LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni Culturali - In tre mosse il rilancio del patrimonio
Il Sole 24 ore, 16 luglio 2008

Rilanciare parchi archeologici e musei, creare una direzione generale che si occupi del sistema museale italiano e puntare sulle gestioni autonome del patrimonio storico e artistico nazionale. Questi, in sintesi, i tre nodi programmatici che il ministro per i Beni e le attivit culturali, Sandro Bondi, ha illustrato ieri durante la presentazione del V rapporto annuale di Federculture. I circa 40 milioni di euro previsti dalla prossima Finanziaria, assicura Bondi, non saranno distribuiti a pioggia, come accaduto in passato, ma saranno concentrati per rilanciare musei e parchi archeologici in Italia e all'estero.
Oltre alla razionalizzazione dei fondi, Bondi ha annunciato la prossima creazione di una direzione generale per i musei e l'intenzione di individuare, previo concorso internazionale, una figura manageriale capace di coordinare un progetto di rilancio complessivo del sistema museale italiano.
In un quadro politico che ha fatto del federalismo la sua parola d'ordine, Bondi ha inoltre assicurato che le gestioni autonome - Comuni, Province e Regioni in partnership con soggetti privati - saranno tutelate e rappresentano lo strumento giusto per far uscire dalla crisi il patrimonio culturale italiano e far fronte alla carenza di risorse che attanaglia il ministero. La riforma del Titolo V della Costituzione ha infatti attribuito alle Regioni potest legislative in materia di valorizzazione del patrimonio culturale e ha permesso di disciplinare progressivamente il settore a livello locale.
Con un investimento che in sei anni ha superato i tre miliardi di euro (490 milioni solo nel 2006), resta fondamentale anche l'apporto degli istituti di credito: Ho gi parlato con il presidente delle fondazioni bancarie e con i protagonisti delle imprese - ha detto il ministro -, mi hanno assicurato che se lo Stato far una scelta qualificante, non faranno mancare la loro presenza.
Il panorama dei donatori, nel settore culturale, frammentato. Il 74% delle erogazioni liberali concentrato al Nord, mentre al Centro-Sud va meno del 10%, per un valore complessivo di poco superiore a 31 milioni. Secondo il presidente di Federculture, Giorgio Van Straten, quindi necessario dar vita a un piano strategico di sviluppo che integri tutte le forze in campo, a livello locale, e riorganizzi i servizi culturali rilanciando i territori. Nella stessa direzione anche la proposta di creare un fondo rotativo per la progettualit che permetta di valutare, in anticipo, la sostenibilit delle nuove opere dal punto di vista economico e sociale. Tra i frutti migliori della collaborazione tra Stato ed Enti locali, Van Straten individua la Fondazione del Museo egizio e della Reggia di Venaria a Torino, e la recente Fondazione Aquileia.
Sebbene la situazione presentata dal rapporto non sia rosea, segnali positivi vengono dai cittadini: nel 2007 le famiglie italiane hanno speso in attivit culturali 61,5 miliardi di euro, con un incremento del 2,3% rispetto all'anno precedente. In crescita anche il numero di visitatori nei luoghi della cultura: il rapporto Federculture fa registrare un aumento del 38% per musei e siti archeologici.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news