LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Non depenalizzeremo i reati ambientali
CORRIERE DELLA SERA, Quotidiano Milano, 16-GEN-2004

An: la legge non cambia, un emendamento bloccher le modifiche. E il paesaggio diventa un bene culturale
Per il senatore di An Pino Specchia, relatore del disegno di legge delega in materia ambientale non ci sar alcuna indiscriminata depenalizzazione dei reati a danno del paesaggio
La depenalizzazione sar possibile solo per i lavori compiuti in difformit dell'autorizzazione e compatibili con il paesaggio. Niente aumento delle superfici o dei volumi
L'articolo sotto accusa prevede la depenalizzazione degli abusi edilizi commessi nelle zone protette quando siano compatibili dal punto di vista paesaggistico
II testo unico dei Beni culturali del 1999 prevedeva l'arresto fino a due anni e la condanna a ripristinare lo stato dei luoghi a spese del condannato
ROMA E' ufficiale, e stavolta non ci sono esitazioni: Non ci sar alcuna indiscriminata depenalizzazione dei reati commessi a danno del paesaggio. Parola di Pino Specchia, senatore di Alleanza nazionale e soprattutto relatore del disegno di legge delega al governo per il riordino della materia ambientale. Specchia poi sillaba le parole: Sia chiaro, ho presentato il mio emendamento col pieno consenso del governo e della maggioranza. Non prenderei mai un'iniziativa che non lo fosse...
La pietra dello scandalo l'emendamento all'articolo 32 della legge delega cos com' stato modificato e approvato dalla Camera ora sotto esame della commissione Ambiente del Senato convocata per marted 20. Tutto si basa sulla correzione dell'articolo 163 del testo unico dei Beni culturali del 1999, tuttora in vigore. Se una costruzione realizzata su aree protette (addirittura mai autorizzata), verr dichiarata compatibile con i piani paesaggistici, non comporter pi alcun reato penale: anche nel caso di un aumento d volumi rispetto a quelli autorizzati. Niente possibile arresto fino a due anni, addio obbligo di ripristinare lo stato delle cose com'erano prima dell'abuso.
Quel testo cos permissivo ha scatenato l'indignata reazione degli ambientalisti e di molti intellettuali che hanno firmato un recente appello sostenuto dal Fai, Italia Nostra, Wwf e Touring Club Italiano.
Promette Specchia: Questa depenalizzazione non si far mai. Ho presentato un emendamento al testo arrivato dalla Camera. Si torner alla versione originaria voluta dal governo: depenalizzazione possibile solo per i lavori compiuti in difformit dell'autorizzazione che vengano giudicati compatibili col paesaggio. Niente aumento delle superfici o dei volumi consentiti. I materiali dovranno essere tra quelli previsti dagli strumenti di pianificazione paesistica. I trasgressori dovranno aver pagato la sanzione.
Una marcia indietro, insomma. Diciamo che c' stata un'ampia riflessione nella maggioranza. E non un mistero che lo stesso ministro dell'Ambiente Altero Matteo-11, che il ministro per i Beni culturali Giuliano Urbani e lo stesso presidente della commissione Ambiente del Senato, Emiddio Novi di Forza Italia, fossero nettamente contra-ri. Ma il famoso emendamento approvato alla Camera stato presentato da tre deputati di Forza Italia, cio Maurizio Lupi, Valter Zanetta e Francesco Brusco, Come risponde? Se singoli deputati, forse nella confusione, riescono a far passare certe norme, magari su suggerimenti o pressioni, tutto questo appartiene
alla responsabilit personale. Non implica certo la linea del governo. Il centrodestra ritiene prioritaria la tutela dell'ambiente e del paesaggio.
E che ne dice dell'appello pubblicato dai giornali? Lo condivido senza dubbio. Se quella norma fosse stata approvata, sarebbe stata probabilmente sfruttata per combinare altri guai. Quanto peso ha avuto il documento sul ripensamento della maggioranza? Ne ha avuto, in parte. Abbiamo l'abitudine di analizzare tutti i possibili contributi. Ma per la verit, come possono testimoniare molti, avevamo gi intenzione di modificare il testo arrivato dalla Camera. Quindi lei condanna l'iniziativa dei tre deputati di Forza Italia... Non la condivido, una cosa diversa. I parlamentari non sono tuttologi. Pu capitare di approvare norme senza valutarne appieno le conseguenze.
Specchia aggiunge un'ultima notizia legata all'approvazione da parte del Consiglio dei ministri di oggi del nuovo Codice dei beni culturali che per la prima volta considera il paesaggio un bene culturale a tutti gli effetti: Se scopriremo che la materia sufficientemente regolata dal Codice, probabilmente toglieremo direttamente dal nostro testo il famoso comma 2-bis all'articolo 32.
Specchia coglie l'occasione per togliersi qualche sassolino dalla scarpa: II centrodestra nemico dell'ambiente? Una forzatura. Prendiamo il condono. Sarebbe stato meglio lasciare tutto senza regolamentazione, senza distinguere tra ci che sanabile e ci che va demolito? Il centrosinistra dovrebbe spiegarci perch ci ha consegnato un settore abbandonato, senza nemmeno un piano per il bonifico delle aree a rischio ambientale.
Paolo Conti

EMENDAMENTO
I favorevoli
L'emendamento all'artcolo 32 sulla depenalizzazione era stato presentato alla Camera da un gruppo di deputati di Forza Italia tra cui Maurizio Lupi, Valter Zanetta e Francesco Brusco
L'APPELLO
Icontrari
Pochi giorni fa quattro associazioni italiane impegnate nella difesa dei beni culturali e del paesaggio (Fai, Italia Nostra, Wwf e Touring Club Italiano) hanno reso pubblico un appello contro la depenalizzazione firmato da cento prestigiose firme: tra gli altri Claudio Abbado, Riccardo Muti, Inge Feltrinelli, Ermanno Olmi, Cesare Romiti, Leopoldo Pirdli, Gae Aulenti, Salvatore Settis



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news