LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ARCHITETTURA - Piano: litigare fa bene allarchitettura
la Repubblica 19/06/2008

A guardare le pareti della fondazione di Renzo Piano uno si domanda dove trover mai il tempo dinsegnare il mestiere ai giovani. Venti progetti in giro per il mondo, la met negli Stati Uniti, da Boston a San Francisco. larchitetto che ha pi contribuito a ridisegnare il volto di New York dopo l11 settembre, con le nuove sedi del New York Times, Morgan Library, Columbia University e ora il Whitney Museum. pi presente sulla stampa americana di alcune star di Hollywood. Che senso ha dunque parlare di ritorno alla bottega, come ha fatto Renzo Piano ieri allinaugurazione della sua fondazione-atelier a Vesima, fra Genova e Arenzano, destinata a diventare luogo di studio e pellegrinaggio di studenti dai cinque continenti, per vedere, toccare i progetti del pi celebre architetto del pianeta e magari il mitico Renzo in persona? Non sar una mezza civetteria? No, non ho abbastanza tempo neanche per quello e sono abbastanza scaramantico per non costruirmi un museo da vivo. A settantanni lesigenza di trasmettere il sapere alle nuove generazioni fondamentale. Lidea della bottega mi venuta per la prima volta visitando il tempio di Iss, in Giappone, dieci anni fa. un tempio che viene ricostruito ogni ventanni ed una metafora perfetta delle stagioni della vita. A ventanni ci vai per imparare a costruire, a quaranta lo costruisci, a sessanta ci torni per insegnare ai giovani. Vorrei fare qualcosa di simile. Non unesposizione, ma un luogo di lavoro, una bottega vera e propria aperta agli apprendisti. Abbiamo accordi con una dozzina di universit da ogni parte del mondo. Nellera di Internet la bottega rinascimentale, dove simpara facendo le cose, mi pare attualissima, un antidoto alla serialit tecnologica, al pericolo che tutto, lavoro e sapere, si smaterializzi.
La formazione uno dei problemi pi gravi, non solo in Italia. Ma qui la separazione fra universit e mondo del lavoro pi evidente. Nel vostro settore in corso una specie di faida fra gli accademici, che quasi mai vengono dal mestiere o comunque hanno smesso di farlo da tempo, e gli architetti in attivit. Loro criticano qualsiasi cosa facciate e voi li considerate mezzi falliti.
Le tinte sono un po forti, ma in buona parte cos. Per la faida c soltanto in Italia. In ogni caso, il rapporto fra il fare e linsegnare da noi sempre stato problematico. Anche ai miei tempi.
A proposito, lei ha fatto luniversit intorno al 68.
Ahim, un po prima, ma il 68 al Politecnico di Milano cominciato fin dal 62.
La facolt di architettura era occupata un giorno s e laltro pure. Si facevano gli esami di gruppo e i professori, terrorizzati, regalavano piogge di trenta politici. Dove ha imparato il mestiere?
Nello studio di Franco Albini, appunto. Premetto che non sono un pentito. Ero fra i primi a occupare, con tanto di eskimo regolamentare. Non mi pento perch quello sguardo politico mi servito molto. Ma avevo capito che per cambiare il mondo dovevo imparare a fare le cose. Cos la sera andavo a occupare, a scuola di ribellione e di utopia, ma di giorno andavo da Albini a rubargli il mestiere.
Come ci era arrivato, chi laveva raccomandata al grande Albini?
Nessuno. Avevo fatto la posta per giorni davanti al suo ufficio di via XX Settembre, allontanato pi o meno gentilmente ogni volta. Finch Albini, per stanchezza, decise di ricevermi. Mi disse subito: chi ti ha detto di venire qui? Perch dovrei prenderti? E io, pronto: che cosa ci rimette, mi provi per un mese. Rimasi due anni. Albini mi rivolgeva la parola in media una volta ogni due giorni. Era impegnatissimo, con progetti enormi: la metropolitana milanese, la Rinascente a Roma, Palazzo Rosso a Genova. Ma a me bastava guardarlo allopera, litigare con i collaboratori e con i committenti, disegnare, ridisegnare, fare sopralluoghi, parlare con la gente del posto, andare per cantieri. Questa la bottega.
Ma i grandi architetti vanno ancora per cantieri a discutere coi muratori o non sono troppo impegnati fra ricevimenti organizzati dai politici per annunciare nuovi progetti mirabolanti, oppure a recitare la parte dei geni per il circo mediatico? Lantropologo Franco La Cecla ha scritto un pamphlet contro larchitettura.
La sua unesagerazione, ma daltra parte le polemiche o sono esagerate o sono noiose. E poi, diciamo la verit, non ha tutti i torti. Si costruisce tanto, troppo, e spesso si rischia soltanto di mettere una griffe su un luogo, senza preoccuparsi di chi ci dovr vivere. Altre volte finisci per farti strumentalizzare dal potere che ha bisogno di un nome per coprire una speculazione. la ragione per cui ho rifiutato molti progetti. Per mia fortuna, posso permettermelo. Poi certo, in queste polemiche rimane sempre un tasso di demagogia.
Meglio esagerare nelle critiche che negli elogi, non le pare?
Certo, sarebbe stato meglio litigare come si fa oggi. A volte perfino le critiche ingiuste possono servire, perch segnalano comunque un disagio. Il mio progetto di costruire la torre della banca San Paolo a Torino ha scatenato un putiferio. Mi sono offeso, ho replicato, ma infine devo ammettere che il progetto lho migliorato anche grazie ai miei critici. Il problema vero quando non c di mezzo una grande firma e non se ne discute. In questo ha ragione Fuksas, si contano nove milioni di abusi edilizi in Italia, quasi quanto nel resto dEuropa, e ci accapigliamo sulla pensilina di Isozaki agli Uffizi.
La verit che gli architetti ormai gestiscono un potere enorme, pi che in ogni altra epoca.
un mestiere che oscilla fra onnipotenza e frustrazioni enormi. Bisogna saper convivere con il senso dinadeguatezza. Un bravo architetto non un poeta, non uno scienziato e non un costruttore, ma un misto di tutte queste cose. Un equilibrio difficile che si ottiene soltanto rimanendo con i piedi per terra, cercando di ascoltare la societ e non dimporre un segno, uno stile, per quanto bello. La bellezza non tutto.





news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news