LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino, Congresso mondiale degli architetti. II futuro dell'architettura qui
Il Foglio 27/6/2008

Dal 29 giugno al 3 luglio si svolger a Torino il XXIII Congresso mondiale degli architetti, dove i pi autorevoli progettisti della scena internazionale discuteranno del ruolo attivo di cui si deve far carico l'architettura moderna nell'essere testimone del proprio tempo. Oggi guardando soprattutto in direzione di un futuro ecosostenibile
Sono le "Olimpiadi" dellarchitettura. E, per la prima volta dalla loro fondazione, nel 1948, si terranno in Italia. In un'epoca in cui ogni trasformazione sociale, ogni modifica storica spesso viene accompagnata da cambiamenti nel tessuto urbano della citt come nel modo di abitare e di concepire gli spazi in comune, il Congresso mondiale degli architetti, che si tiene a Torino dal 29 giugno al 3 luglio, diviene immediata occasione per riflettere sul modo in cui l'architettura pu accompagnare e indirizzare i cambiamenti sociali. La manifestazione, promossa dall'Unione internazionale degli architetti, raduna in una serie d sessioni ed eventi che si snodano ih percorsi tematici, i maggiori architetti e urbanisti del mondo, pronti a interrogarsi sul futuro di quest'arte.
Le lingue ufficiali del congresso sono l'inglese, il francese, il russo e lo spagnolo, a cui si aggiunge la lingua del Paese ospite. Al termine dei lavori segue l'assemblea generale durante la quale il bureau uscente dell'Uia presenta un bilancio del proprio mandato e i delegati all'assemblea eleggono le nuove cariche e selezionano la citt che ospiter il congresso dopo sei anni. Il congresso include una cerimonia di premiazione durante la quale vengono assegnate le Medaglie d'Oro Uia e i premi ai vincitori dei concorsi riservati agli studenti. Contemporaneamente allo svolgimento del congresso allestita una fiera internazionale a carattere commerciale di prodotti legati all'architettura e all'edilizia. previsto a Torino l'arrivo di oltre settemila partecipanti ai lavori. Il tema del ventitreesimo congresso "Comunicare l'architettura", inteso nel modo in cui si trasmettono indirizzi e sensibilit diverse nel tempo e nello spazio. L'architettura, disciplina che trasforma nel tempo ci che ci sta intorno e che dialoga con tutti, deve misurarsi con le grandi questioni di questo secolo: la riduzione delle risorse naturali, lo sviluppo sostenibile, i processi d inurbamento, l'integrazione, la convivenza e la sicurezza.
Temi e problematiche di grande interesse anche per il nostro Paese, che a lungo dibatte sulla realizzazione d alcune opere infrastrutturali come il Ponte sullo Stretto o le linee ferroviarie ad alta velocit. O che si interroga sul futuro urbanistico di Milano, sulle trasformazioni che dovr accogliere per ospitare al meglio l'Expo del 2015. Una grande vetrina internazionale per l'Italia, come evidenziato dal presidente del Consiglio nazionale degli architetti Raffaele Sirica, che spiega come a Torino si voglia comunicare "l'architettura quale organismo vivente in simbiosi con l'Uomo e con la Natura per esprimere i problemi della societ contemporanea insieme alle potenziali risposte che la nostra professione pu esprimere". Per Sirica "l'architettura dell'era elettronica e digitale deve, infatti, contribuire a neutralizzare le patologie delle grandi aree urbane, superare i linguaggi, sia accademici che sperimentali che ignorano la crisi ambientale e sociale, perch il valore di testimonianza civile dell'architettura risiede oggi, tra l'altro, nella sua capacit d contribuire a costruire un futuro ecologicamente sostenibile". Scopo del convegno quindi trasmettere le energie e i valori dell'architettura; insieme ai valori che essa comunica. Sede delle manifestazioni il Lingotto di Torino, esempio