LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA, URBANISTICA: PRATO. Piano strutturale: i comitati chiedono pi partecipazione al Comune
Fabio Barni
21 giugno 2008, il tirreno - Prato





Sanesi: Siamo delusi e siamo pronti a creare una struttura ombra per approfondire i temi


Vogliamo contare di pi nelle scelte I comitati vogliono contare sul serio. O, meglio, vogliono partecipare davvero alle scelte pi importanti sul futuro della citt. Parola del Coordinamento dei comitati cittadini che, ieri pomeriggio, ha espresso tutto il suo rammarico, in un incontro con la stampa, su quella che potremmo definire unoccasione perduta. Si parla di partecipazione alla ridefinizione del piano strutturale e per il portavoce dei comitati di Prato Centro, Paolo Sanesi, in Comune hanno scambiato linformazione e la comunicazione per la partecipazione. E il portavoce assicura, carte alla mano, che difensori civici e altri sono del suo parere.
Va bene informare, attraverso convegni e altri strumenti (anche di carta), ma permettere ai cittadini di partecipare unaltra faccenda. Della quale, secondo Sanesi, la politica avrebbe tutto da guadagnare anche per sgomberare il campo dai sospetti dei cittadini circa determinate scelte. Insomma, chi si apre non rischia pi (o rischia meno) il sospetto che dietro scelte urbanistiche o daltro tipo si nascondano chiss quali presunti interessi. E poi, gli stessi conflitti si risolvono discutendo. Sappiamo bene che la politica ha lonere della scelta - spiega Sanesi, circondato dai rappresentanti di buona parte dei comitati - per vero che certe questioni, decisive per il futuro, richiedono la partecipazione attiva di tutti coloro che lo vogliono, secondo regole precise, perch il territorio di tutti i cittadini che, votando, non hanno concesso deleghe in bianco alla sua gestione. Adesso, con la partita dello Statuto del territorio ancora aperta, i comitati non vogliono essere tagliati fuori. Sono delusi, per il momento, dai tempi riferiti loro da chi nella macchina comunale e in un incontro con lufficio di piano. In pratica, vogliono chiudere entro dicembre quando occorre pi tempo e, soprattutto, pi discussione. Un punto, questo, sul quale Paola Bocci netta: Il professor Magnaghi dellUniversit di Firenze, nei seminari ai quali ho partecipato, ha parlato di fretta assurda.
Meglio non correre allora. E i comitati, consapevoli per altro dei loro limiti, propongono una strada: partecipazione reale, controlli e verifiche a ogni step del percorso che porter al piano, introduzione della figura molto anglosassone dellactivist (o facilitatore) incaricato di tradurre in linguaggio comprensibile quello che i tecnici (per non parlare di politici e burocrati) esprimono nel loro gergo. Se non sar possibile, siamo pronti a creare una nostra struttura ombra, dando vita a incontri e confrontandoci con esperti. Ci sono gi persone - conclude Sanesi - disponibili a darci una mano.


Incontri in circoli, parrocchie e associazioni

Lassessore Ciuoffo: Stiamo sperimentando la legge Fragai



PRATO. La partecipazione al Piano Strutturale? il Comune la riassume in questi numeri: nei diversi appuntamenti al laboratorio di via Mazzini vi hanno preso parte i rappresentanti di 30 circoli e di 80 associazioni. Senza contare le riunioni nelle Circoscrizioni e, prima ancora, il lavoro svolto dal Piano strategico, coi suoi incontri e i suoi numerosi tavoli tematici, che hanno formato il presupposto per lanticipazione della variante Declassata. Per non parlare anche degli incontri con associazioni di categoria e associazioni professionali, cui sono stati impegnati i tecnici di Urban che hanno illustrato il progetto del Parco Exp. O le iniziative e le conferenze di PratoAgenda, lultima in ordine di tempo sul Parco agricolo. E poi ancora il programma di partecipazione del laboratorio del Piano strutturale, coi suoi convegni e seminari (gi quattro svolti cui hanno preso parte circa 500 persone), coi suoi forum tematici (il prossimo il 24 giugno su La citt delle differenze), preceduti dai cosiddetti microforum, fatti di interviste ai cittadini, di incontri informali e strutturati con associazioni e reti della societ civile.
Stiamo sperimentando la legge Fragai - dice lassessore allUrbanistica Stefano Ciuoffo - ma la partecipazione non solo un fatto tecnico. E fatta di numerosi contatti nei circoli, in centri di vita associata, nelle parrocchie, cui hanno preso parte gli staff tecnici dellassessorato e i professionisti che partcipano al Piano strutturale.




news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news