LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - cause della minore crescita
Massimo Lo Cicero
17/06/2008 IL MATTINO




Le cause - di questa minore crescita campana - non sono interamente riconducibili ad una crescita complessiva dell'Italia significativamente inferiore alla media dell'Unione Europea. Le cause del ritardo accumulato dalla nostra regione sono due: una crescita bassa della produttivit e una ridotta dimensione dell'occupazione rispetto alla dimensione della popolazione esistente. Poche persone, che lavorano meno efficientemente di quanto potrebbero, generano una crescita del prodotto inferiore a quella degli altri paesi con cui si devono confrontare. Tra il 1995 ed il 2005 la crescita del valore aggiunto per occupato nell'industria campana, a prezzi correnti ed a parit di potere di acquisto, stata meno di un quinto di quella delle altre regioni europee in ritardo di sviluppo. Mentre la struttura industriale troppo frammentata, la dimensione media degli impianti pari a meno di due terzi di quella europea e il numero di imprese, con almeno duecento addetti, inferiore alle 50 unit. Esse rappresentano solo l'uno per mille del totale. In Spagna sono il 4 per mille ed in Germania il 15 per mille: un paramento pari a quindici volte quello della Campania. L'industria una parte ridotta, ma importante, del sistema economico ed troppo frammentata. Il commercio, in presenza di consumi deboli, in ragione delle ridotte dimensione del reddito pro capite, si riorganizza verso il modello della grande distribuzione che, comunque, assai meno presente che nelle altre regioni meridionali. Il turismo si ferma al 2,6% del mercato mediterraneo: un dato inferiore di un terzo a quello delle regioni costiere della Spagna, pari alla met rispetto a quello delle isole greche. Fatto 100 il reddito procapite dell'Unione Europea, prima dell'allargamento, solo con 15 paesi, tra i pi forti economicamente, quello della Campania era quota 66 nel 1995. Dieci anni dopo siamo a quota 59. La media delle regioni deboli europee era 70 nel 1995, e noi eravamo di poco sotto la media. Ora a quota 75, e noi siamo molto sotto la media. Una vera debacle. Scrive inoltre la banca centrale che, negli ultimi due anni, mentre rallentava il nostro tenue tasso di crescita, aumentavano i tassi di interesse e rallentava l'offerta di credito. Mentre non procedeva la spesa dei fondi europei. Per i quali, al dicembre del 2007, risultavano ancora da spendere quasi due miliardi di euro (1,8). Siamo uneconomia che rallenta, debole sotto il profilo della struttura industriale e della partecipazione al mercato del lavoro, e sulla quale intervengono una politica monetaria deflattiva ed una spesa pubblica, deflazionata dal governo locale, ma che rappresenterebbe, per gli investimenti finanziati dai fondi europei, la vera molla della crescita. Ecco un capolavoro di prociclicit negativa: come aiutare il rallentamento e non lo sviluppo. Il paradosso finale si compie quando, nel rapporto di Banca d'Italia, si leggono i tre settori in cui massimo il ritardo nell'impiego dei fondi europei. In ordine di importanza: beni culturali e turismo; smaltimento rifiuti; recupero e sviluppo urbano. Complessivamente le tre voci rappresentano la met dei quasi due miliardi di euro non ancora utilizzati. Ma anche la summa dei nostri problemi pi gravi. Molto interessante l'analisi della spesa sanitaria, che non finanziata da fondi europei, ma rappresenta un deficit di equit ed efficienza piuttosto che di crescita. Che dire? Parlano i numeri. Le cronache dei giorni scorsi raccontano della scelta dell'onorevole Isaia Sales di lasciare il suo incarico di consigliere economico del presidente sull'impiego dei fondi europei e di tensioni, tra gli assessori regionali, in materia di politica economica. Se la tensione ed il ricambio ribaltassero i risultati di questo mediocre bilancio sarebbe anche utile.




news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news