LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BONDI A SETTIS: Alla cultura tagli necessari ma spenderemo meglio
05-07-2008 IL SOLE 24Ore




Caro Direttore, mi faccia esprimere la mia amarezza e il mio stupore per quanto letto ieri sul suo giornale in merito al ministero di cui ho la responsabilit politica. Non mia abitudine scendere in polemiche pretestuose, ma trovo l'analisi di Salvatore Settis, pur se ispirata da nobili intenti, inutilmente apocalittica, nonch irrituale nella forma pubblica, poich il prof. Settis stato da me appena confermato presidente del Consiglio superiore per i beni culturali.

Come ricorda Settis, in Parlamento mi sono impegnato a un rigoroso rispetto dell'articolo 9 della Costituzione ma con l'idea che la nostra funzione non sia soltanto quella vincolista - peraltro funzione svolta egregiamente grazie ai valenti tecnici delle Soprintendenze -bens con la speranza che i beni culturali possano essere anche un'opportunit di sviluppo economico.

Il che - voglio ricordarlo per evitare altri fraintendimenti -non significa sfruttamento selvaggio del bene, semmai la sua piena valorizzazione. sotto gli occhi di tutti, infatti, il cattivo utilizzo dei beni culturali, come dimostra il caso di Pompei. E che invece potrebbe garantire il rilancio di un comparto economico strategico per l'Italia, come il turismo culturale e di qualit. Ma al di l del turismo, sono convinto che la conservazione della Bellezza possa innalzare di nuovo il nostro Paese a luogo elettivo per tutte quelle aziende che hanno nella creativit (qualit spesso fortificata dalla frequentazione con la Bellezza) la loro vocazione naturale.

Non dunque mia intenzione, n quella del Governo che rappresento dismettere le funzioni di tutela. Anzi con l'ottimismo che ci caratterizza, siamo convinti di poter addirittura aumentare in futuro gli investimenti nel settore, uscendo per da logiche esclusivamente stataliste, che talvolta hanno prodotto danni incalcolabili: musei abbandonati, siti archeologici devastati, incapacit manageriali tali da rendere insostenibile la giusta conservazione che merita il nostro patrimonio.

Voglio inoltre ricordare che mia precisa volont quella di razionalizzare la spesa del ministero, diminuendo i sovvenzionamenti inutili a pioggia o senza valutazione attenta dei costi e dei benefici che hanno caratterizzato l'idea illiberale di una cultura al servizio e succube della politica, incentivando invece il ruolo dei privati e delle associazioni per la gestione e la valorizzazione del patrimonio artistico, fermo restando, come gi pi volte detto, il ruolo di tutela che deve appartenere allo Stato.

Ritengo poi che il giudizio del Prof. Settis sui tagli effettuati sia frutto di una preoccupazione condivisibile ma che prescinde da una considerazione realistica delle condizioni economiche in cui si trova il nostro Paese.

I tagli, dunque, ci sono stati, ma non certo la prima volta e non certo per una scelta politica di sminuire il ruolo e le funzioni del ministero. I tagli, come evidente a chiunque guardi senza pregiudizi la realt delle cose, sono imposti da congiunture macroeconomiche che sono fuori dalla portata immediata di una diretta azione dei governi nazionali, e riguardano proporzionalmente tutti i comparti, non certo solo, n in misura maggiore degli altri, il ministero per i Beni e le attivit culturali. Dietro questi tagli, dunque, c' solo la necessit, ma nulla che possa sia pur lontanamente far immaginare una "messa in liquidazione " del ministero e delle sue funzioni, che vanno invece salvaguardate e ancor meglio valorizzate, come ho pi volte ripetuto, e che costituisce la missione per la quale ho accettato l'incarico di ministro per i Beni e le attivit culturali.
Per quanto riguarda invece i concorsi per l'assunzione di nuovo e giovane personale qualificato, ho gi dato una forte sollecitazione all'accelerazione delle procedure in atto, n saranno bloccate le previsioni di nuovi 400 assunti contenute nella finanziaria dello scorso governo. Non c', dunque, nessuna volont o iniziativa volta a indebolire la struttura ministeriale, come appare dall'articolo di Settis.

Infine la questione delle Regioni. L'articolo 114 della Costituzione - che stato introdotto nel 2001 sulla base di una riforma peraltro votata dalla sinistra - enuncia che la Repubblica costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Citt metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato. L'articolo 9 della Costituzione dice che la Repubblica tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. La Corte costituzionale ha predicato per decenni il supremo valore unificante della leale cooperazione interistituzionale.

Credo, perci, che la scelta di costituire un tavolo di confronto e di dialogo con le Regioni per la migliore attuazione del Codice dei beni culturali e del paesaggio sia una scelta di saggezza e di buon senso, dovuta proprio in rispetto della nostra Costituzione. Praticare uno statalismo assoluto d'antan, come vorrebbe Settis, porterebbe di sicuro al federalismo differenziato, e alla richiesta forte, da parte di tutte le Regioni (e non solo della Lombardia), che avrebbero a questo punto pi che ragione, di "separarsi" dallo Stato per adempiere in via esclusiva alla tutela e alla gestione dei beni culturali, in base all'art. 116, terzo comma della Costituzione. Non credo che il prof. Settis voglia tutto ci.
Sandro Bondi



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news