LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PUGLIA - "Urbanistica, speculazione in agguato Bari sar il grande magazzino del mattone"
ANTONIO DI GIACOMO
VENERD, 18 LUGLIO 2008 LA REPUBBLICA - Bari

Lintervista

Parla il professor Amerigo Restucci: il Comune d il colpo di grazia al piano Quaroni





"Dal punto di vista ambientale, rischi enormi. E ci sar la privatizzazione dei servizi"


Questa variante urbanistica cancella la parola speranza in chi ama ancora questa citt. Spazza via la possibilit che ci potesse essere un piano paesaggistico e un disegno urbano che salvasse quel poco che resta dellidentit di Bari. il giudizio, netto e tagliente, dellurbanista Amerigo Restucci, docente di storia dellarchitettura alluniversit di Venezia. A distanza di una decina di giorni dallapprovazione in consiglio comunale della variante alle Norme tecniche di attuazione il dibattito non accenna a spegnersi. Anzi. Il tutto mentre Maria Maugeri, assessore allAmbiente, getta acqua sul fuoco liquidando la polemica nei termini di polverone mediatico e, al tempo stesso, tuona contro chi da un lato vota a favore delle Nta e dallaltro dichiara sui giornali che ci aspetta una colata di cemento. Restucci non siede in consiglio eppure non affatto ottimista sul domani del capoluogo.
Professore, cosa la preoccupa di questa vicenda?
Intanto una variante che fa i conti con una Bari che ne aveva poco bisogno. una citt che scappata via da tutte le parti.
Pu spiegarsi meglio?
Tradito fino allinverosimile, del piano regolatore disegnato da Ludovico Quaroni nel 76 si smarrito il centro gi da tempo. La variante si risolver nel colpo di grazia.
Quali effetti riesce a immaginare?
Lespansione residenziale senza argini, prima dogni altra cosa. Undici milioni di metri cubi di edificabilit non sono uno scherzo. Ledilizia sar convogliata dai costruttori in vaste aree e la citt finir col presentarsi come un grande magazzino con oggetti tutti incongrui fra loro e temo, soprattutto, legati da una mancanza di qualit architettonica e urbanistica. Vedo la speculazione in agguato dietro langolo.
Nefaste previsioni. Non star esagerando col pessimismo?
Non direi. Purtroppo Bari una di quelle citt italiane dove se qualcuno mi dovesse chiedere di indicare un edificio di qualit architettonica collocato allinterno di un vero e unitario piano urbanistico non saprei proprio dove andare a trovarlo. A meno che non finisca con laggrapparmi alle realizzazioni di Saverio Dioguardi.
Cos che non va?
Una citt come Bari dovrebbe svilupparsi attraverso un colloquio fra buona architettura sulla costa e mantenimento dellecosistema delle lame. Cos stato dal Medioevo agli anni Trenta.
E adesso?
La variante conferma ledificabilit delle zone sensibili dal punto di vista ambientale, prefigurando rischi inimmaginabili. Senza tacere della privatizzazione dei servizi.
Che fare allora?
Auspico un dibattito quanto mai allargato, una mobilitazione dellopinione pubblica. Perch questa variante ignora larticolazione dei gruppi sociali cittadini, come pure le stesse idee di chi ha ancora un po di fiato per esprimere delle istanze culturali sempre puntualmente calpestate in questi anni.
Daccordo, ma una soluzione?
Esiste un piano regionale paesaggistico nato allindomani di un accordo fra i ministeri per lAmbiente e i Beni culturali e la giunta Vendola. Ebbene il piano dice una cosa: bisogna inseguire la qualit passando da analisi storico-morfologiche del paesaggio, urbano e naturale, e questa variante non la fa nemmeno col cannocchiale. Nessun comune pu muoversi eludendo il confronto con questa elaborazione. Ecco perch, a questo punto, sono curioso di sapere cosa far la Regione.



news

19-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 19 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news