LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Dogana, bagarre sul doppio incarico
Enrico Tantucci
la Nuova di Venezia Mestre 03/07/2008

E` stato Palazzo Grassi, attraverso il suo direttore Monique
Veaute, a precisare ieri che la nomina nel Comitato scientifico della Punta della Dogana di Bonito Oliva, cos come quella del direttore della fondazione dei musei civici Giandomenico Romanelli, sono dovute al Comune, mentre i francesi hanno scelto gli altri membri: Giuseppe Barbieri, Marino Folin, Angela Vettese
e Carlos Basualdo.
Il pi veloce. E` stato il consigliere comunale di Fi Michele
Zuin - il pi lesto a notare il doppio ruolo di Bonito Oliva - a presentare ieri un`interrogazione urgente al sindaco in cui giudica inopportuna la nomina di Romanelli, ma si dichiara completamente stupefatto per quella di Bonito Oliva.
Appare incredibile - scrive - che il Comune di Venezia non si renda conto di tale conflitto morale nella nomina, riguardo soprattutto il ruolo rivestito dal professor Bonito Oliva nel passato quale presidente della commissione/giuria aggiudicatrice.
Incompatibili? Anche se non vi incompatibilit formale all`incarico e la competenza professionale di Romanelli e
Bonito Oliva non in discussione, Zuin ne fa un problema
di buon gusto e decenza. Di qui la richiesta che il sindaco
revochi le due nomine prima ancora che gli interessati rifiutino, come moralmente ci si aspetta e che Cacciari si scusi con la citt e i suoi cittadini di questo gesto moralmente sbagliato e scorretto che mette in cattiva luce tutta la citt e che avr creato grosso imbarazzo, almeno si spera, in coloro che si sono aggiudicati lo spazio espositivo.
Il sindaco. Ma Cacciari - replica secco. Il consigliere Zuin - osserva - dovrebbe ricordare che il giudizio di quella Commissione presieduta da Bonito Oliva ha decreato un pareggio tra la Collezione Guggenheim e quella Pinault, mettendo anche in qualche imbarazzo il Comune per la prosecuzione della gara, ed eliminando
perci qualsiasi illazione. Proprio il giudizio inflessibile
di Bonito Oliva, aggiunto al fatto che si tratta di un critico
al top dell`arte contemporanea mondiale, che bene conosce
la citt, mi hanno spinto a designarlo per il Comitato scientifico del Centro della Punta della Dogana, certo che, con la sua professionalit, contribuir a seguirne la programmazione nel modo migliore.
Concorrenti. Laconico il direttore della Collezione Guggenheim,
Philip Rylands: Non ho alcun commento da fare su queste nomine. Ormai la questione della Punta della Dogana non ci interessa pi.
Obelischi. Non si spegne intanto - nonostante il s sofferto
del Consiglio comunale anche la polemica sull`intervento vero e proprio sulla Punta della Dogana. Dobbiamo portare alla sua attenzione ha scritto ieri al ministro dei Beni Culturali il presidente di Italia Nostra di Venezia Alvise Benedetti - le gravissime alterazioni che gli interventi in atto stanno procurando all`edificio, tra l`inquietante indifferenza degli uffici pubblici delegati alla salvaguardia, in contrasto con ogni buona pratica di restauro. L`ultimo passo in questa direzione l`autorizzazione ad erigere due obelischi in cemento alti dodici metri in quel contesto di straordinaria delicatezza. Italia Nostra chiede un decisivo intervento perch cessi ogni oltraggio
a un luogo di straordinario prestigio e valore simbolico.
Miracco. La Regione, col portavoce del presidente Galan,
Franco Miracco, commenta: Aspettiamo l`intervento e poi giudicheremo, chiedendo a Palazzo Grassi di modificarlo, se
il giudizio sar negativo, mentre l`assessore ai Lavori pubblici Mara Rumiz giudica un`esagerazione le proteste, per quelli che sono di fatto due steli rimovibili.

Intervista al critico d`arte designato dai sindaco

Ho accettato subito tutto trasparente Qui porteremo
avanti la politica sul contemporaneo a Venezia, pensando
all`arte giovanile.
Quando il sindaco Massimo Cacciari mi ha proposto di entrare
a far parte del Comitato scientifico per il Centro d`arte contemporanea della Punta della Dogana, ho accettato subito,
perch "Venezia vai bene una messa" e questo incarico in
continuit con il mio impegno artistico sulla citt. Non capisco
le polemiche dell`opposizione, perch mi sembra tutto trasparente. Cos Achille Bonito Oliva - con Germano Celant il
maggiore critico d`arte italiano - commenta il nuovo incarico,
che segue quello di presidente della giuria di esperti per l`assegnazione della Punta della Dogana, che decret un pareggio
tra la collezione Guggenheim e quella di Francois Pinault, prima
che Ca` Farsetti assegnasse lo spazio al collezionista francese.
Bonito-Oliva, perch ha accettato la designazione nel Comitato scientifico di Punta della Dogana?
Perch lo vedo come una continuazione del mio impegno artistico su Venezia, che si manifestato in diverse occasioni, tra cui la Biennale del `98 e, prima ancora, quella del`93, quando ho vissuto
un anno e mezzo in questa citt.
Il nuovo centro della Punta della Dogana potr contribuire a rafforzare il ruolo di Venezia capitale dell`arte.
Come?
La Punta della Dogana potrebbe essere il luogo pi adatto per portare avanti quella politica sul contemporaneo, iniziata con Aperto `80, per promuovere l`arte giovanile e che, non a caso, nella sua prima edizione si realizz ai Magazzini del Sale - a due passi dalla Dogana prima di trasferirsi all`Arsenale.
Con questo centro si pu riprendere in pianta stabile su Venezia quell`attivit sul contemporaneo che gi in parte svolgono
la Fondazione Bevilacqua La Masa e la stessa Querini Stampalia.
Ma alla Dogana ci sar gi la collezione Pinault: ci sar spazio anche per quest`attivit?
Certamente, perch il progetto di Tadao Ando prevede uno spazio molto snello ed essenziale, che si presta ad entrambe le funzioni; quella museale e quella espositiva.
Quando guidava la giuria di esperti per assegnare la Punta della Dogana, aveva decretato - con il pari - che a entrambe le collezioni, Guggenheim e Pinault, mancava qualcosa. La pensa ancora cos?
La Guggenheim forse pi solida sulla parte storica, ma la
collezione Pinault pi fresca e pi proiettata verso il contemporaneo. E` quello che ci si propone di fare con il nuovo Centro, anche in collaborazione con altre realt veneziane, come
l`Iuav e l`Accademia di Belle Arti.
Ma non andr a settembre alla mostra Italians a Palazzo Grassi, del suo nemico Francesco Bonami.
No, ci andr comunque, anche se trovo assurde molte delle scelte.
(e.t.)



news

23-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news