LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ANDREA PALLADIO NOVIT E APPUNTAMENTI PROMOSSI DALLISTITUTO REGIONALE VILLE VENETE
Notiziario Marketpress di Marted 10 Giugno 2008



1508 - 2008 A VILLA POJANA UN INCONTRO PER PRESENTARE AL PUBBLICO I PROGETTI IN VIA DI REALIZZAZIONE

Vicenza, 10 giugno 2008 - Da cinquantanni lIstituto Regionale per le Ville Venete dedica la propria attivit alla salvaguardia, alla conservazione e alla valorizzazione del patrimonio architettonico disseminato in area veneta e friulana, con lobiettivo di riportare al loro primigenio splendore numerose ville, restituendole alla fruizione pubblica, e di favorire lo sviluppo della cultura e con esso lo sviluppo economico complessivo di tutto il territorio. In questo contesto, particolarmente significativo risulta il fatto che nel 2008 ricorra il 500esimo anniversario della nascita di Andrea Palladio, una delle figure pi importanti della storia dellarchitettura che, con il suo genio, ha segnato profondamente limmagine della nostra Regione e, pi in generale, ha influenzato tutta larte del costruire dei secoli successivi. Proprio in occasione delle celebrazioni palladiane, lIstituto promuove questanno una serie di appuntamenti e di progetti che vogliono da un lato rendere degno omaggio alla memoria del grande architetto e, dallaltro, sensibilizzare la pubblica opinione sulle problematiche legate alla tutela e allutilizzo degli edifici storici e proporre nuove forme di valorizzazione territoriale. Nella splendida cornice di Villa Pojana, venerd 6 giugno 2008, sono stati presentati i primi risultati di questa attivit e sono stati anticipati i contenuti di alcuni dei prossimi appuntamenti che vedranno impegnato lente nella seconda parte dellanno. stata Nadia Qualarsa, presidente dellIstituto Regionale per le Ville Venete, ad introdurre i temi della giornata alla presenza del vice-presidente della Provincia di Vicenza, Dino Secco, delle autorit provinciali, delle amministrazioni comunali del territorio e dei proprietari delle ville palladiane intervenuti allincontro. In primo luogo stato illustrato il progetto di ripristino della segnaletica dei monumenti palladiani che, grazie alla collaborazione tra la Regione del Veneto e lIstituto per le Ville Venete, consentir una pi facile individuazione e il raggiungimento delle opere di Andrea Palladio presenti sul territorio veneto e friulano. Come ricordato dalla stessa presidente Nadia Qualarsa, si tratta di un programma organico di interventi sul sistema viabilistico regionale e locale che mira a dare sistematicit e a razionalizzare le tabelle e i segnali gi esistenti per agevolare il potenziale turista, costretto oggi ad effettuare una sorta di caccia al tesoro per raggiungere i 67 monumenti palladiani. Nuove indicazioni stradali poste in corrispondenza dei nodi cruciali di strade e autostrade permetteranno di semplificare i collegamenti allinterno di un rinnovato Itinerario Palladiano, nellottica di una promozione territoriale e di marca che vuole essere una delle principali finalit delliniziativa. I lavori di sostituzione e di posizionamento delle tabelle hanno avuto inizio il 3 giugno u. S. E saranno completati nellarco di un paio di mesi, venendo cos a soddisfare unesigenza pi volte manifestata da istituzioni pubbliche, enti e privati, ma finora mai pienamente appagata per difficolt di natura burocratica e progettuale. E, in effetti, il direttore dellIstituto, arch. Carlo Canato, ha ricordato che questa vuole essere una risposta concreta e di immediata visibilit da parte dellente, che prosegue a rinnovare il suo impegno per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio architettonico veneto, mettendo costantemente in campo i fondi e le risorse a sua disposizione. In contemporanea, lIstituto Regionale per le Ville Venete ha poi presentato un nuovo sistema di mappatura e rilevamento satellitare dei siti di interesse storico-artistico presenti nel Triveneto, che da oggi potranno essere pi facilmente individuati tramite il sistema di navigazione satellitare stradale Mynav. La tecnologia e lesperienza nel settore messa a disposizione da Giove srl, societ leader in Italia nello sviluppo di software per linfomobilit, affiancate allenorme mole di dati contenuta nellarchivio dellIstituto ha infatti dato vita ad un nuovo sistema in grado di rilevare su di una mappa cartografica elettronica la presenza di edifici architettonici di pregio e di visualizzare sullo schermo del proprio navigatore la vicinanza, il percorso di avvicinamento e una scheda completa di ogni singolo monumento. Il software oggi ancora in fase di elaborazione e si prevede che la commercializzazione del prodotto prender avvio a partire dal mese di settembre: in un primo momento sar disponibile per tutti i satellitari di ultima generazione Mynav fabbricati dallazienda trevigiana, ma gi ci si sta muovendo per rendere compatibile il sistema con la maggior parte dei navigatori satellitari attualmente in commercio. La realizzazione di un software multilingua (italiano, francese, inglese, tedesco e spagnolo) di immediata comprensione e intuitivo nellutilizzo dar lopportunit a tutti come rilevato dai tecnici di Giove srl - di inserire allinterno dei propri percorsi le ville del territorio e di scoprire cos la ricchezza e il fascino di questo immenso patrimonio. Ma lappuntamento odierno stata anche loccasione per presentare in anteprima alcune delle iniziative che accompagneranno lattivit dellIstituto Regionale per le Ville Venete nel corso del 2008 e che vedranno come comune denominatore la celebrazione del grande architetto Andrea Palladio. A partire dai lavori di restauro degli affreschi di Villa Pojana a Pojana Maggiore su cui sta gi operando una squadra di specialisti. Lo stesso responsabile dellUfficio Tecnico dellI. R. V. V. , arch. Claudio Albanese, ha fornito una sintesi esplicativa degli interventi riguardanti il prezioso ciclo pittorico di villa Pojana, il cui cantiere potr essere visitato nel prossimo autunno da studenti e professionisti del settore per approfondire le proprie conoscenze sulle tecniche pittoriche e di restauro. Ancora in autunno torner la seconda edizione del Festival della Villa Veneta, con una ricca serie di appuntamenti e incontri rivolti al grande pubblico, che avr modo di confrontarsi con esperti e studiosi su alcune delle tematiche di maggior interesse facendo il punto della situazione sulle iniziative in corso o da sviluppare in futuro. Dal 27 settembre al 4 ottobre sar inoltre celebrato il Premio Villa Veneta del decennale, che intende premiare lelaborazione di progetti di salvaguardia delle Ville venete e dei loro contesti, rivolti non solo al puro e semplice restauro conservativo dei beni culturali, ma anche al loro riuso con destinazioni che ne valorizzino limpianto originario, ne esaltino il significato storico, artistico e monumentale, attualizzandone ruolo e funzioni. .



<



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news