LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - Roma e la sua storia nel museo "portale"
Lidia Lombardi, interv. a Andrea Carandini
Il Tempo 25/06/2008

Nell'altro affaccio, i dettagli di Palazzo Rospigliosi, tra le fronde perlate di verde. Il pomeriggio molle, rintocca l'orologio del Quirinale. Il professore che alla Sapienza ha tirato su schiere di archeologi, sorseggia il t e carezza Puko, il giovane labrador bianco. Poi entra senza preamboli in medias res.
Me lo devono spiegare perch in tutte le capitali s e a Roma no. Vengo da Berlino, hanno da poco aperto nel cuore della citt un museo sulla storia della Germania: dalla conquista romana alla riunificazione, al 1989. E ce n' uno a Londra, e uno ad Amsterdam. Ma un italiano, un giapponese che volesse vedere in sintesi la storia di Roma, e d'Italia, un museo cos da noi non lo trova. Niente, in tutto lo Stivale.
E invece serve, professore?
Certo che serve, e lo vorrei vedere prima di morire, visto che ho settant'anni. E so rispondere punto per punto a chi obietta.
Chi obietta?
Sono gelosi, i musei esistenti, di uno nuovo. Immaginano che tolga loro prestigio, pezzi, visitatori. tutto il contrario.
Perch, come sar il museo che ha in mente?
Un museo di contesti. Il contrario, insomma, di quelli di collezione. Che giustappongono quadri, sculture, vasi, monete. Mi spiegate come si fa da questi pezzi in fila a ricavare un racconto? Capire che quel dipinto, quella statua, quel vaso, quella moneta stavano in una citt fatta di strade, di palazzi, di acquedotti, di servizi? Se arrivi a New York, capisci subito la metropoli, l'impatto con la Grande Mela facile grazie a una mappa ragionata che squaderna il perch e il come di una citt che ha 400 anni e manca di sottosuolo. Ma Roma? Non lineare e conta tremila anni. La sua faccia relegata alla Forma Urbis del Lanciani, splendida raccolta di tavole, ma mai aggiornate dal 1893. Oppure a quel plastico del Gismondi, risalente agli anni Trenta, limitato alla Roma del IV secolo dopo Cristo. confinato nel museo della Civilt Romana dell'Eur, cattedrale decentrata e poco visitata. Ma non si pensa a quanta acqua passata sotto i ponti? Quanto nel frattempo abbiano trovato e saputo di pi di Roma?.
Beh s, basta pensare all'ultimo scorcio aperto al pubblico, lo studio di Augusto al Palatino. Ma insomma, dove dovrebbe stare il museo di Roma?
Perfetto l'edificio in via dei Cerchi, quello dove si vanno a ritirare i certificati elettorali. Il Comune pensa di utilizzarlo diversamente, lo stanno gi svuotando. Non c' bisogno di tanti lavori strutturali.
Ed nel centro di Roma.
Gi, accanto al Circo Massimo, un'altra assurdit cos com'. Un non luogo che andrebbe scavato, restaurato, trasformato in giardino. Il Palatino, poi, proprio nel versante che guarda il Circo Massimo avr altri ingressi. Ecco, il museo che non c' dovrebbe spiegare e documentare, per esempio, la Casa di Augusto al Palatino. Dopodich, il visitatore esce e se la va a vedere in loco. Capendola per, cosa che ora non accade. Insomma, il museo porta al luogo e il luogo al museo. Lo possiamo anche chiamare un Portale: da qui il turista sceglie il suo itinerario. E comprende che Roma non solo il Colosseo e il Foro, giganti venuti dal nulla. Sa, e vede, che c' un prima e un dopo, una Roma monarchica, repubblicana e imperiale. E anche quella medievale, che per i pi resta una nebulosa.
Uno strumento anche per i romani.
Anche per loro. Chi abita nei suburbi, nelle periferie, pu scoprire che cosa esisteva nel suo territorio. Qualcuno dir: toh, dove abito io c'era la Tomba di Livia. E un altro: vicino casa mia, sulla via Trionfale, gli antichi avevano sistemato un fontanile. E potr viaggiare dentro e sotto la citt.
Un viaggio virtuale, da avatar che cammina a ritroso.
Un viaggio che accosta all'informatica altri strumenti. Un assaggio s' avuto con la mostra a Palazzo Valentini, sede della Provincia, sul suo sottosuolo. Un successo di pubblico. Un altro alla Crypta Balbi, che sarebbe meglio chiamare Museo di Campo Marzio. Ecco, quello che si fa per spicchi di citt si pu fare per l'intero territorio. Ovviamente su basi scientifiche, come abbiamo fatto all'Universit con finanziamenti dell'ateneo e di Arcus, realizzando il Gis, il Geographical Informatic System, sistema informatico archeologico.
Un progetto articolato, che ha suscitato qualche critica. Da parte del professor Settis, per esempio.
Qui perdura un atteggiamento aristocratico. Si obietta che Roma ha cos tanto che spiega da sola, e magari bisogna solo rifare le didascalie. vero, al Foro Romano mancano troppe delle antiche didascalie in marmo. Oppure sono sbagliate, perch nel frattempo sono sopraggiunte altre conoscenze. Ma non basta rifare le etichette, la storia va raccontata, come un fiume che scorre. Dopo Roma antica, ci che venuto dopo. Il museo che immagino dovrebbe essere continuamente in fieri: si realizza la prima sala e si illustra come sar la successiva, e l'altra ancora, seguendo lo scorrere dei secoli.
Operativamente da realizzare come e con chi?
Con la Sovrintendenza Archeologica e con quella Comunale, che si sono dette d'accordo. Ma la collaborazione pu estendersi all'Universit, al Ministero per i Beni Culturali. Questo museo non non dev'essere l'idea di Carandini, ma di tutti. E non n di destra n di sinistra. Ma di chi fa.



news

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

14-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news