LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO - Caro Canova, le scrivo. A Brera la lettera di commissione per il Napoleone
Bonazzoli Francesca
(18 giugno 2008) - Corriere della Sera

Archivi Il documento, acquistato a un' asta, racconta la genesi della statua, simbolo della Pinacoteca


Quando, all' inizio del 1811, dopo averla attesa cinque anni, si vide finalmente recapitare a Parigi la sua colossale statua di marmo scolpita dal Canova, Napoleone rimase di stucco: neppure lui, il pi megalomane dei Narcisi, si aspettava di venire ritratto totalmente nudo, giovane e seducente come un atleta greco, il collo taurino, le cosce possenti e due natiche sode e magnifiche. Persino a lui quella statua alta oltre tre metri in cui veniva idealizzato come Marte pacificatore, con in mano l' asta e il globo sormontato dalla Vittoria alata, parve eccessiva e dunque ordin di non esporla al pubblico. In Italia, invece, dove ancora oggi il ritocco estetico non viene disdegnato dai politici, le cose andarono diversamente. Gi nel 1801 Giovan Battista Sommariva, presidente del governo provvisorio della Repubblica Cisalpina, aveva chiesto al Canova una statua di Napoleone per il monumento alle armate francesi nel Foro Bonaparte, a Milano. Ma quando Eugenio di Beauharnais, vicer d' Italia, vide a Roma la statua in marmo che lo scultore aveva terminato di scolpire fin dal 1806 per Napoleone, ne commission una copia in bronzo. Di quella committenza ci resta una lettera appena acquistata a un' asta a Torino dalla Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici della Lombardia grazie al contributo della casa editrice Electa e della societ Civita, concessionari dei servizi aggiuntivi della Pinacoteca di Brera. il contratto sottoscritto il 13 gennaio 1808 da Antonio Canova e i fratelli Righetti, incaricati della fusione in bronzo. L' operazione, effettuata fondendo i vecchi cannoni di Castel Sant' Angelo, non and a buon fine e si rese necessaria una seconda fusione, eventualit prevista nel contratto qualora il getto in bronzo riuscisse difettoso, e viziato per qualunque siasi accidente, a segno che l' autore Cav.re Canova vedessevi compromesso assolutamente il proprio decoro. Alla fine la statua giunse a Milano il 10 agosto 1812: dapprima fu collocata nel Senato da dove pass, l' anno dopo, a Brera e poi, nel 1814, con l' esilio dell' Imperatore all' Elba, scivol negli scantinati da dove riemerse solo nel 1859 quando fu issata nel cortile d' onore di Brera. Nel frattempo, anche la statua di marmo confinata da Napoleone nei buio dei depositi parigini, veniva riesumata ed esposta al pubblico, ma dai nemici di sempre: gli inglesi, che la acquistarono nel 1815 per donarla a Lord Wellington, il vincitore di Waterloo, il quale la espose nella sua casa di Apsley House, dove ancora oggi si pu ammirare. Fu l' ultima beffa ai danni di Napoleone: quella statua, che era stata imbarcata a Roma alla volta di Parigi con l' ordine di affondare la nave in caso di attacco della marina inglese, giungeva alla fine proprio a Londra. * * *




Pagina 19



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news