LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - Troppi errori intorno a quegli scavi lo scempio infinito del Gianicolo
ADRIANO LA REGINA
la Repubblica (Roma) 23/07/2008

Il destino delledificio con pareti dipinte rinvenuto nellanno 1999 nel luogo occupato in antico dagli horti di Agrippina, alle pendici del Gianicolo, sembra ora compiersi con linterruzione degli scavi recentemente ripresi e con lo sbrigativo interramento dellarea solo parzialmente indagata. Tutto questo avviene forse per non arrecare ulteriori ritardi, dopo anni di inerzia della pubblica amministrazione e soprattutto del Provveditorato alle opere pubbliche, alla realizzazione di un parcheggio privato? O avviene piuttosto per seppellire definitivamente nelloblio la spinosa vicenda del parcheggio sotterraneo sul Gianicolo? Difficile a dirsi; certo che dellintera questione non sono mai emersi i risvolti pi delicati, riguardanti i rapporti del Comune di Roma con taluni ambienti vaticani, com daltronde certo che alcune iniziative distolsero allora lattenzione dalle gravi interferenze esercitate da pi parti (Comune di Roma, Ministeri, uffici della Presidenza del Consiglio dei Ministri) sulla Soprintendenza archeologica in occasione dei lavori per la costruzione della rampa gianicolense: propalazione di notizie false finite sulla stampa di tutto il mondo, come quella di scavi eseguiti frettolosamente con la perdita di materiali archeologici; azioni giudiziarie improvvisate e trascinate allinfinito, risultate poi del tutto infondate, intese a dimostrare che gli archeologi avevano voluto favorire indebitamente lattuazione di progetti pubblici e privati.
La tutela del patrimonio storico e artistico contemplata tra i principi fondamentali della Costituzione italiana. Questo principio, naturalmente, stato tenuto in buona considerazione anche dal Consiglio dei Ministri che, con un decreto emanato 13 dicembre 1999 a firma del Presidente DAlema in osservanza a obblighi contratti con la Santa Sede, autorizzava la costruzione di una rampa per il collegamento stradale con il parcheggio. Con il decreto si disponeva nel contempo il distacco degli affreschi allora rinvenuti e, con complessa e dispendiosa procedura tecnica, anche lo smontaggio e la conservazione delle murature su cui essi erano applicati. Ci in previsione di un eventuale ripristino delle strutture al fine di garantire lunitariet del complesso nel caso in cui il completamento delle indagini archeologiche, parimenti stabilito con lo stesso provvedimento, avesse dato luogo a rinvenimenti di eccezionale rilievo. Anche se non fosse stato necessario giungere a tanto, il decreto prevedeva che per rinvenimenti di particolare rilievo dovranno essere adottate soluzioni idonee a garantire la loro conservazione, valorizzazione e fruibilit.
A questo purtroppo non si sta provvedendo, in primo luogo perch le indagini non sono state completate come esplicitamente prescritto, e poi perch linterramento dei resti non ne consentir in alcun modo la valorizzazione n la fruibilit. Sembra infatti che verranno disattese le disposizioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri, stando alle dichiarazioni della Soprintendenza la quale sostiene che meglio, per ora, coprire e proteggere i ritrovamenti pi recenti per spostare indagine e fondi altrove. Naturalmente, per poter agire cos stato anche necessario sostenere che non si pu parlare di un rinvenimento di eccezionale rilievo. Singolare affermazione nei confronti di un monumento che nove anni fa tenne desta lattenzione internazionale sulla sua sorte, e di cui ebbe ad occuparsi persino il Consiglio dei Ministri! I dipinti parietali delledificio sono stati inoltre esposti in una mostra sul fasto dellantica Roma, insieme con le raffinate e pi antiche decorazioni architettoniche di marmi policromi ivi rinvenute.
In realt, se non si pu parlare, almeno per ora, di eccezionale rilievo, visto che lo scavo non stato completato, non si pu neanche sostenere che non sussistano i requisiti per riconoscere il particolare rilievo dei rinvenimenti, volendo stare alla sottile distinzione del decreto. Il monumento rientra comunque a buon diritto nella categoria dei beni allora riconosciuti, secondo labituale definizione giuridica, di notevole interesse archeologico. Le recenti indagini sono state condotte in maniera tale da dare limpressione che a bella posta si sia voluto evitare lo scoprimento di tutto ledificio. Il progetto originario studiato, e finanziato dopo lunghe insistenze, in modo da poter mettere in luce in condizioni di piena sicurezza lintera superficie del monumento, stato totalmente stravolto. Non sono state eseguite le opere allora previste per la sicurezza, rendendo cos disponibile per lo scavo uno spazio assai ristretto e lasciando invece inaccessibili gli ambienti che si trovano sulla fronte delledificio. Com stato possibile esaurire in questo modo i fondi messi a disposizione? In effetti, se vi lintenzione di spostare indagini e fondi altrove, i fondi stessi non dovrebbero essere esauriti: allora perch non dare piena attuazione al progetto originario? Le disposizioni contenute nel decreto rendono comunque obbligatorio il finanziamento delle ricerche fino al loro completamento.
Appare abbastanza singolare lintento di non scavare. A far modificare i criteri gi previsti stato forse il timore che i nuovi lavori potessero rivelare che si era commesso un grave errore quando si vollero a tutti i costi rimuovere le strutture antiche per non modificare il progetto della rampa, secondo quanto pressantemente richiesto da parte di ambienti vaticani? Per dare una risposta a tale quesito sarebbe quindi necessario riesaminare lintera vicenda del parcheggio sotterraneo.
Basti tuttavia accennare solamente ad uno degli aspetti pi abnormi: nel 1997 il Comune di Roma e il Provveditorato alle opere pubbliche approvavano, senza tenere conto di un parere contrario gi espresso dalla Soprintendenza archeologica, il progetto del parcheggio del Gianicolo, finanziato con 40 miliardi di lire dallo Stato italiano a beneficio della Congregazione de Propaganda Fide. Si era sostenuto, in documenti dello Stato italiano e del Comune, che larea interessata si trovasse nello Stato Vaticano, oppure su area dello Stato Citt del Vaticano, ovvero in territorio vaticano. Parimenti, nel verbale di una conferenza di servizi tenuta presso lufficio del Commissario straordinario del Governo per il Giubileo, ancora nel 1999 si affermava che il parcheggio del Gianicolo era in territorio vaticano. Il parcheggio in realt ubicato in unarea di propriet della Santa Sede in territorio italiano. Resta pertanto inammissibile il danno recato al patrimonio monumentale con lo sfondamento del Bastione di Santo Spirito, progettato da Antonio da Sangallo il Giovane, per costruire le due gallerie di accesso al garage sotterraneo. In quel tratto le mura vaticane non delimitano il territorio dello Stato vaticano, ma si trovano su suolo italiano. Il danneggiamento di beni dinteresse storico e artistico appartenenti allItalia, ancorch di propriet della Santa Sede, non considerato ammissibile da alcuna norma o trattato internazionale. La questione della rampa daccesso al parcheggio, e delledificio antico di cui ora si intendono sospendere le ricerche, soltanto un tassello minore nella vicenda mai del tutto chiarita del parcheggio gianicolense.








news

25-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news