LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENETO - Valpolicella, poi il Garda Al via la sfida per i Parchi
L'Arena 29/06/2008

Valpolicella e Chianti, territori ricchissimi di storia, legati a nomi di vini prestigiosi. E con gli stessi problemi: lottizzazioni anonime che mangiano un po' tutto, senza rispetto, casolari antichi, manufatti, cipressi centenari. Ampio spazio stato dato alla Valpolicella, ieri mattina a Firenze nel convegno sul tema Emergenza in Toscana: crisi di un modello regionale di sviluppo, organizzato dalla Rete di comitati per la difesa del territorio, presieduta dal professor Alberto Asor Rosa. Della rete fa parte anche lassociazione Salvalpolicella, invitata al convegno, proprio per la similitudine dei problemi.
A parlare di Valpolicella, e del progetto di costituirvi un Parco, stato il presidente dellassociazione, Pieralvise Serego Alighieri, discendente di Dante, il toscano pi famoso. La cosa indubbiamente pi importante di questa Rete che ci consente di essere in contatto con realt similari, spiega Serego Alighieri, confrontarsi, scambiarsi idee e notizie. Ho presentato a questo affollatissimo convegno il progetto di legge di iniziativa popolare, predisposto da Salvalpolicella, che vuole rappresentare un chiaro punto di svolta nel modo di considerare la gestione del nostro territorio. Ho ribadito e voglio sottolineare che Parco in questo caso non vuol dire tutto bloccato, non si fa pi nulla. Il Parco, invece, deve essere uno strumento che d agli amministratori una possibilit per pianificare i vari interventi e, pi in generale, gestire meglio il territorio.
Insomma, non un assoluto divieto di costruire, specie per i residenti, ma un modo intelligente di recuperare lantico, di sistemarlo e valorizzarlo. Mi auguro che gli amministratori recepiscano questa proposta di legge a loro favore, non in senso negativo. Crediamo che, come un bene di valore si cerca di conservarlo e di fare tutto perch non ci venga rubato o danneggiato, cos venga visto il territorio di pregio: va difeso da chi cerca di distruggerlo. Quindi, in questo senso, il Parco della Valpolicella potrebbe fare da cassaforte o da recinzione, evitando che ciascuno faccia i comodi suoi su un bene che di tutti.
Per questo una parte essenziale del progetto prevede il recupero del brutto esistente, mitigandolo, nascondendolo o migliorandolo. E questo dipende dalla sensibilit di chi amministra, perch gli strumenti ci sono per intervenire in questo senso, e ovviamente dipende anche da tutti noi. La Valpolicella una situazione atipica, abbastanza articolata come pianificazione, essendo gi riempita di insediamenti; linizativa di creare il Parco va letta come unopportunit che viene data per decidere.
E per quanto riguarda realt industriali impattanti come il cementificio o la fabbrica di batterie a Fumane? Il problema del cementificio uno dei pi grossi della Valpolicella, risponde Serego, il Parco dovr prevedere soluzioni per lesistente, sistemazione o ripianificazione. Sono assolutamente daccordo su un referendum per sentire effettivamente cosa ne pensa la popolazione . Direi che bisognerebbe allargarlo anche alla questione delle cave e soprattutto, provocatoriamente, propongo che si chieda come si vuole che sia la Valpolicella tra 15 o 20 anni. Bisogna che la gente rifletta su cosa sta accadendo, primi fra tutti i vitivinicoltori, che rischiano grosso; altrimenti va a finire che ogni cosa ci scivola sotto i piedi, senza fare nulla e ci ritroviamo tra un decennio con danni che non si possono pi sanare.
E gi stata presentata in Regione la domanda per ottenere lassistenza tecnico-giuridica, che dovrebbe essere concessa entro una decina di giorni; passo necessario per la successiva presentazione del progetto di legge di iniziativa popolare previa la raccolta di cinquemila firme in Veneto. Liter sar lungo, se ne riparler in autunno. Il progetto stato predisposto con la collaborazione tecnico-giuridica del dottor Gian Paolo Bastia, presidente di Assolago, lassociazione sorella che opera sul Garda ed coordinato con una analoga iniziativa (che verr presentata tra qualche settimana) avviata dal comitato per il Parco delle colline moreniche, presieduto dal professor Emilio Crosato, che sta predisponendo due progetti di legge consimili per la costituzione di due parchi regionali, per le aree del Garda veneto e delle colline.



news

16-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news