LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un Codice per i beni culturali
Antonello Cherchi
Il Sole 24 ore - 17/01/2004

ROMA • Un unico Codice che della le regole per la tulela e la valorizzazione dei beni culturali e del paesaggio. Il Testo unico del "bello" ha ricevuto ieri il via libera definitivo del Consiglio dei ministri insieme con il decreto che introduce regole speciali per l'affidamento dei lavori di restauro, che si sottraggono ai criteri imposti per gli appalti pubblici dalla Merloni.
Il Codice. L'obiettivo mettere insieme la normativa sul patrimonio storico e artistico e quella sul paesaggio, tenendo per conto delle novit introdotte dalla riforma del Titolo V della Costituzione, che ha riservato allo Stato i compili di tutela e ha delegato alle Regioni quelle di valorizzazione.
Il Codice si addentra, dunque, nelle sottili distinzioni tra le due competenze — la tutela riservala al ministero, ma pu anche essere conferita alle Regioni e agli enti locali — precisando inoltre la linee di confine tra fruizione e valorizzazione del bene.
La parte politicamente pi significativa del nuovo Testo unico , per, quella relativa al nuovo regime di alienazione del patrimonio artistico, sulla quale si sono incentrate le maggiori polemiche. Viene previsto che i beni appartenenti al demanio statale e degli altri enti pubblici non possano essere venduti se non sulla base delle regole dettate dal Codice. Il Testo unico individua un nucleo di beni invendibili (per esempio, i monumenti nazionali), mentre gli altri, suddivisi tra demaniali e non, possono essere ceduti dietro autorizzazione del ministero e, in taluni casi, a condizione che chi li acquista non modifichi la loro destinazione d'uso. Ieri questo impianto , per, dovuto venire a compromessi con l'altro meccanismo disegnato dal decretone di accompagnamento alla Finanziaria, che, tra l'altro, assegna alle soprintendenze 120 giorni per esprimersi sul valore dell'immobile, dopodich scatta il silenzio assenso e il bene pu essere venduto. I tecnici di Palazzo Chigi stanno lavorando al coordinamento delle due norme.
Dopo oltre 60 anni dalla legge Bottai del 1939 — ha affermato il ministro dei Beni culturali, Giuliano Urbani — con il Codice stata, per la prima volta, tentata una risistemazione aggiornata (e non solo compilativa, come invece avvenuto per il Testo unico del 1999) del corpus normativo sui beni culturali.
Critici, invece, i rappresentati dell'opposizione — Giovanna Melandri (Ds) ha parlato di rottamazione di tutte le politiche culturali — e le associazioni ambientaliste: per il Wwf il Codice elimina le norme di tutela sul paesaggio, mentre Legambiente ha espresso perplessit sul meccanismo di vendita del patrimonio culturale.
Il restauro. Il decreto legislativo nasce anche dalla necessit di non penalizzare le imprese artigiane, spesso escluse dalle regole della Merloni, che impongono il massimo ribasso. Nei restauri di mobili e immobili tutelati , invece, necessario garantire anche la qualit dell'intervento, per cui ora il criterio della scelta diventa quello dell'offerta economicamente pi vantaggiosa.




news

19-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 19 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news