LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PIEMONTE: Che bel paesaggio si vede da Verbania. da museo
LUCA MERCALLI
VENERD, 27 GIUGNO 2008 LA REPUBBLICA Pagina XVII - Torino


Antichi reperti sorprendenti pitture e persino un precursore del "Quarto Stato"

Si sente parlare tanto di paesaggio italiano ma si fa di tutto per degradarlo. C per anche un luogo dove il paesaggio rispettato, studiato, amato e offerto alla pubblica ragione al punto da farne oggetto di un museo. E non si tratta di una trovata dellultimo minuto, bens di uniniziativa pionieristica che data quasi centanni. il Museo del Paesaggio di Verbania. Antonio Massara, raffinato e sensibile letterato novarese, giunse infatti sul lago Maggiore nel 1904 ed ebbe subito a dire: In nessuna et come la nostra, inquieta e variabile, si sentita pi profondamente la misteriosa affinit che lega lanima umana al paesaggio. Da questa consapevolezza, unita alla percezione della fragilit di un patrimonio gi allora minacciato dal brulicante turismo, dallindustria e dalla speculazione edilizia, il Massara, convinto che la difesa del paesaggio debba scaturire non dalla rigida autorit delle leggi, bens da una diffusa presa di coscienza della popolazione, avvi unopera di sensibilizzazione e divulgazione che port, nel 1909, alla costituzione del "Museo Storico e Artistico del Verbano e delle Valli adiacenti", poi denominato nel 1914 Museo del Paesaggio.
Ecco che nel prestigioso palazzo Viani-Dugnani cominciarono ad affluire opere di pittori e scultori contemporanei, reperti archeologici e oggetti della religiosit popolare che in centanni si sono accresciuti grazie a donazioni e lasciti. La sezione archeologica offre un efficace spaccato della vita degli insediamenti preromani di Ornavasso, piccola comunit di Leponti che attraverso i variegati corredi tombali rendono conto delle eccezionali capacit di lavorazione del bronzo e della ceramica di oltre due millenni fa. Ma senzaltro la sezione pittorica a esprimere il meglio della concezione del paesaggio lacustre e montano del Verbano-Ossola. Le grandiose vedute del Monte Rosa e della cascata del Toce di Federico Ashton, la pace di un pomeriggio estivo di fine Ottocento tra i castagneti di Stresa, nella tela interpretata da Guido Baggiani, le livide acque glaciali del lago svizzero di Mrjelen per la mano di Carlo Cressini, maestro dellalta montagna insieme a Guido Ricci con il quieto Pascolo alpestre. Davanti ai minutissimi dettagli dei paesaggi lacustri di Luigi Litta ci si starebbe ore, nubi vaporose, case, navigli e perfino i volti miniaturizzati tutti con diverse espressioni: cartoline dal passato. E poi tre eccellenti vedute invernali quasi divisioniste di Cesare Maggi, cui fa pendant unalba innevata di Guido Cinotti e un gaio scorcio estivo di pianura lombarda con pioppi e fontanili di Eugenio Gignous.
Ma dove la sorpresa giunge al suo apice nella sala dedicata ad Arnaldo Ferraguti: a tutta parete, sei metri e mezzo per quasi tre, ecco Alla vanga del 1890. Una trentina di braccianti colti in primo piano sulla terra smossa, incitati dal caporale, una plasticit e una coralit di gesti che ricordano il pi celebre Quarto stato di Pellizza da Volpedo, che per pi piccolo di un metro e successivo di dieci anni e per certi versi conseguente anche nella storicit dei fatti: loppressione nella tela del Ferraguti, il riscatto in quella di Pellizza. Ma chi avrebbe mai detto di trovarsi di fronte a un tale capolavoro in questo piccolo museo E non meno significativa Aratura a Miazzina di Achille Tominetti: tre figure, un uomo conduce laratro, due donne lo tirano. C tutta la miseria dellagricoltura marginale di un passato nemmeno troppo remoto. Ma lera del carbone avanza ormai con le vaporiere sbuffanti, il panorama cambia, i cieli si ingrigiscono, le forme divengono spigolose ed essenziali, niente pi romanticismo, il tetro Paesaggio invernale del 1930 di Siro Penagini.
Se vero che le rive del lago Maggiore regalano ancora alcuni degli angoli pi gradevoli del Piemonte, anche vero che oggigiorno le oasi di bellezza sono sempre meno e loffesa alla vista ormai dilagante, tra capannoni, pannelli pubblicitari e svincoli stradali. Per questo un tuffo di un paio dore a palazzo Viani-Dugnani pu servire a chi gi apprezza il bel paesaggio a ritemprare lo spirito ma soprattutto servirebbe ai molti che quotidianamente lo distruggono a comprenderlo e a rispettarlo, come era nei nobili auspici di Antonio Massara.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news