LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'opinione: Lavoriamo insieme per i beni culturali
Vannino Chiti
La Nazione, Toscana & Liguria, 17/1/2004

Caro Direttore,
" Le chiedo ospitalit per parlare dei beni culturali di Firenze e della Toscana. Sono una risorsa di enorme valore, per noi che ci viviamo e per il mondo. La Regione ha avanzato la proposta che i beni culturali diventino una sua competenza: i Democratici di Sinistra sono d'accordo.
Del resto questa scelta coerente con il federalismo presente nella Costituzione: le Regioni possono contrattare con lo Stato centrale il trasferimento di competenze pi ampie in tutti i settori tranne quelli in alcun caso delegabili. I beni culturali non sono tra quelli non trasferibili.
Tutto ci non ha niente a che vedere con l'avventurismo della devoluzione: lo Stato centrale governo e Parlamento definisce una cornice al cui interno si inseriscono coerentemente le competenze rafforzate delle Regioni. Se ci sar come noi vogliamo la trasformazione del Senato in Camera Federale, sar quest'ultima a valutare le condizioni per accogliere le richieste delle Regioni, sulla base della loro efficienza e del rapporto di cooperazione con Comuni e Province. In ogni caso l'impostazione della Regione Toscana giusta: normale, in un quadro unitario del paese, che esistano differenziazioni di responsabilit derivanti sia da situazioni oggettive (le vocazioni dei territori) sia da volont soggettive (la determinazione di Regioni ed Enti Locali, nell' assumersi precisi compiti). Non so quale sia il pensiero della destra, su questi temi: non positivo se guardo ai comportamenti concreti di un governo, che il pi centralista degli ultimi trent' anni.
Vi tuttavia un altro nodo, almeno contestuale: quello delle risorse nazionali messe a disposizione dell'immenso patrimonio culturale di Firenze e della Toscana. Nel nostro paese le risorse pubbliche per i beni culturali sono insufficienti: il centro-sinistra aveva iniziato ad invertire la tendenza, ma si trattato di una parentesi. N si consente ai privati di intervenire in questo settore, come avviene in altri paesi. I beni culturali sono sottovalutati in quello che rappresentano per la qualit della nostra vita; e per il ruolo che possono svolgere nello sviluppo.
In questo quadro di scarsa attenzione, Firenze e la Toscana presentano una particolare sofferenza. Da noi vi circa un terzo del patrimonio culturale del paese: le risorse non dico non vi corrispondono non aspiriamo a tanto ma sono ben lontane da un livello di sufficienza. Non sono riproponibili oggi leggi speciali per una citt: si rischierebbe di separare Firenze dalla Toscana mentre l'interesse generale far s che la Regione ed il suo capoluogo sempre pi e meglio facciano sistema.
Inoltre sarebbero in contraddizione con il progetto di maggiori competenze alla Regione. Il problema delle risorse tuttavia esiste: sul piano generale e questo riguarder il nostro programma per governare l'Italia e su quello pi specifico della quota destinata a Firenze ed alla Toscana.
Su quest'ultimo aspetto converrebbe cercare di ragionare: e farlo non soltanto noi del centrosinistra. Farlo possibilmente insieme, i parlamentari eletti a Firenze ed in Toscana; gli enti locali, la Regione; gli operatori delle istituzioni culturali; le organizzazioni sindacali e di impresa. Con differenti valutazoni, riprendo alcune considerazioni avanzate anche da Franco Zeffirelli.
Perch non tentare su alcune scelte prioritarie i beni culturali lo sono di intraprendere azioni comuni?
Il bipolarismo, l'esistenza cio di due schieramenti alternativi per il governo del paese, non significa incomunicabilit. N il bipolarismo pi forte, quanto pi ci si offende, ci si ignora, non vi niente su cui si possa operare insieme. Questa la parodia del bipolarismo. Anzi rappresenta il deserto della politica. purtroppo la versione che va per la maggiore, a causa di estremismi che percorrono soprattutto la maggioranza di governo. Lo ammette anche Fini. Proviamo a gareggiare sulle idee, sulla soluzione dei problemi, non sugli improperi. La Toscana, negli equilibri della destra, conta poco: lo temevo e l'ho detto in tempi non sospetti, prima delle elezioni politiche. I fatti, purtroppo, mi hanno dato ragione. Non chiedo ai parlamentari della destra di condividere le mie valutazioni. Chiedo loro se
sono disposti ad un impegno sulla priorit beni culturali di Firenze e della Toscana; ad una iniziativa per incrementare le risorse che li valorizzino. Soprattutto confido sulla partecipazione degli Enti Locali, della Regione, del mondo della cultura. Pi che mai una iniziativa per Firenze e per la Toscana utile per il nostro paese, per tornare ad avere fiducia nel suo futuro.



news

16-07-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 luglio 2019

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

Archivio news