LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Da Napoli scompaiono 300 chiese
Marcella Caterino
Roma 27/6/2008

NAPOLI. Napoli ha un tesoro inestimabile celato nei vicoli del centro storico, peccato che non siano in molti a saperlo e che, anche chi ne è a conoscenza, non se ne curi. Stiamo parlando del patrimonio formato dalle tante, troppe chiese chiuse della città. Veri e propri complessi monumentali che, al momento, non sono visitabili e che, cosa gravissima, sono abbandonati al più totale degrado. Svariati i motivi. Inagibilità, interminabili lavori di restauro (al punto che le opere di ristrutturazione sono diventate "antiche" a loro volta), incuria o semplice "distrazione". Volendo fare una stima approssimativa, stiamo parlando di quasi trecento edifici tra chiese e cappelle gentilizie (alcune di proprietà privata). Di questi trecento luoghi di culto, infatti, circa 160 rientrano nel patrimonio della curia. Tra questi come non ricordare la chiesa di San Gennaro a Sedil Capuano oppure la meravigliosa basilica di Santa Maria di Vertecoeli. Entrambe chiuse da tempo e, ormai, cadute nel dimenticatoio. Circa cinquanta, invece, sono le chiese inagibili o degradate al punto da non essere più riconoscibili che fanno parte del fondo edifici di culto del ministero degli Interni.
Per capire che cosa è il Fec, bisogna fare un passo indietro nel tempo. Nella seconda metà dell'Ottocento, infatti, furono emanate una serie di leggi che permisero dì appropriarsi di parte del patrimonio della chiesa cattolica. Il Fondo, istituito con la legge 222 del 20 maggio del 1985, ha quindi il compito di gestire e amministrare questo immenso patrimonio ed è amministrato dal dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione. Peccato che in questo Ente ci si dimentichi di Napoli. Esempio eclatante è la chiesa di Sant'Agostino alla Zecca. Chiusa dopo il sisma dell'80 e mai più riaperta. Per questo complesso nel 2005,l'allora ministro ai Beni culturali, Giuliano Urbani, promise un finanziamento per portare a termine i lavori, ma i soldi non sono mai arrivati.
Proseguendo in questo screening dei monumenti inaccessibili, dobbiamo anche includere nel novero le oltre cento chiese che rientrano nel patrimonio del demanio. Tra queste ricordiamo la chiesa di Sant'Agnello Maggiore a Caponapoli, che sorge su una antica acropoli, oppure quella di Santa Maria delle Grazie a Caponapoli, considerata un museo della scultura partenopea. A questa già considerevole cifra possiamo anche aggiungere una trentina di piccole chiese di proprietà privata che, come nel caso di San Biagio ai Casertì, nota come la chiesa di San Biasello, rischiano di essere messe in vendita. Infine un cenno alle cappelle gentilizie, anche esse private, come quella che si trova all'interno di palazzo Troiano Spinelli di Laurino che è stata costruita secondo gli stilemi del noto architetto Veneto Palladio e che non è visitabile. Ma dove si trovano questi edifici? In quel centro storico che è patrimonio dell'Unesco. Insomma, troppi portoni chiusi dietro ai quali si nascondono affreschi, preziosi arredi sacri, marmi che, troppo spesso, sono lasciati alla mercé di ladri d'arte. Tanti negli ultimi 10 anni i saccheggi avvenuti. A volerle cercare, queste trecento chiese, ci si può impiegare anche giorni, d'altra parte, stiamo parlando di opere d'arte che, ormai, non esistono più, se non sulla carta. Sono state cancellate dal degrado.




news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news