LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA - Italia sotto processo per il caso Is Arenas
PIERO MANNIRONI
La Nuova Sardegna 27/06/2008

BRUXELLES. Un epilogo facilmente prevedibile: lItalia finisce sul banco degli imputati, davanti alla Corte di Giustizia Ue del Lussemburgo, per il discusso investimento immobiliare nella pineta di Is Arenas. La Commissione Europea ha infatti deciso in questi giorni di processare il nostro Paese per non aver rispettato la direttiva Habitat 2000, consentendo alle ruspe e alle betoniere di ferire un Sito di interesse comunitario. Cio unarea di grande valore ambientale protetta da rigidi vincoli di tutela. La storia infinita di Is Arenas arrivata a una svolta allinizio di questanno. Dopo una serie di richiami e messe in mora, si era arrivati allapertura di una procedura di infrazione e il 27 febbraio scorso la Commissione europea ha inviato a Roma un parere motivato complementare. In parole povere, il governo italiano avrebbe dovuto fornire in tempi strettissimi risposte molto convincenti per giustificare quanto accaduto sulle dune boscate di Narbolia. Un compito per impossibile perch, senza attivare la procedura di valutazione di impatto ambientale, la societ Is Arenas srl ha cominciato a realizzare il suo sogno di cemento. Un progetto che, inizialmente prevedeva la costruzione di oltre 220 mila metri cubi tra alberghi e villini. Quasi sicuramente saranno comminate pesanti sanzioni pecuniarie che, per un incredibile paradosso, ricadranno sulla Regione e, quindi, su tutta la comunit sarda. Questo perch il governo rovescer le responsabilit sullamministrazione che per prima avrebbe dovuto vigilare sul Sic. Cio proprio la Regione Sardegna. Lincredibile incongruenza di questa storia intricata che il primo responsabile dellinfrazione delle regole comunitarie, cio la societ Is Arenas srl, non sborser un centesimo e continuer invece a macinare soldi con il suo investimento immobiliare. Ma non basta. C un altro paradosso: la Regione rischia di trovarsi coinvolta in uneventuale procedura di responsabilit per un danno causato allerario. La Is Arenas srl dice di avere tutte le carte in regola e di essere in possesso delle concessioni edilizie. E questo vero. Il problema che forma e sostanza in questa storia non sempre coincidono. Il presupposto della legittimazione a costruire in un accordo di programma del 1997, che si basava sulla vecchia normativa di pianificazione urbanistica regionale. Ebbene, tredici dei quattordici piani paesaggistici sono stati cancellati dal Consiglio di Stato e dal Tar Sardegna perch non in armonia con le norme generali di tutela ambientale. Lunico a sopravvivere stato proprio quello nel quale si trova la pineta di Narbolia. Questione formale - stato detto - perch non cera la legittimazione a ricorrere. I ricorsi presentati dagli ambientalisti erano ovviamente dei ricorsi-fotocopia, perch tutti fondati sullidentico presupposto. Ma proprio nel fascicolo di quello dellOristanese non si trov il documento che certificava che Bruno Caria era il responsabile della sezione sarda degli Amici della Terra. Cos laccordo di programma del97 restato valido, nonostante gli organi di giustizia amministrativa abbiano riconosciuto che si basa su un presupposto di illegittimit. E infine la mancata attivazione della procedura di incidenza ambientale nonostante si parli di un Sic. Lufficio Sivea della Regione, durante il governo di centrodestra, disse che non era necessaria. Gli ambientalisti presentarono allora un ricorso straordinario al presidente della Repubblica che, sentito il Consiglio di Stato, lo respinse. Anche qui una stranezza: gli ambientalisti attendono da quattro anni una risposta per poter ricorrere in Cassazione. La notifica del decreto non mai stata fatta agli ambientalisti, cio agli aventi diritto. Ma quel decreto ce lha invece in mano la Is Arenas srl fin dal maggio 2005 e lha utilizzato per avere le concessioni edilizie dal Comune di Narbolia.





news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news