LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CINEMA - E il ministro sorpreso chiam Tremonti e Letta .
Paolo Conti
Corriere della Sera 26/06/2008

ROMA - Dicono che il primo a sorprendersi ieri mattina sia stato proprio il ministro Sandro Bondi. Quando lo hanno avvisato della
rivolta di tutto il cinema italiano contro di lui - proprio quel cinema, parole sue, che cominciava a cercarlo al telefono con curiosit ha chiamato immediatamente i propri uffici e quelli del ministero dell`Economia del suo vecchio amico Giulio Tremonti. Dopo mille personali promesse, era sicuro che il sistema del tax credit non sarebbe sparito nel maxiemendamento della Finanziaria. Bondi rischiava di frantumare in un pomeriggio un`immagine politica fino al giorno prima culturalmente credibile.
I suoi pi stretti collaboratori attribuiscono la colpa all`affanno governativo degli ultimi giorni: sicurezza, intercettazioni, rifiuti: se davvero Bondi avesse deciso di inghiottire quei tagli, non si sarebbe impegnato cos esplicitamente la settimana scorsa di fronte alla commissione Cultura della Camera cos come ha fatto ieri al Senato. Per farla breve (assicurano da casa Bondi) gli uffici di Tremonti avrebbero operato in automatico lavorando con le forbici e non risparmiando nulla. Figuriamoci il cinema italiano, che per la
burocrazia del dicastero tremontiano una voce come mille altre.
Vista l`ondata di proteste (politicamente trasversale, Luca Barbareschi ieriu sava toni furiosi quasi quanto quelli dei Centoautori) Bondi si messo subito in contatto con Tremonti.
Da Palazzo Chigi si mosso anche Gianni Letta, uomo sensibilissimo alla tematica (forse anche perch suo figlio Giampaolo vicepresidente e amministratore delegato di Medusa film). Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio ha riparlato sia con Bondi che con Tremonti. Bondi lo ha avvertito, cos come ha avvertito il ministro dell`Economia: Ripristinare quelle misure fiscali davvero il minimo del minimo che possiamo fare per il cinema italiano. Stiamo attenti, perch il settore in crescita.... E in pi, avrebbe aggiunto il ministro, rischiamo di ritrovarci ostile un intero mondo culturale e produttivo che ci rappresenta nel mondo. Con un danno di immagine che fin troppo facile intuire.
Tremonti, di fronte all`asse Letta-Bondi, ha promesso che in Senato il tax credit verr ripristinato. La riprova? La dichiarazione, arrivata nel tardo pomeriggio, di Gabriella Carlucci, Pdl: Bisogna assolutamente reintrodurre la tax credit al Senato. Il cinema ha bisogno di quei soldi. Sono risorse fondamentali per il futuro e la crescita del settore cinematografico. Difficile credere a un futuro scontro
fra Tremonti e la Carlucci...



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news