LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI -Il dipinto restaurato torna nella sua casa
STELLA CERVASIO
21 giugno 2008, LA REPUBBLICA - Napoli


Lucia Migliaccio, duchessa di Floridia, seconda moglie di Ferdinando IV, fu ritratta dal Camuccini: oggi quel quadro rientra nel Museo Duca di Martina
Una Lady Diana dei tempi antichi. Di lei il re Borbone disse: "Che bella cosa! Mi fa fare ci che voglio"


Pare di vederla sorridere, Lucia Migliaccio, duchessa di Floridia, anche nel ritratto che il Rotary di Posillipo e Unicredit hanno fatto restaurare per permettere al quadro di tornare al Museo Duca di Martina (e che sar presentato oggi alle 10.30 alla Floridiana dalla direttrice Luisa Ambrosio). Pare che serenamente si faccia beffe degli intrighi e delle turbolenze di corte dei Borbone, delle ansie del regno, delle pesantezze della politica. Aveva tutto ci che voleva, lagio, la ricchezza, Palazzo Partanna nella futura piazza dei Martiri, la villa Floridiana progettata per lei da Niccolini e "che pareva fatta dalle fate". Aveva feste e battute di caccia e pesca. La sicurezza del futuro per i figli di primo letto. Ma soprattutto aveva il rispetto e le chiavi del cuore di Ferdinando IV di Borbone o I delle Due Sicilie, la duchessa, altrimenti soprannominata "sultana favorita".
In realt per pi che una "novella Maintenon", come la nobile siciliana veniva definita da chi le dimostrava malevolenza e riprovazione comparandola alla favorita del Re Sole, per la sua indifferenza alla politica (tutto il contrario di Maria Carolina), Lucia Migliaccio fa pensare a Lady Diana. Rimase sempre pi dama che regina, pi donna "ombra" che convinta del ruolo assegnatole da Ferdinando. vero, il tipo di contratto matrimoniale, che sanciva nozze di secondo piano, non permetteva di mostrarla con la corona in testa. Ma lei non sembrava poi tanto dispiaciuta. Come non pensarlo, quando si legge lo spazientito racconto del pittore chiamato da Ferdinando, Vincenzo Camuccini - autore di grandi dipinti conservati a Capodimonte, ma anche artista del Vaticano e allepoca pi famoso di Ingres - che tenta invano di ritrarla nel dipinto e farla somigliante. Per quanto cerchi, lartista non riesce a convincere il mobile sguardo della duchessa a bloccarsi per qualche istante. Il tempo di fissarlo. "Appena cominciai a dare la prima pennellata, mi disse di essere stanca alla peggio - scrive Camuccini al fratello Pietro - e di tornare lindomani alla stessa ora". Insomma maestro insigne o no, si fa a modo della duchessa che finora, tra laltro, era stata ritratta in movimento, mai immobile. Per lei posare era un po morire.
Dunque sfugge alla ritrattistica in senso stretto, questo dipinto che pure ci restituisce Lucia Migliaccio unita a Ferdinando da un matrimonio morganatico o "di coscienza" dopo qualche anno di legame clandestino cominciato mentre era ancora viva Maria Carolina. Lucia era una Diana per la scarsa ambizione reale, ma per Ferdinando fu una Camilla del primo periodo, tanto che il re una volta disse: "Che bella cosa! Ho una moglie che mi lascia fare quello che voglio". Chiaro riferimento a un passato del tutto differente. Non era il solo, il re, a godersi il presente. La duchessa aveva ereditato il titolo e il ducato dal padre Vincenzo che laveva ricevuto dalla nonna Lucia Bonanno. Era nata a Siracusa nel 1770, aveva quindi 19 anni meno di Ferdinando e venti meno di Maria Carolina, la quale mor nel 1814 a Vienna, dopo otto anni di esilio in Sicilia. In quel lasso di tempo il re e Lucia si conobbero. La Migliaccio aveva sposato Benedetto Partanna Grifeo, che laveva lasciata vedova nel 1812 dopo una vita di non smodati lussi e di parecchie malattie. Appena due anni dopo gi tutto era cambiato. A cinquanta giorni dalla vedovanza del re, eccolo impalmare la bella duchessa dagli occhi scuri e profondi. Nel ritratto di Camuccini, costato a Ferdinando 400 ducati, vestita alla moda dei figurini di Parigi: il cappello da caccia con la piuma, in mano una miniatura col ritratto del re. Tutto alla moda, stile Impero. Nel poco tempo che il pittore riuscito a tenerla seduta, Lucia posa come unantica donna greca, a gambe incrociate su una poltrona decorata con una sfinge, accanto unidria di terracotta che il ceramista Giustiniani avrebbe riprodotto inventando uno stile. Il quadro, riconosciuto da Maria Tamajo, storico dellarte della soprintendenza di Nicola Spinosa, fu scoperto in casa Grifeo da Salvatore Di Giacomo e fu comprato dallo Stato negli anni Trenta. Di Giacomo scrisse "Ferdinando IV e il suo ultimo amore" e pubblic le lettere dei due: lo sguardo sfuggente della dama aveva sedotto anche lui.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news