LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quel Raffaello finito a mollo
Marco Carminati
Il Sole 24 Ore 15/06/2008

Anche se non facile riconoscerli a colpo d`occhio, non pochi dipinti conservati nei musei hanno una singolare origine: nacquero per essere dei regali diplomatici. Nel libro Sulle tracce del drago. Storia segreta di un capolavoro dell`arte italiana, Joanna Pitman ricostruisce nei minimi dettagli la storia di uno di questi preziosi "presenti", seguendone vicende e vicissitudini dal concepimento ai nostri giorni. Vicende e vicissitudini che sono cos ricche ed emozionanti da costituire di per s la trama di un avvincente romanzo. Soggetto del libro il delizioso quadretto di Raffaello, largo una spanna e alto poco di pi, che illustra San Giorgio che uccide il drago e che oggi si conserva nella National Gallery di Washington.
Questa tavoletta nacque espressamente come regalo. il 15o6. Il giovane Raffaello Sanzio viene convocato alla corte di Urbino dal signore della citt Guidobaldo II Montefeltro. Due anni prima il duca era stato insignito dell`Ordine inglese della Giarrettiera
(istituito a Windsor da Edoardo III, il 23 aprile 1348, festa di San Giorgio). Dunque, il duca volle commissionare a Raffaello un`immagine del santo protettore dell`Ordine da inviare a re Enrico VII d`Inghilterra come segno di profonda riconoscenza. Il soggetto del dipinto - nel quale l`ardimentoso Giorgio salva la principessa dai pericoli di un drago che uccideva le persone mediante folate d`alito pestilenziale - incarnava il perfetto
ideale cavalleresco di corte. Osservate il quadro e aguzzate la vista: il San Giorgio indossa una giarrettiera con il celebre motto Honni soit qui mal y pense, mentre su uno dei finimenti del cavallo si legge la curiosa firma Rapphello.
Dipinto nel 15o6, il quadro cominci il suo lungo viaggio. Baldassarre Castiglione lo accompagn a Londra per consegnarlo di persona al re. Il diplomatico italiano venne accolto con tutti gli onori, ma inspiegabilmente il quadro non fin nelle mani dei Tudor. Il motivo resta un mistero, uno dei tanti che circondano il quadro. Il quale ricompare oltre un secolo dopo a Wilton House, la casa di William Herbert, signore di Pembroke. Qui, una sera
di giugno del 1627 erano arrivati re Carlo I e la regina Enrichetta Maria. Portato a visitare la galleria, il monarca venne fatalmente attratto dal piccolo Raffaello e se ne innamor. Il
conte di Pembroke cap che era giunto il momento di separarsi dall`opera. Chiam un incisore fiammingo e fece trarre una stampa;
poi, cedette al re la preziosa tavola.
Carlo I era un famelico collezionista (belle le pagine della Pitman che descrivono le collezioni reali), ma ben noto che la rivoluzione di Cromwell e la condanna a morte del sovrano provocarono la dispersione del suo patrimonio artistico. Dopo l`esecuzione di Carlo, i quadri vennero messi in vendita. Il San Giorgio e il drago di Raffaello venne esitato il 19 dicembre del 1651: la valutazione era altissima, 150 sterline, e l`opera fin nelle mani di un certo Edward Bass, uno dei tanti creditori del re. Che se ne disf molto presto, preferendo la moneta sonante ai colori di Raffaello.
Il quadro oltrepass di nuovo la Manica, destinato stavolta alla Francia. E transit attraverso diverse mani: prima in quelle di
Charles d`Escoubleau, poi in quelle di Laurent le Tessier de Montarsy, per approdare infine, ai primi del Settecento, nelle raccolte di Pierre Crozat, uno degli uomini pi ricchi di Francia, nonch strepitoso collezionista. Fiore all`occhiello del Cabinet Crozat (riccamente descritto in molte pagine del libro), il San Giorgio e il drago fin col destare i forti appetiti di una donna abituata a ottenere tutto ci che voleva: Caterina II di Russia.
Costei aspett con impazienza che Crozat trapassasse e che i suoi beni venissero messi in vendita. Aiutata nelle estenuanti trattative d`acquisto nientemeno che da Diderot, nel 1772 la zarina riusc finalmente ad assicurarsi il quadro di Raffaello assieme a molti altri capolavori della collezione Crozat, destinandoli al Museo dell`Ermitage di San Pietroburgo, allora nuovo di zecca. Nel 1837, proprio nel museo, il quadro rischi
moltissimo. Nell`edificio era scoppiato un vasto incendio e la tavola di Raffaello usc incolume, ma solo per un pelo. Il peggio, comunque, doveva ancora venire.
Allo scoppio della Rivoluzione nel 1917, l`Ermitage venne chiuso e una parte delle opere evacuate e spedite a Mosca. Da Mosca
alcune casse tornarono a Pietrogrado. Per tre anni interi, il San Giorgio e il drago rimase chiuso in una cassa, andando avanti e indietro su treni e camion nella tundra sovietica, in balia dei rivoluzionari ubriachi e dei bombardamenti dei convogli. Quando finalmente venne riappeso all`Ermitage, un tubo del riscaldamento si ruppe improvvisamente andando a inzuppare d`acqua il quadro. Evidentemente, San Giorgio mise la sua mano dal cielo, perch il quadro usc quasi indenne anche da quel micidiale bagno caldo.
Poich Stalin andava dicendo di preferire i trattori alle opere d`arte, nel cuore di una notte di primavera del 1930 avvenne il fattaccio: la tavoletta di Raffaello venne staccata furtivamente dalla parete dell`Ermitage, imballata alla luce delle candele e spedita in gran segreto a Berlino. Qui, ad attenderla, c`era Andrew Mellon, segretario del Tesoro degli StatiUniti, disposto apagare ai russi745mila dollari pur di accaparrarsi il capolavoro. Mellon port il quadro in America, cominciando ad accarezzare il progetto di istituire un grande museo pubblico a Washingtonper ospitare la sua collezione. Naturalmente si trattava di un progetto segretissimo, ma il collezionista fu costretto a svelarlo quando il fisco lo accus di frode fiscale, trascinandolo in tribunale. Fu qui che Mellon si decise a parlare, svelando ai giudici come si era approvvigionato dei quadri e che di l a poco sarebbe sorto a Washington, totalmente a sue spese, un grande museo dove tutti avrebbero potuto ammirare gratuitamente i suoi tesori. Tra questi ci sarebbe stato, sano e salvo, anche il San Giorgio e il drago di Raffaello.
Ojoanna Pitman, Sulle tracce del drago. La storia segreta di un capolavoro dell`arte italiana, Longanesi, Milano, pagg. 272, 17,60.



news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news