LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LUCCHESIA. Gli assi viari uccideranno i paesi. I comitati del no sono sul piede di guerra: Matteoli sbaglia
22 giugno 2008, il Tirreno - LUCCA



Nuove strade non servono perch spostano solo il problema in unaltra zona del territorio





LUCCA. Sono infuriati. Ce lhanno con il ministro Altero Matteoli di Alleanza Nazionale e annunciano che faranno valere i propri diritti in tutte le sedi perch non intendono assolutamente accettare lipotesi che la prevista nuova viabilit attraversi i paesi da loro abitati. Sul piede di guerra sono i comitati che si oppongono agli assi viari nord-sud ed est-ovest. Gente che vive soprattutto a S. Cassiano e a S. Pietro a Vico, ma anche allAcquacalda e a Lammari.
A loro, il titolare del dicastero delle infrastrutture durante lassemblea dellAssoindustriali svoltasi venerd a Sorbano ha rivolto un messaggio chiaro: Le strade vanno fatte e chi non le vuole se ne deve fare una ragione. Per i cittadini contrari al progetto non certamente questa la soluzione ai problemi del traffico che paralizza la citt e lestesa periferia. Si deve pensare ad altro, dicono, senza creare ulteriori disagi alla popolazione.
Interi paesi, sia del comune di Lucca che del comune di Capannori, non ci stanno ad essere smembrati da un progetto simile, anche se sembra che i nostri diritti verranno calpestati comunque. Le cosiddette rumorose minoranze, (anche se non sono tali ma pi comodo farle apparire cos) non hanno lo stesso diritto a vivere in salute e tranquillit cos come pretendono di fare le silenziose maggioranze, o presunte tali? chiedono i comitati. Che aggiungono che la loro non unopposizione scettica a risolvere il problema del traffico. Ma prima di costruire un sistema viario di questa portata perch non si cerca di migliorare le condizioni esistenti o si cercano mezzi alternativi? Sembra che il problema si risolva esclusivamente con la costruzione di una nuova strada, che non risolve il problema del traffico, ma lo canalizza semplicemente in unaltra zona, a pochi chilometri dal centro storico, peraltro sullunica zona in cui rimasto un po di verde. Oltretutto si continua a proporre lo stesso progetto da ormai 20 anni, il medesimo progetto che viene di volta in volta bocciato o giudicato troppo impattante e che viene modificato marginalmente e ripresentato pressoch con lo stesso percorso - affermano i comitati -. Noi non siamo cittadini che viviamo sulla Luna, sappiamo benissimo quali sono i bisogni reali della Piana, ma prima di arrivare a commettere errori irreparabili vediamo se possibile trovare soluzioni alternative che comportino un minore sacrificio territoriale.
Se Lucca soffre del problema inquinamento, sostenbgono i comitati, sembra irrazionale costruire una strada camionabile a grande scorrimento e a pochi chilometri dal centro, cos da seppellire definitivamente la Piana sotto le polveri sottili. Ma evidentemente sono tutte opinioni che non vengono prese nemmeno in considerazione, e ne abbiamo lennesima conferma. Questo progetto ci lascia basiti, cos come ci lasciano basiti le dichiarazioni che abbiamo appreso dai giornali, che ci dipingono come cittadini di serie B di cui non contano le condizioni, ma che devono subire, volenti o nolenti, questo progetto. Non siamo disposti a vendere la nostra salute, il nostro territorio e la nostra tranquillit, e faremo valere i nostri diritti in tutti i modi possibili, perch sono gli stessi di qualunque altro cittadino.







news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news