chiarissimo di come un luogo del lavoro sia diventato, insieme ad un pezzo circostante di citt, un luogo dove si esprimono al meglio l'arte e l'urbanistica contemporanee. Altre sedi dei lavori sono il Padiglione Ovai, costruito in occasione delle Olimpiadi invernali del 2006, e la reggia di Venaria Reale, dove si svolger la cerimonia di inaugurazione dei lavori. Tra gli architetti che interverranno ai lavori si annoverano Mario Bellini, Gary Chang, Michele De Lucchi, Peter Eisenman, Massimiliano Fuksas, Thomas Herzog, Knafo e Klimor, Kengo Kuma, Dominique Perrault, Renzo Piano, Hani Rashid, John Rykwert, Alvaro Siza, Paolo Soleri, Muhammad Yunus: tutti intenti a raccontare le tre diverse fasi del congresso, dedicate ai temi della Cultura, della Democrazia, della Speranza. La Cultura da intendere come linguaggio dell'architettura contemporanea, capacit di ascoltare e realizzare i desideri dell'uomo trasformandoli in forme dell'abitare e del vivere. Per non ripetere errori commessi in passato, il consesso torinese si chiede se oggi gli architetti siano in grado di percepire concretamente gli indirizzi della committenza. La sessione intitolata alla Democrazia, in programma dal primo luglio, cerca di spiegare il ruolo dell'architettura nei processi decisori relativi alla trasformazione del paesaggio urbano, anche nei confronti dei sistemi di comunicazione tra architetti e Pubbliche amministrazioni, da un lato, e cittadini dall'altro.
Oggetto di analisi sar il fenomeno nimby, come la riqualificazione delle periferie e delle aree di archeologia industriale, sino ad interpretare come i grandi fenomeni economici, nell'era della globalizzazione, riescano a condizionare le scelte di pianificazione del territorio e di realizzazione delle opere architettoniche. Un'opera che necessariamente determina un coinvolgimento degli enti locali interessati dalla riqualificazione delle aree, a partire dai Comuni.
"Non possiamo pensare che l'Italia possa fare a meno di moderne infrastrutture, dobbiamo puntare con maggiore decisione sulla qualit dell'architettura per usare il territorio con saggezza", spiega il responsabile Turismo dell'Anci Antonio Centi, manifestando apprezzamento per la kermesse mondiale di Torino. "Purtroppo in Italia solo il dieci per cento delle abitazioni progettato da architetti", spiegano all'Anci, lamentando le conseguenti ripercussioni negative sulla qualit di manufatti, senza il "bagaglio di professionalit" del progettista. Sullo sfondo dei rapporti tra mondo dell'architettura ed enti locali anche la promessa, fatta dal premier Berlusconi in campagna elettorale, di lanciare un nuovo piano per la casa, sulla falsariga di quello "Fanfani" del dopoguerra, in grado di consentire l'accesso alla casa soprattutto alle giovani coppie: un problema molto avvertito nelle grandi citt. E il desiderio di costruzione di nuovi quartieri e realt urbane s accompagna al terzo tema del congresso: la speranza. Speranza di un mondo nuovo e moderno nel quale l'innovazione tecnologica e l'architettura sposino i principi della sostenibilit ambientale, creando nuovi paesaggi, trasformando il territorio in armonia con la natura, mediando la partecipazione sociale alle scelte del futuro. In quest'ambito saranno presentati i progetti gi appaltati per alcuni casi di architettura residenziale in realt quali il Brasile e la Gran Bretagna, che potrebbero essere esportati anche in Italia. La conclusione dei lavori sar affidata a una lectio magistralis di Terunobu Fujimori, dal titolo "L'architettura per tutti". Insieme alla prolusione di Fujimori sar letto il "Manifesto di Torino", documento che riassumer lo spirito dei lavori impegnando la comunit internazionale degli architetti nei prossimi anni.



news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news