LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il governo toglie i fondi per abbattere gli ecomostri
Sonia Renzini
24 giugno 2008, L'Unit


La scure di Tremonti sui 25 milioni stanziati nella scorsa Finanziaria da reinvestire anche sul paesaggio
IL DECRETOTremonti cancella anche il fondo previsto dalla Finanziaria 2008 per labbattimento degli ecomostri. Risultato: otto scempi di cemento sono tuttora in piedi in Toscana in attesa di essere demoliti. Compresi tre insediamenti di villette abusive di nuova scoperta: a Campagnatico, in provincia di Grosseto, trovate lanno scorso dalla Guardia di finanza; nei pressi di Fiesole, individuate nel 2004 in una zona sottoposta a vincolo paesaggistico e ambientale; infine, la villa sul monte Morello, a Sesto Fiorentino, che ha gi avuto il parere favorevole del Tarper labbattimento. Per il resto, si tratta di colate di cemento arcinote da tempo: lo Spalmatoiodi Giannutri, una lunga fila di immobili fatiscenti per 11mila metri cubi, il Centro servizi di Procchio a Marciana Marina nellIsola dElba, sotto sequestro dallottobre 2003, il dinosauro di Radda in Chianti, unex cantina sociale mai portata a termine dagli anni70, lex hotel Paradiso a Montecatini Terme, confiscato nel 96 perch controllato dalla banda della Magliana, e infine lIdit di Siena, un grosso cilindro che doveva essere adibito alla lavorazione di pelati e che non ha mai iniziato la produzione. Niente di nuovo sotto il sole. La loro presenza sul territorio era gi stata denunciata da Legambiente allex ministro ai Beni culturali Francesco Rutelli un anno fa. Il Governo Prodi prese provvedimenti e nella Finanziaria 2008 furono stanziati due fondi speciali: uno che aggiungeva 10 milioni di euro alle demolizioni delle opere abusive in vigore dal 2004e quello per il ripristino del paesaggio, che stanziava 15 milioni di euro allanno fino al 2010. Tutti soldi svaniti nel nulla, o meglio falcidiati dalla manovra fiscale taglia-Ici messa in atto dal Governo, dando il via al secondo atto della politica del condono. Lultima Finanziaria aveva previsto 45milioni di euro per labbattimento degli ecomostri - dice il presidente di Legambiente Toscana Piero Baronti - con il decreto dellIci sono spariti, ma questi colossi non possono continuare a deturpare la nostra regione. Oltretutto, sono in condizioni di estremo degrado e lunica funzione che assolvono farci sembrare un paese del Terzo mondo.
Anche di affossare tutti gli sforzi di ripristino della legalit sul fronte edilizio, gi di per s una vera strada a ostacoli. Minata come , continuamente, dai tempi di attesa per i pronunciamenti dei vari tribunali e le decisioni della politica. Eppure, la tutela dellambiente non un dettaglio di poco conto. In tutti i sensi. Anche dal punto di vista economico dice Realacci - vale molto di pi un tratto di costa di Giannutri o unarea del Chianti ben conservata, piuttosto che una colata di cemento abusiva. La Regione fa quel che pu, ma non pu sostituirsi al Governo. La Toscana tutela come nessunaltra regione il suo territorio - conclude il presidente della sesta commissione ambiente e territorio del Consiglio regionale Erasmo DAngelis -ma lassenza di una cornice legislativa nazionale rende tutto pi difficile.



news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news