LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LUCCA. Il degrado cancella il verde pubblico
LUNED, 16 GIUGNO 2008 IL TIRRENO - Lucca



Bulleri, ex consigliere del Cda, chiede il ricorso a professionalit specifiche


Duro il giudizio sulla manutenzione attuale dellanello alberato da parte di Giuseppe Bulleri, gi membro del Cda dellOpera nel primo mandato Fazzi. Bulleri, agronomo, lancia lallarme in particolare per le condizioni del verde.
Aiuole incolte, altre rimaste senza piante perch essiccate e estirpate, altre ancora infestate da erbacce. Per non parlare di quelle con piante secche divenute pali di sostegno per biciclette o dei prati (anche sugli spalti) sfalciati in ritardo con erbe alte anche 50/60 centimetri - dice Bulleri -. E ci sono alberi danneggiati dallimperizia di chi esegue la manutenzione, mentre erbacce e cespugli arborei crescono nel paramento.
Per lex consigliere piante di alto fusto vengono inoltre lasciate vegetare in modo anomalo (con lapparato radicale non in asse con il fusto, chiome incolte e non potate). Negli ultimi anni fino a qualche giorno fa si oltretutto registrata una moria di un numero elevato di piante di alto fusto, anche esemplari secolari e monumentali (pure nellOrto Botanico). Il verde urbano e un patrimonio botanico-storico-sociale, deve essere salvaguardato con azioni programmate da professionalit specialistiche.
In un momento in cui la tutela ambientale occupa un ruolo centrale, per Bulleri non si pu mantenere in essere una gestione del verde di sola apparenza, con una estemporanea manutenzione ordinaria. Non si deve aspettare che lalbero muoia per poi eliminarlo, bisogna essere in grado di svolgere azioni preventive in un quadro di lavoro pianificato. Lucca vanta il pi alto numero di alberi monumentali della Toscana, di questo passo un primato destinato a non durare a lungo. A parte laspetto estetico il degrado del verde arreca danni economici e sociali incalcolabili.
Prima che venga compromesso ulteriormente un patrimonio di straordinario valore, secondo lagronomo bisogna provvedere in tempi brevi con uno studio sullo stato fisiopatologico attuale e programmare la messa a punto di un piano integrato per il recupero e la salvaguardia. LOrto Botanico vanta una storia di grande prestigio, per la cultura e le professionalit espresse e per il ruolo che ha svolto nei secoli. Oggi il degrado palese e viene avvertito anche dallocchio di chi non esperto. Le serre sono strutture avulse dal sistema colturale (senza parlare del basamento di cemento fatto contro ogni pi elementare tecnica agricola). Non viene inoltre svolta n programmata alcuna attivit relativa alle funzioni che normalmente dovrebbe svolgere: botaniche, agronomiche, paesaggistiche, ecologiche, ambientali, didattiche, socio culturali, museali, salutari, formative, economiche.
Per Bulleri venuto quindi momento di porre fine al degrado e invita lamministrazione a reperire risorse e strategie adeguate, ricordando che quando si vuole i soldi si trovano, visti ad esempio i cospicui compensi pagati per tanti incarichi professionali per attivit di nessun valore scientifico o sociale, di nessuna utilit per il territorio o la collettivit. S
Sono stati spesi circa 20mila euro per lo studio della salvaguardia della Robinia Pseudoacacia. ridicolo.



news

22-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news