LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - Capodimonte, capolavori nelledificio della collezione Farnese
Antonella Cilento
15/06/2008 IL MATTINO





Visito Capodimonte da quandero una bambina e di ogni strato temporale ho un ricordo diverso: la cupezza delle luci nel salone degli arazzi della Battaglia di Pavia, che, quando ero alta scarso un metro, mi metteva vera angoscia; le sale di Recco e dei pittori di nature morte, che tanto piacevano a un mio zio, pittore dilettante, da farne accuratissime copie a olio (una la conserviamo ancora); i Ribera e la loro inquieta fascinazione; Brueghel e Simone Martini, immagini potenti delladolescenza finite nelle prime cose che scrivevo; Caravaggio, onnipresente. E, su tutto, lodore di museo che cambia a seconda delle citt ma per me rester sempre lodore di Capodimonte. E se con tutti questi quadri, con i loro autori, con i muri che li ospitano ho la confidenza che si ha con i ritratti di famiglia - visito Capodimonte una volta lanno, almeno, facendo la ricognizione dei vivi e dei morti, dei nuovi che accolgo nel mio immaginario e dei vecchi che ne hanno fatto parte -, il modo migliore per parlare del Palazzo Reale di Capodimonte resta per me la visita ai nuovi ospiti, ovvero alle mostre che, grazie allinfaticabile lavoro di Nicola Spinosa e del suo staff - un lavoro prezioso, che la citt dovrebbe apprezzare molto di pi - si allestiscono. Lesposizione dedicata a Salvator Rosa quasi alla fine, termina il 29 giugno, ma se non ci siete ancora stati, andate. La mostra, in parte allestita nella sala dedicata a Raffaello Causa, in parte infiltrata al secondo piano fra i quadri dellesposizione stabile, scivola dentro le pareti razionali della reggia settecentesca con la discrezione indiavolata del suo protagonista. Attore, pittore, poeta, eroe di un Seicento inventivo che nei suoi quadri attraversa tutto, Salvator Rosa ci prende per mano - ad ogni angolo di cortile sembra di vedere lombra nera di uno dei suoi cappellacci stagliarsi contro il sole che splende sul Bosco - e ci trascina fra le velate influenze fiamminghe che ricamano trasparenze lacustri nelle prime opere (SantAntonio predica ai pesci, 1640) e le battaglie violentissime e senza protagonisti, fra un Aniello Falcone che con i fianchi dei cavalli anticipa lOttocento di Hayez e un Filippo Napoletano che disegna deserti di colline dove i morti sono un incidente infinito e atono. Si cammina sospesi fra gli autoritratti in posa eroica che alimentarono, con i quadri di stregoneria, laura pre-romantica di maudit di Salvator Rosa. Uno di questi, manifesto della mostra, spia Napoli da molti cartelloni con occhio acuminato in questi giorni di decadenza collettiva: nazion di gran fumo e poco arrosto, scriveva Rosa, polemico verso la patria che presto abbandon deluso. E poi, i ritratti dove, di colpo, sembra di intuire Velasquez o Goya: d i brividi lo sguardo della moglie di Rosa dopo la morte per peste del figlio Rosalvo; e, ancora, le streghe nei sabbah, che alludono a Bosch ma a niente davvero somigliano se non allinferno personale del pittore; i grandi quadri di tema mitologico, dove il teatro barocco entra con luci ed effetti: il pi bello ritrae in un bosco sheakesperiano un umano e flaccido poeta, Pindaro, di fronte allironica sovra dimensione del dio Pan, mascherone di fresco uscito da un fumigante teatro romano. Capodimonte, nata come reggia di svago e riposo, di quieta riflessione fra gli alberi, casino di caccia, si trasforma, grazie al Museo e alle diverse sue facies, ora in bosco, ora in citt o locanda. Ma questa vocazione, ospitare il bello e i fantasmi del passato, il palazzo laveva sempre conosciuta: Carlo III era salito al trono nel 1734 con uneredit prestigiosa, la collezione Farnese, che veniva direttamente da Parma e Piacenza, bisognosa di una sistemazione adeguata. Cos, lincarico di costruire la nuova reggia era stato dato a Giovanni Antonio Medrano. Nel 1738 veniva posta la prima pietra delledificio, dopo un procedimento di confisca e acquisizione dei terreni circostanti e delle vicine masserie. La collezione Farnese veniva temporaneamente raccolta dal Palazzo Reale in citt, mentre, superando le difficolt di collegamento con la campagna collinare, procedevano i lavori di costruzione e anche la realizzazione del Bosco, met giardino allinglese e met allitaliana, disegnato inizialmente da Ferdinando Sanfelice e proseguito con lapporto di Ferdinando Fuga. Nel 1758 la collezione Farnese entrava finalmente a Capodimonte, ma Ferdinando IV, erede del regno di Carlo III, aveva preferito concentrare le sue attenzioni sul Palazzo Reale di Caserta: questo non avevo impedito ai maggiori artisti del tempo di compiere il primo pellegrinaggio museale verso la collina. Winckelmann, il marchese de Sade, Goethe e Canova furono solo alcuni dei visitatori illustri del nuovo Palazzo Reale. La rivoluzione del 99 e lallontanamento di Ferdinando IV portarono a Roma i quadri della collezione, il palazzo venne saccheggiato e il Bosco in parte distrutto: la diaspora delle opere fu contrastata, per, tanto dai Borbone quanto da Gioacchino Murat, ma era destino che molti pezzi della collezione si trasferissero nel Palazzo degli Studi, lattuale Museo Archeologico Nazionale, dove ancora si trovano, con le Antichit ercolanesi e pompeiane. nel 1832 che il Palazzo di Capodimonte, restaurato, viene anche completato con un terzo cortile ad opera di Antonio Niccolini. Dopo lUnit, Capodimonte rimase alloggio regale, ma nacque anche lidea di realizzarvi una galleria darte contemporanea che Annibale Sacco, amministratore della real casa, persegu acquistando quadri di Domenico Morelli e di altri artisti napoletani. Nel 1866 arrivava a Capodimonte il salottino cinese di porcellana voluto da Amalia di Sassonia nella Reggia di Portici (altro incanto dellinfanzia, insieme allambiente gemello di Caserta: oh, prendere il th e fare il bagno fra le scimmie e le geishe, in una salgariana jungla di porcellana!). Nel 1877 vi furono trasferiti i monumentali pavimenti marmorei depoca romana di Resina e di Capri, i biscuit e gli arazzi. I Savoia vi abitarono fino al secondo dopo guerra, anche quando la destinazione museale port il possesso delledificio al Demanio nel 1920. La pinacoteca assorb pian piano numerose collezioni e, fra il 1952 e il 57, Ezio Bruno De Felice disegn e realizz le vele moderne dellultimo piano, destinato ad ospitare la collezione darte contemporanea, con un sistema di illuminazione naturale variabile e un perfetto riscaldamento delle zone destinate allesposizione. Oggi, Capodimonte - il cui museo, come tutti sanno, ha appena compiuto cinquantanni - regala a Napoli emozioni e spazi altrimenti impensabili: il Bosco, unico vero polmone verde cittadino, con il suo elegante disegno e le prospettive distese di unepoca lontana; le opere darte, troppe per rischiare di omettere qualche voce di capitale importanza; e una gestione invidiabile, una delle poche cose che funzionano davvero in questa citt e la rappresentano degnamente in Europa.




news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news