norme di tutela pur di fare cassa, dice il Comitato per la Bellezza. La divisione del patrimonio in beni pi e meno importanti pericolosa; un grandissimo studioso, sir Denis Mahon, racconta che, fino a 50 anni fa, acquistavo disegni del Guercino, perch costava meno che fotografarli: allora erano, appunto, "meno importanti" di tanti altri "beni". Per le associazipni ambientaliste, tutta una progressione: la separazione tra la tutela e la valorizzazione (tra conoscenza e sfruttamento, chiosa Desideria Pasolini), poi la vendibilit del patrimonio, la concessione dei musei ai privati, la possibilit d'offrire in comodato singoli beni ai privati stessi, ora il Codice che cancella quel poco che ancora rimaneva. Azzerate le tutele paesistiche della Legge Galasso, che proteggeva le coste, le zone attorno alle acque e sui monti. Il nostro paesaggio non pi quello dipinto da Simone Martini, Hackert, Giovanni Bellini, e tanti altri; ma ora, promette di essere sventrato e cementificato ancora di pi, afferma Emiliani. Si mette a repentaglio ci che il nostro Paese ha di pi prezioso: la storia, l'identit, la bellezza delle opere, la stessa sua natura; erosi tutti, o quasi, i principi di tutela; con la sua antica passione, Desideria Pasolini dall'Onda invoca, urlando: Bisogna fare capire ai cittadini che cosa succede, e risvegliare le loro coscienze. Gli ambientalisti non si danno per vinti: da oggi, spiegano, comincia un'altra battaglia, sar certo assai dura, ma la faremo tutti assieme.



news

13-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news