LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Codice mercantile
Giuseppe Chiarante
l’Unit 17/01/2004

Con l'approvazione, avvenuta ieri, del nuovo Codice dei Beni culturali e paesaggistici il ministro Urbani ha chiuso il cerchio della revisione della normativa di tutela gi avviata sin dal momento della costituzione dell'attuale governo. Lo ha fatto nei termini che era facile prevedere ossia confermando quella visione privatizzante e mercantilistica della politica dei beni culturali che gi emergeva dai precedenti provvedimenti: come - per ricordarne solo alcuni - la legge che ha istituito la famosa Patrimonio Spa, o le varie misure che precedono la possibile privatizzazione dei musei o di altri beni statali, o l'introduzione del silenzio-assenso per agevolare e accelerare le vendite di immobili pubblici anche di carattere culturale e ambientale.
C' una scelta, nell'impostazione del Codice, che di per s emblematica della visione mercantilistica alla quale ho accennato. Eravamo da sempre abituati nella lettura delle leggi di tutela - dalla legge Bottai del 1939 al Testo Unico del novembre 1999 - a trovare subito dopo le disposizioni di principio sui beni culturali gli articoli con le norme sulla loro salvaguardia: dichiarazione dei beni, catalogazione, conservazione, vigilanza, restauro, altre forme d prolezione. Nel Testo Unico, per esempio, bisognava arrivare all'art. 54 per trovare la parola alienazione. Nel nuovo Codice, invece, subito dopo la definizione delle varie categorie di beni culturali, risulta che il primo articolo che apre la serie dei possibili interventi sia quello dedicato alla cosiddetta verifica: ossia al censimento dei beni pubblici per precisare (e i tempi, almeno in sede di prima applicazione, sono quelli indicati nel decreto che accompagna la finanziaria, con la norma capestro del silenzio-assenso) quali possono essere venduti. Per qualificare il nuovo Codice non poteva esserci scelta pi significativa: al principio della inalienabilit del patrimonio culturale si sostituisce quello della sua possibile alienazione quando vi sia bisogno di far cassa per colmare vuoti di bilancio o per finanziare investimenti in altri settori.
Quest'impostazione mercantile (cui corrisponde l'indebolimento della struttura tecnico-scientifica del Ministero e la crescente attribuzione di funzioni e compiti ai privati) troverebbe conferma in molte altre norme del nuovo Codice.
Ne ricordo alcune:
- l'abrogazione del decreto 283 del 2000 (che in caso di alienazione stabiliva rigorose garanzie sia per la procedura, sia per gli obiettivi di tutela e valorizzazione e le destinazioni d'uso) e la sua sostituzione con formulazioni generiche che lasciano ampia discrezionalit al ministro e in pratica pongono solo la condizione riduttiva che dalla vendita del bene non derivi danno per la sua conservazione e per il pubblico godimento;
- il restringimento della possibilit di vietare l'esportazione solo per i beni di interesse culturale particolarmente importante (cio quelli gi sottoposti a vincoli o di cui si decida di avviare la dichiarazione) anzich - come dicevano le leggi precedenti - per tutti i beni la cui uscita dal territorio della Repubblica costituisca danno per il patrimonio storico e culturale;
- la pratica equiparazione dell'affidamento della gestione a istituzioni pubbliche (Regioni, Enti locali, Fondazioni con prevalente partecipazione pubblica) e della concessione a terzi, ossia ai privati;
- le riduzione della tutela paesaggistica, sia col restringimento dei vincoli o delle aree vincolate, sia per effetto dei vari provvedimenti di sanatoria e di condono.
chiaro che provvedimenti di questo tipo non vanno certamente nella direzione di un rafforzamento dell'applicazione del principio della Costituzione circa l'interesse nazionale per la salvaguardia del patrimonio culturale e del paesaggio: al contrario determinano un abbassamento complessivo dei livelli di tutela. Certo - bene aggiungerlo - sia l'impegno delle associazioni culturali e ambientaliste, sia l'iniziativa del mondo scientifico (e la stessa robustezza della vecchia impostazione legislativa, che in parte risaliva addirittura agli Stati preunitari) hanno imposto, su altri punti, il mantenimento della vecchia normativa: in particolare stata respinta l'ipotesi pi che riduttiva, formulata nelle prime bozze, di limitare la tutela, anche per i beni pubblici, solo a quelli d'interesse culturale particolarmente importante. Ma la linea che tende a far prevalere le ragioni economiche e mercantili rispetto a quelle scientifiche e culturali segna negativamente, in pi di un punto, le formulazioni del nuovo Codice. E occorrer impegnarsi a fondo per evitare che, oltre ai guasti che gi si sono prodotti, altri ne derivino per effetto dei guasti aperti da questa revisione legislativa.



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news