LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - Filangieri, il museo che scompare
25/07/2008 IL MATTINO








Donatella Trotta I napoletani che hanno buona memoria lo chiamano ancora il museo che cammina. Perch allepoca del Risanamento post-colera, a causa dellampliamento fineottocentesco di via Duomo, ledificio rischi di essere abbattuto; ma poi, grazie allintervento e alle pressioni di intellettuali, artisti e personaggi illustri come Settembrini e Dalbono, venne invece smontato. Pezzo per pezzo. E rimontato, venti metri pi avanti, con la stessa bella struttura che offre allo sguardo la sua facciata con un armonico bugnato toscano, punteggiata da finestre di piperno che danno luce a interni di notevole eleganza, ricchi di tesori del collezionismo privato documentati da volumi come quelli di Nadia Barrella. costellata di aneddoti, colpi di scena e vicissitudini di vario segno la lunga e complessa storia del quattrocentesco Palazzo Como, sede dal 1882 del Museo Civico Gaetano Filangieri, una Fondazione privata su modello degli Arts and Crafts Museums: luoghi museali intesi come strumenti didattici e sedi di studio, ricerca e sperimentazione nel campo delle arti applicate. Ma una storia, anche, nel segno del paradosso: come il fatto che un museo che costa sui 400mila euro annui di gestione chiuso da dieci anni, dice lingegner Giampaolo Leonetti, dal 2004 - su mandato del sindaco Rosa Russo Jervolino - direttore del Museo Filangieri, dopo essere stato soprintendente del Pio Monte della Misericordia. Non di poco conto, la responsabilit che Leonetti si addossato alla guida di un gioiello napoletano: Un patrimonio negato alla pubblica fruizione - prosegue Leonetti - ma inventariato e riversato, dal 2005, in un sofisticato sistema informatizzato di gestione museale comprato in Svizzera, primo museo della Campania ad aver convertito agli standard moderni la schedatura dei suoi beni. Un altro paradosso. Come il rischio, previsto dallatto di donazione del principe Gaetano Filangieri al Comune di Napoli, che se il Museo continua a restare chiuso i tesori in esso raccolti devono tornare agli eredi. Ma che cosa ostacola la riapertura al pubblico del palazzo, peraltro noto nella tradizione popolare come o Palazzo de Monacielli, almeno stando alle superstizioni tramandate da chi lo abit? Pi che una maledizione, la beffa degli ingranaggi della burocrazia, sottolinea Leonetti, che spiega: Esistono due ordini di problemi. Il primo legato agli stipendi dei custodi, sette comunali ma cinque dipendenti della Fondazione, tutti in regolare servizio per la manutenzione ordinaria e lapertura e assistenza su richiesta di qualche studioso. Gli stanziamenti straordinari del Comune di Napoli, deliberati in misura decrescente dal 2005 ma erogati sempre con ritardo, non bastano pi; e anche il fido bancario da me ottenuto lo scorso gennaio si sta esaurendo. E il secondo problema? Riguarda la necessit di lavori di adeguamento del Museo (durata: due anni, costo 2 milioni e mezzo di euro da finanziamenti regionali del piano Pit-Por), senza i quali non si possono riaprire i battenti al pubblico. Ma lennesimo paradosso che i fondi stanziati per il 2000-2006 sono stati revocati per decorrenza dei termini di presentazione del progetto, approvato in giunta comunale nel novembre 2006. E ora che c il progetto, siamo in attesa di nuovi stanziamenti Pit-Por per il 2007-2013. Leonetti sfiduciato: Il Madre - denuncia - costa 8 milioni di euro lanno. Mi chiedo perch spendere tanto e qual la logica di gestione di questa citt che si vanta dessere citt darte. Getta acqua sul fuoco Nicola Oddati, assessore comunale alla Cultura: Il sindaco tiene molto al Museo Filangieri, tant che continuiamo a erogare fondi straordinari: 250mila euro nel 2005, 235mila nel 2006 195mila nel 2007. I pagamenti avvengono a rendicontazione delle spese, come accade a tutti. Non possiamo agire in modo difforme, gi per noi un problema dare un contributo a un museo chiuso quando abbiamo musei aperti a cui non finanziamo tutti questi soldi. In attesa di verificare la possibilit di anticipare di qualche mese lerogazione, sono ora prioritari i lavori di ristrutturazione, di competenza dellassessore Laudadio: mi risulta che il progetto presentato sia stato gi approvato nel piano Pit-Por 2007-2013. Chi vivr, vedr.




news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news