LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ambiente, un emendamento che è un atto di barbarie
Vittorio Emiliani
Nuova Venezia - Mattino di Padova - Tribuna di Treviso, 13/01/2004

Giornate decisive al Senato per uno dei provvedimenti più devastanti, dal punto di vista etico, legislativo e paesaggistico: il tristemente noto comma 32 dell'articolo 1 della legge-delega al governo per la «riforma» dell'Ambiente.
Con esso si depenalizza il reato di abusivismo per chi costruisca: 1) anche «in assenza della autorizzazione»; 2) con tipologie e materiali «anche se diversi» dalla concessione; 3) persino in area protetta e vincolata. Il peggio del peggio. E finalmente si sono mossi per protestare contro questo autentico «crimine ambientale e paesistico» anche personaggi del mondo dell'editoria, della musica, della moda, ecc. Oltre alle associazioni per la tutela. In realtà è soltanto l'ultimo attentato (per ora), certo il più grave, il più micidiale, contro la salvaguardia paesaggistica. La già oscena legge sul condono edilizio - partita in questi giorni in pieno caos, con alcune Regioni decise a respingerla con ricorsi e leggi ad hoc - prevede che almeno nelle aree protette (parchi, siti archeologici, ecc.) venga esclusa ogni forma di sanatoria. Anche se, per la prima volta nella storia d'Italia, essa ammette il condono anche per costruzioni parzialmente edificate su suoli demaniali. Con l'emendamento n. 32 alla legge sull'Ambiente, introdotto alla Camera dal relatore on. Adriano Paroli (Forza Italia),
si va oltre ogni immaginazione: chi costruirà abusivamente anche in zona protetta da vincoli vedrà depenalizzato il suo reato. Un'autentica follia che incoraggia e premia l'abusivismo «alla moda» il quale insidia le aree più pregiate.
Per comprendere sino in fondo la barbarie di un simile provvedimento, provo a ricostruirne il percorso: nell'ottobre 2001 il governo presenta una legge-delega di quattro articoli per la riforma dell'Ambiente; alla Camera diventa una legge con la quale si modificano tanti punti della legislazione sui beni ambientali e paesistici (si peggiora pure il Testo Unico sui Beni Culturali del '99). Per poter porre la solita fiducia, il governo lo trasforma in un solo maxi-articolo con tanti emendamenti. Il Senato lo riceve e mette alcuni paletti. Torna alla Camera dove il relatore Paroli (FI) li toglie e inserisce l'emendamento-assolvitutti n. 32. Ora il Senato si ritrova, con questa e altre modifiche, la patata bollente. Il mondo della cultura denuncia e protesta. Qualcuno dice che il Codice Urbani per i Beni culturali (scadenza della delega il 23 prossimo) contiene norme di segno opposto. È vero soltanto in parte. Non prevede cioè questa barbarie e però abbassa anch'esso il livello di salvaguardia smontando, di fatto, la legge Galasso per i piani paesistici, col Ministero che rinuncia al potere di annullamento delle autorizzazioni comunali e regionali. Una regressione mai vista.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news