LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Paolucci: Basta con il Museo-Circo
Stefano Miliani
12 LUGLIO 2008, L'Unit



IL PREMIO Da San Pietroburgo il direttore dei Musei Vaticani, vincitore del Grinzane Ermirage, dice no alla spettacolarizzazione dellarte e invita i colleghi a resistere al clamore mediatico dei grandi numeri



Ora dirigo i Musei Vaticani. Ogni giorno oltre duemila persone entrano alla Cappella Sistina e ogni giorno mi chiedo se fra quattro o cinque generazioni la Cappella Sistina ci sar ancora. Chi dirige i grandi musei deve imparare a resistere al clamore mediatico dei grandi numeri. Basta con le mostre effimere. E soprattutto dobbiamo resistere alla deriva dellidea del museo- circo come avverr per esempio a Dubai. Con una stoccata alla succursale nel Golfo Persico progettata dal Louvre Antonio Paolucci, direttore dei Musei Vaticani dopo essere stato soprintendente nel nord Italia e a Firenze, ministro per i Beni culturali nel 95-96, spedito in pensione dallo Stato a 67 anni contro la sua volont, lancia un allarme dallErmitage di San Pietroburgo, un museo affollato da 2,5 milioni di visitatori lanno. Lo storico dellarte riminese parla nella citt russa dove a luglio non cade mai il buio: qui riceve il Grinzane Ermitage, seconda edizione dedicata allarte del premio piemontese gemellato con la Russia e dove condivide il riconoscimento con lo storico di araldica russa e divise militari, nonch vice direttore del Museo sanpietroburghese, Gheorgij Vadimovic Vilinbakhov. E nella piccola sala teatrale infinti marmi, stucchi, statue nelle nicchie, costruita dal 1783 al 1787 dallarchitetto piemontese Quarenghi, nella citt voluta a immagine e somiglianza urbanistica delle metropoli occidentali a inizio XVIII secolo da Pietro il Grande, sul delta della Neva, nella sala teatrale Paolucci d una sterzata alla cerimonia (presente anche la governatrice del Piemonte Mercedes Bresso) con un pensiero preoccupato sullarte consumata dalla civilt di massa.
Non ho una soluzione, ma dobbiamo trovare il giusto equilibrio , insiste lo studioso.
Giusto equilibrio tra cosa?
Da un lato serve una cultura didattica che faccia capire a chi entra in raccolte come Ermitage, Versailles, Palazzo Pitti cosa ha visto e perch, come nata una collezione; dallaltro serve una cultura che conservi questo patrimonio alle generazioni future. I 50mila conoscitori lanno a fine anni 30 agli Uffizi, per aver frequentato buone scuole e letto molti libri, capivano cosa vedevano; oggi, perch non ci sono buone scuole, perch i ragazzi guardano solo la tv, il milione e mezzo lanno di turistiche affolla ogni anno il museo fiorentino non sa cosa vede.
A sentir dire cos potreste crederlo in vena di nostalgie aristocratiche se non peggio. Sarebbe un equivoco. Sono contrario al numero chiuso, positivo che tanti oggi vedano larte - chiarisce - Lunica soluzione possibile nei grandi musei imporre lingresso solo su prenotazione via internet. Dobbiamo disciplinare i flussi. Non c scelta.
E, con un colpo ad effetto, al microfono fa autocritica . Come categoria, intende. Faccio autocritica perch noi direttori di musei non ci facciamo sufficientemente carico del lato educativo: non dobbiamo preoccuparci di quanta gente entra nei musei ma di come ne esce, cosa capisce.
Se non un resistere, resistere, resistere poco ci manca: Faccio autocritica perch spesso serve uninventiva che noi storici dellarte non abbiamo.
Autocritica volendo giustificata, ma per un altro aspetto:proprio Paolucci, in passato, ha incassato dure critiche per la facilit, vera o presunta, con cui ha prestato capolavori dai musei fiorentini, magari in Giappone, perch rappresentavano la nostra cultura e/o perch lo chiedevano la politica e la diplomazia.
Ne convinto, lex soprintendente, la spettacolarizzazione dellarte pu avere conseguenze devastanti: Se potessero protestare le opere vorrebbero tornare allepoca in cui pochi le vedevano e i regnanti le tutelavano attraverso mille mestieri, i falegnami, i doratori, i bronzisti, ma la civilt industriale ha cancellato questi mestieri preziosi, le opere rischiano di dissolversi.
Contro il degrado Paolucci invoca controllo preventivo, manutenzione costante, meno restauri, vera programmazione nel prevenire le cure alle opere.
Facendo sempre pi affidamento sui privati come si invoca sempre pi spesso?
Nientaffatto, sono statalista convinto, sono comunista e fascista ribatte con uno dei suoi paradossi mediaticamente a effetto - Sono contrario alla deriva verso la privatizzazione a cui si sono omologati tutti i ministri anche se di parti politiche diverse, come, per esempio la Melandri o Buttiglione. Comunque il miglior ministro della Cultura stato Bottai, con le sue leggi di tutela del 39.
E poi conclude: Nel 2006 le banche italiane hanno speso in cultura, tra mostre, concerti e altro,500 milioni di euro. Siamo sicuri che li hanno spesi tutti bene e non a pulviscolo? Sono contrario a voler trasformare tutto in fondazioni, gli Uffizi per esempio. E, voglio concludere, sono contrario anche alla regionalizzazione dei Beni culturali: le Regioni farebbero costruire come e dove vogliono le piccole realt, lo Stato che deve tutelare e controllare



news

23-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news