LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bari - Nel museo a Santa Scolastica la scorciatoia porta al peggio
LA GAZZETTA DELMEZZOGIORNO, 18 giugno 2008

Gli esperti del ministero dicono di : no. Come avevamo preannunciato, il progetto dell'architetto Cesare Mari (Panstudio di Bologna), vincitore del concorso internazionale per realizzare il museo archeologico provinciale a Santa Scolastica, stato bocciato dai tre comitati tecnici del ministero dei Beni culturali: lo ha riferito il 13 giugno scorso su queste pagine Gianluigi De Vito.
I dettagli della vicenda sono molto istruttivi, per chi voglia farsi un'idea dell'uso che stato fatto del concorso e del lavoro della giuria. Andiamo a vedere. Nella seduta del 28 aprile scorso a Roma - una seduta congiunta del Comitato per i Beni architettonici, di quello per l'archeologia e di quello per i Beni storici e artistici -dall'esame del progetto emerso un quadro complessivo delle opere proposte non
consono al carattere del sito; opere decisamente invasive nei confronti delle locali componenti archeologiche, storiche, architettoniche e urbanistico-paesaggistiche.
Il presidente della Provincia, Vincenzo Divella e magari anche gli stessi progettisti speravano forse che il divieto romano riguardasse solo il famigerato tubo rosso (o d color corallo, come preferiscono dire) lungo 75 metri e incastonato sulla sommit del complesso monastico. Tolto quello dal progetto - si vagheggia - potremmo comunque andare avanti. Lo dice anche lo storico dell'arte Andrea Emiliani, componente della commissione giu-dicatrice del concorso. Anzi lo scrive in una lettera indirizzata al presidente del Comitato per l'architettura, Giovanni Carbonara, nel tentativo di modificare il giudizio: immissione da molti considerata facoltativa, sostiene a proposito del tubo rosso.
Ma non cos. Ai controllori romani ben chiaro che tanto il tubo rosso quanto quella specie di bianca Enterprise da Star Trek che atterra su Santa Scolastica, ma solo nella seconda fase di Guerre stellari e che Mari & C. chiamano ponte panoramico (lungo un paio di centinaia di metri, occhio e croce) sono solo il clamoroso se-
gnale di mi disegno architettonico - si legge nel verbale dei comitati - che riduce le preesistenze storiche a mero sfondo, interessa un'area archeologica non ancora indagata stratigraficamente e risulta in contrasto con quanto indicato dalla Carta Italiana del Restauro.
Insomma, non esami di riparazione a settembre, ma bocciatura totale, sia del progetto sia della commissione presieduta da Amerigo Restucci che l'ha scelto. Ne ben consapevole Andrea Emiliani quando, il 16 maggio, scrive a Giovanni Carbonara di sentirsi fortemente umiliato e offeso. Ancora pi esplicito, una settimana prima, Emiliani era stato con il Direttore regionale per i Beni culturali della Puglia, Ruggero Martines. Su carta intestata dell'Accademia Nazionale di Lincei (nientemeno!), gli scrive: mi sento a mia volta umiliato e sputtanato. Emiliani risentito: non possibile che si propaghi l'idea che qualcuno, a cominciare da me, abbia frodato l'andamento dei lavori della commissione. Perci si impegna, presso i destinatari del suo carteggio, a difendere a spada tratta il progetto vincitore: buono, prima ancora che bello, scrive a Martines; assolutamente il solo di pronunciata, verificata qualit, scrive a Carbonara. Emiliani stato soprintendente ai Beni artistici di Bologna nell'epoca in cui il gruppo di Mail ha ristrutturato la Pinacoteca di Bologna e ha allestito diverse mostre curate dal medesimo storico dell'arte e quindi conosce bene il lavoro dell'architetto e di Panstudio, ben noti per i loro allestimenti anche ad un'altra componente della giuria barese, Emanuela Angiuli, curatrice di mostre a Bari e Barletta. Emiliani, dicevamo, potrebbe argomentare perci sulle verificate qualit tecniche del vincitore e invece agita categorie critiche del tutto desuete come bellezza. Bello si pu forse dire ancora di un dipinto di Guido Reni, ma quantomeno imbarazzante se si discute di arte e di architettura contemporanea, e senza dover per questo scomodare Theodor Wisegrund Adorno.
Abbiamo il sospetto che i lavori della giuria non abbiamo affatto avuto un andamento mirato alla conoscenza migliore, visto il buon numero dei partecipanti e la qualit degli elaborati, come dice Emiliani a Carbonara. Sospetto nutrito dal fatto che lo stesso Emiliani rivolgendosi a Martines si smentisce e dice che molti altri hanno giocato coi pastelli e le figurine e che le tavolette che ho visto l dentro sembrano talora fatte in un pomeriggio. Sospetto che nasce dal fatto che i lavori si sono conclusi in un paio di giorni appena. Lo dice sempre Emiliani, con soddisfazione, mentre d'altra parte si lamenta di un frettoloso esame da parte della commissione ministeriale che non ha letto nessuna relazione (neanche la mia, e la questione mi scoccia).
L'opinione di chi compila questa rubrica che nei documenti appena compulsati ci sia la dimostrazione della inadeguatezza della giuria rispetto al compito assegnato (lo lascia intendere anche il verbale dei comitati). La Provincia avrebbe dovuto dedicarvi una attenzione speciale. Putroppo l'avevamo previsto e scritto a pi riprese, in particolare il 6 giugno e il 14 novembre scorsi. Dunque, in tempi, non sospetti.
Ora ci aspettiamo che l'Amministarzione prenda atto dei fatti. La citt ha bisogno del suo museo archeologico, ma questo legittimo desiderio non autorizza nessuno ad arrangiare la faccenda, magari togliendo pezzi ingombranti, facoltativi, forse, ma certamente caratterizzanti di un progetto che comunque insostenibile.
Un'occasione per riparlarne sar l'incontro promosso sul tema da Citt plurale e dal Cidi che si terr il 26 giugno alle 17 al Fortino Sant'Antonio.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news