LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FEDERALISMO DEMANIALE: II federalismo passa alla fase 2
Davide Colombo
20 giugno 2008, Il SOLE 24ORE

Tempi stretti L'articolato potrebbe essere pronto entro luglio per dare il via al confronto

Vincoli Dovr essere garantita la correlazione tra prelievo fiscale e servizi offerti sul territorio
La riforma in un Ddl collegato - In pista anche Roma capitale e codice autonomie

ROMA
L'obiettivo ineludibile 4el federalismo fiscale, pi volte richiamato dal presidente Giorgio Napolitano, trover attuazione entro la fine dell'anno. La conferma dell'inserimento di un disegno di legge delega di attuazione dell'articolo 119 della Costituzione come collegato alla sessione di bilancio arrivata ieri dal ministro dell'Economia, Giulio Tremonti. Nel corso della conferenza stampa convocata al Tesoro per illustrare tutte le misure contenute nella manovra varata dal Consiglio dei ministri, Tremonti ha spiegato che la Finanziaria 2009 avr tre collegati: la delega al federalismo, appunto, il Codice per le autonomie (articolo 117) e la legge per Roma capitale (articolo 114).
La strategia scelta quella di un'applicazione graduale del federalismo, anche in ragione dei difficili equilibri di bilancio cui le Regioni e gli enti locali saranno chiamati quando scatteranno i tagli decisi dal Governo. Da qui la scelta del disegno di legge delega, la stessa che avevano percorso Prodi e Padoa-Schioppa. Ma con la consapevolezza, come ha ripetuto il ministro per la Semplificazione, Roberto Calderoli, che la data di approvazione questa volta certa.
Il testo su cui stanno lavorando i tecnici in fase molto avanzata e fino a settimana scorsa, prima che si consumasse la rottura sulla norma blocca-processi al Senato, era stato sottoposto a continui confronti con
l'opposizione. Ora si tratta di capire se su questo dossier il dialogo andr avanti: Noi tentiamo di aprire in Parlamento -ha detto Tremonti - una grande sessione di riforme che coinvolga tutte le forze politiche, civili e istituzionali.
Entro luglio, secondo ambienti della presidenza del Consiglio, l'articolato potrebbe essere pronto e'il confronto farsi serrato. La cornice entro cui dovr essere iscritta la legge delega si pu leggere nella parte in-troduttiva del Dpef, che Tremonti consegner oggi alle Camere. Il testo dovr disciplinare la perequazione delle risorse finanziarie tra le Regioni e gli enti locali a seconda delle capacit fiscali e stabilendo le compartecipazioni al gettito dei tributi riferibili ai diversi territori. Ma la nuova autonomia di entrata e spesa avr vincoli molto precisi: non ci dovranno essere n aumenti di spesa n una maggiore pressione fiscale; dovr essere garantita una correlazione certa e trasparente tra prelievo fiscale e servizi offerti sui territori; sar comunque previsto un trasferimento di risorse aggiuntive da parte dello Stato a copertura, dei servizi essenziali. Infine gli interventi sul patrimonio di Regioni ed enti, cui potranno essere devolute parti del demanio statale. Su quest'ultimo punto, Tremonti tornato nel corso dell'incontro in Campidoglio con il sindaco di Roma, Gianni Alemanno: intenzione del Governo - ha spiegato - attribuire per tutti i Cormuni la titolarit gratuita di tutti i beni che insistono sul territorio e che fanno parte della storia della citt.
Il disegno di legge delega che arriver in Parlamento abbandona la traccia segnata dalla proposta del Consiglio regionale della Lombardia. In quello schema si prevedeva, per esempio, che fino all'80% del gettito Iva restasse sul territorio di origine, che la redistribuzione interregionale fosse chiamata a ridurre i divari di capacit fiscale non oltre il 50% (tenendo conto del costo della vita e del tasso di evasione fiscale) e che i trasferimenti dello Stato venissero sottoposti alla verifica di una Commissione in cui la maggioranza garantita alle Regioni che alimentano la redistribuzione. La scelta del Governo di proseguire invece sulla bozza approvata un anno fa all'unanimit dalle Regioni e che prevede, tra l'altro, una perequazione al 100% per Sanit, servizi essenziali e trasporto pubblico locale, associata a un percorso di graduale riequilibrio della spesa storica. La via, insomma, verso una nuova sintesi di unit nazionale che non penalizzi le Regioni pi avvantaggiate, consentendo a quelle in difficolt di garantire i servizi di base. Il federalismo solidale, unitario ed efficace che ha in mente il capo dello Stato.



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news