LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

POMPEI. La sfida. Profili: via gli abusivi, aprire tutte le case. Intervista a Luca Zan
Viviana Ponchia
Il giorno – Il resto del carlino – La nazione, 19-07-2008




«VENENDO A NAPOLI ho avuto modo di constatare in che stato di indecenza si trova Pompei, Abbiamo perciò messo a disposizione i fondi necessari e nominato un commissario. È un patrimonio Unesco e va riportato a condizioni decenti e di normalità. Credo sia una notizia che faccia piacere a tutti quelli che amano il proprio paese». Così ieri il presidente del consiglio Silvio Berlusconi, mentre nell’area archeologica il ministro Bondi insediava il commissario, Renato Profili.
La prima cosa da fare? «Cacciare gli abusivi», ha tagliato corto Profili, appena investito di pieni poteri. «Poteri ordinatori e derogatori», ha precisato il sottosegretario Francesco Maria Giro. A Pompei il prefetto gestirà la cassa - i 40 milioni di euro della Soprintendenza a cui si dovrebbero aggiungere altri 17 milioni della Regione Campania - e dovrà affrontare di petto, da subito, i problemi più vistosi, «dall’abusivismo al ristorante, dai cani randagi ai servizi igienici pessimi», ricorda Bondi. Ma non solo: contestualmente Profili dovrà mettere mano alla questione custodi, riorganizzandone il lavoro, rimettendo in riga «gli svogliati e i senza divisa».
Ottimizzare il loro lavoro (di, nuove assunzioni, almeno per ora, non se ne parla) per poter aprire al pubblico le tante case restaurate eppure ancora inaccessibili (le visitabili sono il 35%). In agenda anche nuove modalita di gestione, con aperture a enti locali, fondazioni bancarie, private. «Il lavoro comincia adesso», ha sottolineato Bondi.

BOLOGNA.
UNA RIFORMA nata zoppa, svezzata con inconsistenza e svagatezza. Pompei malata, Pompei da risanare. Dieci anni fa ci hanno provato con un Piano su misura: soprintendenza autonoma, in teoria più agile. Missione nel complesso fallita. Oggi - tra cani randagi, degrado archeologico e pipì che nessuno sa dove andare a fare - arriva il commissario. Un atto d’amore verso la cultura, dice il ministro Bondi.
"La prova che l’Italia salta sempre la fase della normalità per puntare dritta all’emergenza" dice Luca Zan, professore di economia aziendale all’Università di Bologna, esperto di management dei beni culturali con una competenza che va dal British Museum al Machu Picchu passando appunto per Pompei.
Professore, cosa ne pensa di questa task force piena di buone intenzioni?
«Penso che l’amore a volte è sincero e a volte no. E che per ora bisogna sospendere il giudizio. Un commissario può essere due cose molto diverse: un atto di ripresa e di vera modernizzazione oppure l’ennesima tappa di una storia incoerente. Si vedrà. Oggi- quello che si vede mette tristezza. E i miei colleghi mi riempiono di sfottò da ogni angolo del mondo. Pompei è una vetrina straordinaria, come la Scala. Il suo degrado rappresenta l’amplificazione dell’incapacità tutta italiana di garantire servizi decorosi. Mi spediscono ritagli di giornale: ancora problemi da quelle parti, eh?».
L’effetto di immagine è devastante. Provi a spiegare come si è arrivati a questo punto.
«Mantenere Pompei è oggettivamente una grande sfida. Parliamo di un sito che ha più di 250 anni, 1400 case, 20 mila metri quadrati di affreschi e 3 mila di mosaici. Ma al di là di questo, la malattia già diagnosticata negli anni ‘90 si chiama banalmente organizzazione. Un museo, un sito di questo genere, devono essere gestiti in quanto organizzazione complessa, non paralizzati dalla burocrazia. Nel ‘97 l’analisi della Soprintendenza e del World Museum Found ha messo in chiaro i problemi tecnici, ma la sostanza della gestione non. è cambiata. Non sono incoraggiati i processi di riorganizzazione del lavoro e di outsourcing».
Suggerimenti?
«Esistono forme più coraggiose di trasformazione della burocrazia statale. Prenda il British Museum: al 75% è finanziato dal governo, ma con una sovvenzione unica, la "one block grani". Questo consente scelte di gestione più agili. A Pompei nel 2007 è stata abolita nel silenzio totale la figura del city manager, introdotto come direttore amministrativo dal ruolo forte. L’autonomia è stata smantellata».
E adesso è l’ora dei lamenti, dai cani randagi in su.
«I cani sono anche loro parte di un problema organizzativo: se nessuno li caccia si riproducono, ma nessuno può cacciarli perché andrebbero messi in canile e il canile non c’è. D’altra parte non mandi un dipendente del ministero a correre dietro ai randagi e questo è l’esempio di un paese impossibile, dove la trappola delle norme paralizza l’azione. La riforma di Pompei doveva essere un laboratorio:il banco di prova per capire se l’Italia ha la possibilità di cambiare. La risposta è no. Detto questo, viva il commissario se serve a riaprire la discussione».

L’ESPERTO
Il professor Luca Zan: «E’ un banco di prova per capire se il Paese può cambiare»




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news