LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Ma Giorgione veramente esistito?
Lidia Panzeri
25 GIUGNO 2008, IL GAZZETTINO ONLINE

Venezia
Ma Giorgione veramente esistito? A porre ...


A porre l'interrogativo Enrico Maria Dal Pozzolo, uno dei tre curatori, con Lionello Puppi e Antonio Paolucci, della mostra che nel 2010, a Castelfranco Veneto, celebrer il quinto centenario della morte del grande maestro. L'interrogativo non del tutto ozioso, se si pensa che di Giorgione (Giorgio Zorzi) incerto il cognome; la data di nascita (1477 o 1478?); che i documenti che lo riguardano non superano il numero di quattro e che l'artista non ha mai firmato e tanto meno datato una sua opera. Unica certezza la data della morte, il 1510, appunto, attestata da una lettera di Isabella d'Este che, subito dopo la sua scomparsa, si affrett a mandare a Venezia i suoi emissari perch comprassero qualche quadro prima della inevitabile dispersione.

Giorgione per fortuna esistito e ha cambiato, certamente, la storia dell'arte, pur ponendosi nel segno della continuit della tradizione umanistica veneta, che aveva il suo punto di riferimento in Giovanni Bellini (suo maestro? uno dei tanti interrogativi). Piuttosto un vero e proprio tormentone quello delle autenticit delle opere su cui si sono scornati, a partire dalla fine del 1800, i pi autorevoli critici, spesso prendendo anche (lo sostiene sempre Dal Pozzolo) sonore cantonate. I pi rigoristi dei quali lo accreditano di un numero che sta sulle dita delle due mani.

Si capisce quindi il titolo scelto per la mostra: Giorgione. Un enigma. Un Mistero. Un Mito. un'iniziativa congiunta del Comune di Castelfranco, della Provincia di Treviso e della Regione Veneto, ma si sta trattando presso il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali per costituire un Comitato Nazionale. Da definire la data; il luogo, invece Castelfranco Veneto, dove custodita la celebre pala, prima opera giovanile a lui riconosciuta, e gi sede, nel 1978, nella ricorrenza della nascita, di una fortunata esposizione.

Era un obbligo morale organizzare questo evento - ha dichiarato, ieri alla conferenza stampa di presentazione presso la sede della Giunta Regionale, il sindaco della citt Maria Gomierato - Il legame tra Giorgione e Castelfranco assolutamente inscindibile.

La mostra sar preceduta, nella primavera del 2009, dall'apertura del museo e centro studi in quella che definita la casa del Giorgione e dove l'artista ha dipinto il Fregio delle Arti Liberali e Meccaniche una sintesi della cultura dell'epoca.

Altro tema: il paesaggio. Su questo si soffermato soprattutto l'Assessore alla Cultura della Provincia di Treviso, Marzio Favero, pur consapevole della devastazione che quest'ultimo ha subito negli ultimi cinquant'anni.

Una mostra nel suo contesto, l'altro principio cardine, condiviso dalla Soprintendente Annamaria Spiazzi ed eretto a sistema da Lionello Puppi che l'aveva gi sperimentato, lo scorso autunno, nella mostra L'ultimo Tiziano a Belluno. Non a caso organizzata dal Villaggio Globale di Maurizio Cecconi, che ha promosso anche questa iniziativa. Capire la realt territoriale in cui matura una determinata cultura pittorica, importante - afferma Puppi - La sua ambizione, per, un'altra: riuscire a recuperare il canto delle sirene che Ulisse non ha mai ascoltato, ovvero affrontare la difficile sfida di conoscere Giorgione.

A rompere il clima idilliaco delle celebrazioni ci ha pensato Franco Miracco, portavoce del governatore Giancarlo Galan. Ma ci conviene chiedere il patrocinio del Ministero ha buttato l - che poi si impossessa dell'evento, quando, invece, possiamo dare un esempio di federalismo culturale?. E gi che aveva dato fuoco alle polveri ha rincarato la dose. Forse che dobbiamo fare tutto da capo, come se fosse l'anno zero di Giorgione?. Infine la botta finale: Per carit non parlate di contesto, non se ne pu pi del contesto, spara alto, con la reazione, tra sgomenta e divertita, della soprintendente Spiazzi.

Se non di contesto, si parli allora di opere e gi viene formulato un primo elenco. Dall'Ermitage di San Pietroburgo verr una Madonna con Bambino, non la Giuditta, splendido ma fragilissimo capolavoro; dagli Uffizi di Firenze uno delle due tavole il Giudizio di Salomone o La prova di Mos, opere molto complesse dal punto di vista filosofico. Da Oxford proviene la madonna che legge di fronte a una finestra che ritrae la piazza di una citt veneta. Poi c' il capitolo dei ritratti, che rappresenta uno dei vertici dell'arte di Giorgione e, infine (almeno per ora) due deliziose tavolette dai Musei Civici di Padova, di scuola, se ancora ha senso questa distinzione.





news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news