LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'Italia resta senza vincoli
Giovanni Valentini
la Repubblica - 17/01/2004

NON occorre un esperto di dittologia o di altre discipline affini per decifrare il nuovo Codice dei Beni culturali e paesaggistici che prende nome dal ministro Urbani: il provvedimento approvato ieri con un blitz della maggioranza, ignorando tutte le osservazioni e le proposte formulate dalle associazioni eco-logiste, in pratica l'abrogazione della cosiddetta legge Galasso che nel 1985 segn una svolta, per non dire una rivoluzione, nella politica ambientale italiana.
Da una parte, infatti, il Codice Urbani tende a ridurre o addirittura ad annullare i vincoli paesaggistici, rendendo gran parte del territorio nazionale "zona franca". Dall'altra, elimina il potere di annullamento riconosciuto allo Stato sulle autorizzazioni rilasciate da Regioni o Comuni, trasformando il controllo "a valle" delle Soprintendenze in un parere puramente consultivo, da esprimere per di pi nel breve termine di 30 giorni.
In un colpo solo, si sopprime cos un sistema di tutela che da vent'anni ormai funzionava "ope legis", automaticamente, riconosciuto dalla Corte costituzionale come pilastro portante della legislazione in materia: sulla base della legge Galasso, il vincolo non veniva emesso pi caso per caso, con specifici decreti, ma esteso su "vasti arnbiti" di valore paesistico che concorrevano a costituire la morfologia del Paese.
Per obiettivit bisogna riconoscere che un tale regime, arrivando a coprire il 47% del territorio, rischiava spesso di risultare eccessivo o impraticabile. Non mancavano tuttavia ipotesi e proposte alternative, a cominciare da quelle suggerite dal Wwf, per affidare alle Soprintendenze il compito di revisionare tutti i vincoli e di proporre al ministero quelli da confermare con una congrua motivazione, sopprimendo di conseguenza gli altri. In questo modo, si sarebbe evitato almeno di fare "tabula rasa" della tutela paesaggistica.
Anche nel caso del potere di annullamento la soluzione non era oggettivamente semplice. Ma piuttosto che eliminare qualsiasi controllo e qualsiasi veto da parte dello Stato, forse in nome di un malinteso federalismo che minaccia ora di suscitare in sede locale un "assalto alla diligenza", sarebbe stato meglio non escludere le Soprintendenze costringendole a esprimere un parere generico e non vincolante entro un mese.
Mentre il relatore sulla sanatoria per gli abusi ambientali, il senatore Pino Specchia (An), annuncia dunque un apprezzabile ripensamento della maggioranza sulla depenalizzazione dei reati ambientali, la stessa maggioranza vara un Codice che prelude a nuovi illeciti e nuovi abusi generalizzati. Con una mano insomma si autorizza la distruzione futura del paesaggio e con l'altra si condona quella passata. Un fatto, purtroppo, certo: viviamo in un brutto Ambiente e nell'era del centrodestra sar sempre peggio.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news