LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Universit, Rettori in rivolta - Bocciato il Ddl delega di riorganizzazione
Marco Pertaca
ITALIA SERA; Edizione n. 282 del 15/01/2004



Nuova tegola per il ministro Letizia Moratti


Una riforma 'all'american dello statuto giuridico dei docenti universitari. Questi i contenuti dello schema di ddl delega del ministro dell'Universit, Letizia Moratti, che il comitato di presidenza della Conferenza dei rettori (Crui) chiede di non presentare al Cdm di oggi. Ecco i contenuti del disegno di legge.
CONCORSI: dopo sei anni di concorsi locali, si torna alla prova centralizzata. I concorsi dovrebbero tenersi ogni due anni, alternativamente per professori ordinari e associati. Il numero dei posti banditi superer del 20% il fabbisogno espresso dagli atenei, che dovranno dimostrare di avere le risorse finanziarie necessarie. Il 15% dei posti per associati sar riservato ai ricercatori con almeno 5 anni di insegnamento.
DURATA INCARICHI: i vincitori dei concorsi avranno contratti a termine della durata massima di tre anni, rinnovabili per altri tre, al termine dei quali gli atenei dovranno decidere se nominare in ruolo il docente, o rimandarlo a casa.
RICERCATORI: la figura scomparir e sar sostituita da profili in possesso di laurea specialistica o titoli superiori (master, dottorati), inquadrati con collaborazioni coordinate e continuative quinquennali, rinnovabili una volta sola.
RETRIBUZIONI: saranno variabili. Non ci sar alcuna penalizzazione per chi svolge attivit professionali esterne all'Universit, ma aumenter il carico di lavoro. La retribuzione fissa sar legata allo svolgimento di 350 ore annue, di cui almeno 120 per la didattica. La quota variabile sar, invece, legata a ulteriori impegni nella ricerca, nella didattica e nelle attivit gestionali (anche sulla base di incarichi di organismi privati), o ai risultati raggiunti.
APERTURA AI PRIVATI: gli atenei potranno svolgere progetti di ricerca in convenzione con imprese o fondazioni, che prevedano incarichi triennali rinnovabili per docenti, i cui oneri saranno a carico delle istituzioni private.
STUDIOSI: gli atenei potranno coprire una quota non superiore al 6% delle docenze attraverso la nomina in ruolo di studiosi italiani o stranieri di chiara fama. Ma le Universit potranno anche stipulare con gli studiosi contratti di diritto privato, per un massimo di tre anni. La riforma dell'universit indispensabile per il rilancio della competitivit. E' un vero e proprio appello quello che il presidente della Confindustria, Antonio D'Amato, ha fatto nel suo intervento alla Luiss dove si svolta la quinta lezione "Angelo Costa" tenuta dal prof. Andreu Mas-Colell dell'universit Pompeu Fabra di Barcellona. "La competitivit si gioca facendo quelle riforme economiche e sociali che sono indispensabili per il paese - ha detto D'Amato - abbiamo oggi alcune questioni aperte molto significative, a partire dalla riforma delle pensioni ma c' una riforma veramente indispensabile ed quella dell'universit". Secondo il presidente di Confindustria la riforma dell'universit " una responsabilit cui la politica non pu sottrarsi perch se non si mette finalmente in moto nel nostro paese e negli altri paesi europei la capacit di creare universit pi aperte o in grado di accogliere i cervelli che l'Europa continua a perdere la strada di Lisbona una strada che non percorriamo". Uno degli obiettivi fissati dal vertice di Lisbona quello di arrivare "al 70% della popolazione attiva e che lavora - ha ricordato D'Amato - e per rispettarlo serve una massa d'urto formidabile in ricerca e innovazione". Senza la riforma dell'universit "ci troveremo impreparati - ha concluso D'Amato - rispetto all'obiettivo di diventare pi forti, pi efficienti e pi competitivi". No al ddl Moratti sullo stato giuridico della docenza universitaria: questa la protesta avanzata da Antonio Marsilia, segretario generale della Cisl Universit. "Il modello americano con contratti a termine per i docenti e l'abolizione della figura dei ricercatori non sono la soluzione ai problemi dell'Universit - afferma Marsilia in una nota - Pensare di sostituire i ricercatori con i co.co.co credo sia un segnale evidente di come si sia deciso di smantellare il sistema universitario nazionale". Marsilia esprime perpelssit anche nei riguardi della flessibilit: "La bandiera della flessibilit non compatibile con i settori della ricerca e della didattica che proprio per la loro natura richiedono processi di lavoro che a volte durano anni". " E' stata proprio la mancanza di certezze e di prospettive - conclude - a favorire la fuga dei cervelli e a portarci in posizioni non invidiabili nella classifica della competitivit. Ora, invece, si pretenderebbe di proporre a sistema il precariato selvaggio".



news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news