LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali. Il codice della discordia
Antonio Cianciullo
la Repubblica - 17/01/2004

ROMA — Per gli ambientalisti e un altro colpo di maglio contro il paesaggio. Per il ministro dei Beni culturali Giuliano Urbani si trotta di uno strumento unico e certo per difendere e promuovere il tesoro degli italiani. Il nuovo codice dei beni culturali e paesaggistici approvato ieri dal Consiglio dei ministri ha aperto un nuovo Ironie di polemiche nel campo della conservazione del patrimonio storico e paesaggistico.
Il nuovo testo mira a semplificare la materia in due grandi campi (i beni culturali in senso stretto e i beni paesaggistici) e prevede ampi margini di cooperazione delle Regioni e degli enti territoriali nell'esercizio dei compiti di tutela. Secondo il ministro Urbani si tratta di un aggiornamento di norme che risalgono al 1919 e di un rafforzamento delle garanzie ottenuto coinvolgendo gli enti locali e definendo in maniera irrevocabile i limili dell'alienazione del demanio pubblico che escluder i beni di particolare pregio artistico, storico, archeologico e architettonico.
Mentre per quanto riguarda il riordino della parte relativa al sistema dei musei e delle aree archeologiche il codice ha registrato un certo consenso, sulla parte paesaggistica piovuta una pioggia di critiche. Il nuovo codice non aggiorna le norme di tutela del paesaggio bens le elimina, ha commentato Gaetano Benedetto, segretario del Wwf. Le innovazioni sono devastanti e cancellano i pilastri della legge Galasso che tutela coste, montagne e parchi: appena la Regioni approveranno i nuovi piani paesistici questi vincoli diventeranno carta straccia. Inoltre le sovrintendenze non avranno pi il potere di annullare le autorizzazioni rilasciato da Regioni o Comuni per realizzare opere nelle aree vincolate. Il governo si prepara cos a un nuovo Sacco d'Italia,
Protestano anche il presidente di Legambiente Roberto Della Seta (Ieri il nostro patrimonio era inalienabile salvo eccezioni, d'ora in avanti saranno i beni inalienabili a costituire le eccezioni) e il senatore verde Sauro Turroni che denuncia lo sciagurato silenzio — assenso nelle procedure di alienazione dei beni culturali di propriet demaniale.
Secondo Maurizio Lupi, capo-gruppo di Forza Italia in commissione Ambiente della Camera, il nuovo codice permette invece di attuare una riforma che poggia sul federalismo: L'ambiente rimane materia di competenza statale, ma le Regioni assumono un ruolo fondamentale. Quanto alle sovrintendenze, bisogna evitare che si trasformino nell'ennesimo ostacolo burocratico.
Il ministro Urbani sta rottamando tutte lo politiche culturali del nostro paese sostituendole con regole mercantili che non difendono la cultura come bene pubblico, replica l'ex ministro dei Beni culturali Giovanna Melandri. La formulazione del nuovo codice abbassa il livello della salvaguardia e non assicura affatto la preminenza, secondo il principio costituzionale, dell'interesse pubblico rispetto all'esigenza di fare cassa.



news

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

21-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news