LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CODICE DEL PAESAGGIO - LECCE La Sovrintendenza sar presto potenziata
La Gazzetta del Mezzogiorno 01/07/2008

I Comuni potranno rilasciare il nulla osta paesistico sino al 31 dicembre 2008 secondo le vecchie procedure e gli uffici della Sovrintendenza di Lecce saranno potenziati. Con questa chiarificazione del responsabile dell`ufficio legislativo del Ministero dei Beni culturali, Paolo Carpentieri, si concluso il convegno sul nuovo Codice del paesaggio, svoltosi a Lecce su iniziativa della Camera amministrativa e degli Ordini degli ingegneri e architetti, che ha registrato la partecipazione di
300 operatori del settore, in rappresentanza dei Comuni salentini.
Abbiamo chiesto all`avvocato Pietro Quinto, presidente della Camera amministrativa, di illustrare il senso di queste conclusioni del convegno.
Il problema centrale - dice - che con il 1 maggio 2008 cessato il regime transitorio disciplinato dal Codice del paesaggio, che attribuiva alle Regioni ed ai Comuni delegati la competenza al rilascio del nulla osta paesaggistico per qualsiasi intervento di modificazione del territorio ed un controllo
eventuale di legittimit del sovrintendente. Il nuovo sistema
normativo prevede invece la centralit delle Sovrintendenze, che esprimono un parere preventivo obbligatorio e vincolante su tutti i progetti edilizi, che condiziona il rilascio del nulla osta comunale. Nel secondo decreto correttivo del Codice, entrato in vigore alla fine di aprile, vi stata un`infelice formulazione della norma transitoria, che, pur rinviando al 1 gennaio 2009 l`entrata in vigore del nuovo regime, non ha tenuto conto della scadenza del termine del 1 maggio stabilito dalla normativa previgente. Si creato cos un vuoto normativo che impedisce ai Comuni di operare.
Quale la soluzione?
Il convegno organizzato dalla Camera e dagli Ordini degli Ingegneri e Architetti ha avuto lo scopo di denunziare tale situazione e sollecitare un intervento del Ministero dei Beni culturali. Il dottor Carpentieri, responsabile dell`Ufficio legislativo del Ministero, ha cos annunciato l`emanazione a breve
di una norma correttiva del "documento correttivo del Codice" (un bel bisticcio) per colmare il vuoto normativo e prorogare il regime transitorio a tutto il 31 dicembre 2008. La norma emananda
convalider anche una circolare interpretativa, concordata con le Regioni ed inviata da subito ai Comuni che consentir il mantenimento delle competenze. Ci al fine di non paralizzare
l`attivit edilizia soprattutto in alcune province come
quella di Lecce, il cui territorio gravato in larga parte
da vincoli paesaggistici.
Quali prospettive per l`ufficio della Sovrintendenza di Lecce?
Il dottor Carpentieri, recependo le sollecitazioni degli
Ordini professionali e degli operatori del settore si fatto carico di rappresentare al ministro Bondi la insostenibile situazione organizzativa e funzionale della Sovrintendenza
di Lecce, che, pur dovendo "gestire" la complessa tematica dell`ambiente, del paesaggio e dei beni culturali delle tre province salentine non dispone di un adeguato organo funzionale
e di una necessaria autonomia operativa.
Qual il ruolo della Regione Puglia nel settore?
Si tratta di un ruolo centrale e l`assessore Barbanente,
intervenendo nel dibattito, ha dimostrato di averne piena consapevolezza. Il delicato settore della tutela e valorizzazione del bene paesaggio pone l`urgenza della redazione ed approvazione
di un piano paesaggistico che potrebbe essere infraregionale
considerando le specificit della nostra regione, sul quale dovranno conformarsi gli strumenti urbanistici comunali. Solo all`esito di tali adempimenti sar superato il regime transitorio
e le autonomie locali recupereranno la loro legittimazione a gestire il proprio territorio. In poche parole la mancanza del piano paesistico regionale fa s che la centralit del controllo sul paesaggio rimanga nelle mani dello Stato, attraverso le Soprintendenze. Se la Regione si doter del piano del paesaggio
acquisir la titolarit piena del "governo del territorio"
ed il parere del sovrintendente sui progetti edilizi diverr facoltativo. Fino ad allora quel parere vincolante. Il che significa che il funzionario statale a decidere delle sorti del territorio comunale e regionale.
Rimane fermo il divieto di rilasciare il nulla osta paesistico in sanatoria?
Su questo argomento v` stato un vivace dibattito nel corso del convegno con l`intervento di numerosi tecnici comunali, ma i sovrintendenti Ramirez e Maurano hanno confermato il divieto
del nulla osta in sanatoria per gli interventi edilizi gi realizzati, ancorch autorizzabili. Il divieto nella legge
e riguarda le opere di trasformazione del territorio che comportano creazione di volume ed incremento di superficie utile. Devo dire che un tale divieto ha una valenza soprattutto "politica". Vuole essere cio un deterrente a violare la legge e ad imporre la regola del fatto compiuto. Non ha invece una razionalit urbanisticae paesistica. Non si comprende infatti perch si debba demolire un manufatto che poteva e pu essere autorizzato sotto il profilo edilizio e della compatibilit
paesistica. Si arriva all`assurdo che il giorno dopo la demolizione si pu chiedere ed ottenere l`autorizzazione formale ed edificare il medesimo manufatto abbattuto.
Potrebbe essere sufficiente la sanzione penale per colpire
l`abuso formale senza una depauperamento di natura economica-produttiva, che, peraltro, pu arrecare maggiore
pregiudizio all`ambiente attraverso l`attivit costruttiva, la successiva demolizione e la riedificazione sempre nella stessa zona.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news