LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
Per saperne di pi: bibliografia orientativa
NUOVO CODICE SOS
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PIEMONTE - BRA - Il ministero vuol sapere quali sono i gioielli in citt
16/7/2008 Sezione: Cuneo La Stampa



nche i braidesi sono consapevoli di avere nella propria citt gioielli artistici e architettonici, forse troppo spesso non considerati. Ora l'Amministrazione comunale ha stilato una lista con oltre cinquanta immobili da inserire nel protocollo d'intesa tra il Comune e il ministero per i Beni e le attivit culturali, allo scopo di verificarne l'interesse culturale, come previsto dal Codice dei beni culturali e del paesaggio. La giunta ha deliberato la lista di strutture di propriet comunale che hanno pi di cinquant'anni. Variegato e curioso l'elenco: si va dagli storici palazzo Mathis e Traversa a strutture come i tre cimiteri (Bra, Bandito, Pollenzo), agli ex bagni pubblici di piazza Valfr. In base al protocollo, obbligo del comune fornire alla Direzione regionale del ministero schede descrittive dettagliate su ogni immobile, corredate di materiale fotografico. Ogni immobile o porzione di esso, passer al vaglio del ministero per di verificarne l'interesse culturale. Il provvedimento nasce soprattutto da una disposizione del Codice Urbani: Le cose appartenenti a Stato, Regioni, enti locali, istituti pubblici o anche privati senza fine di lucro, che siano opera di autore non pi vivente e la cui esecuzione risalga a oltre cinquant'anni, non possono essere sdemanializzate prima che il ministero, tramite le competenti soprintendenze, si sia pronunciato sul loro valore culturale e che esse diventino alienabili solo qualora la verifica abbia dato un esito negativo.
Resteranno sorpresi i braidesi nel leggere l'elenco e soprattutto verr spontanea una domanda: cosa ci pu essere di valore culturale in immobili come l'attuale bar Giolitti o il palazzetto dello sport? Molto pi convincenti il barocco palazzo Mathis che ha visto un'importante opera di ristrutturazione tra il 2004 e il 2007 o al Palazzo comunale, edificio di fondazione medioevale che deve il suo aspetto attuale all'intervento dell'architetto Bernardo Antonio Vittone nel '700. Colpisce anche l'Ala di corso Garibaldi, realizzato nel 1858 e che ha sempre ospitato importanti luoghi di commercio e di ritrovo cittadino. Ancora oggi sotto l'Ala ha sede parte del mercato del venerd. Palazzo Traversa, il cui nucleo originario risale alla met del XV, la Zizzola, costruita nel 1840 sulla sommit del pi alto colle braidese, Monteguglielmo, con la sua caratteristica costruzione a pianta ottagonale, divenuta simbolo della citt. Il Teatro Politeama che ha visto l'inaugurazione il 1 settembre 1900 con la rappresentazione del Rigoletto di Verdi: questi gli immobili con un chiaro valore culturale e storico.
Tanti degli immobili censiti hanno cambiato nel corso degli anni la destinazione d'uso: l'ex caserma di Largo della Resistenza diventata il centro polifunzionale Giovanni Arpino con annessa biblioteca civica. I bagni pubblici di piazza Valfr sono ora sede del Centro di igiene mentale, la caserma Trevisan di via Montegrappa ora sede della scuola primaria Edoardo Mosca. fine:MRIQUA



http://www.lastampa.it/search/articolo.asp?IDarticolo=1836698&sezione=Cuneo


news

29-07-2014
Il decreto Cultura legge

28-07-2014
IL DECRETO CULTURA E LEGGE. Franceschini: arrivato il momento di investire in cultura e turismo

28-07-2014
Comitato per la Bellezza: dichiarazione sul Decreto Cultura

28-07-2014
RASSEGNA STAMPA: aggiornata al giorno 28/7/2014

25-07-2014
MODENA - Difendiamo la nostra soprintendenza con la inscindibile Galleria Estense.

25-07-2014
Iraq, i miliziani dell'Isis fanno esplodere la moschea di Giona (VIII secolo)

24-07-2014
Annuario dei Dati Ambientali

23-07-2014
L'Associazione Bianchi Bandinelli sulla riforma del Mibact

23-07-2014
Archeologi, architetti, restauratori e antropologi della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma: lettera aperta al Ministro

22-07-2014
Ministro Franceschini, non stravolga cos il sistema museale

21-07-2014
Pier Giovanni Guzzo al Direttore Generale per l'Archeologia: protesta contro la riorganizzazione della tutela

20-07-2014
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi: Lo Stato sull'Appia

18-07-2014
Disponibile online il Libro bianco sui beni culturali pisani, presentato ieri a Riva Mancina

18-07-2014
Lettera aperta di Vittorio Emiliani al ministro Franceschini: Ministro, non mischi turismo e beni culturali

16-07-2014
Franceschini: Riorganizzazione del Ministero rivoluzione dei beni culturali

15-07-2014
Protesta delle associazioni: Contro laccordo per lAppia Antica fra Ministero Beni culturali e societ Autostrade per lItalia

14-07-2014
Intervento di Marisa Dalai Emiliani sulla riorganizzazione del sistema di tutela territoriale

10-07-2014
Appello del CIHA italiano al Ministro Franceschini sulla riforma del MIBACT

07-07-2014
Comunicato sulle Soprintendenze sotto tutela. Parto mostruoso della Commissione cultura

07-07-2014
Il Giornale dellArte di luglio/agosto in edicola!

01-07-2014
Dossier Apuane 4 (Luglio 2014)

29-06-2014
Guermandi su eddyburg: su una sentenza della Consiglio di Stato e sul Decreto cultura

27-06-2014
Istituzioni: approvato emendamento per rafforzamento ruolo di tutela MiBACT

26-06-2014
La Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dellArte in appoggio ai Soprintendenti. Lettera al Ministro Franceschini

25-06-2014
Bartolomei, Responsabile Nazionale Cultura del PSI, sull proposta di modifica dell' art. 1 della Costituzione

24-06-2014
Comitato per la Bellezza. Bisogna attuare larticolo 9 della Costituzione. Declamare la Bellezza non serve, bisogna tutelarla

17-06-2014
FRANCESCHINI RIPRISTINA I COMITATI TECNICO-SCIENTIFICI DEL MIBACT

17-06-2014
CAMPAGNA DI RILEVAZIONE SULLO STATO DELLA PROFESSIONE ARCHIVISTICA

16-06-2014
Beni Ambientali.Il paesaggio rappresenta un bene primario ed assoluto prevalente rispetto a qualunque altro interesse

16-06-2014
RAPPORTO SYMBOLA

Archivio news