LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Rapporto ecomafia 'Fra clan e politica Puglia da record'
GIULIANO FOSCHINI
La Repubblica 05-06-08, pagina 4 sezione BARI





La Puglia in materia di danni all' ambiente terza nella classifica italiana. la fotografia scattata da Legambiente nel tradizionale rapporto annuale sull' Ecomafia. Nel 2007 la Puglia ha continuato a calpestare la sua terra: lo ha fatto smaltendo illecitamente rifiuti urbani e speciali, costruendo case abusive nei parchi e in riva al mare o magari bruciando i boschi per speculazione. Quello che emerso che il business dei rifiuti il vero nuovo grande affare della criminalit organizzata. Tre reati ogni ora. Duemila e seicento in un anno e il terzo gradino nella classifica dei peggiori in Italia, dietro la Campania e la Calabria. La Puglia nel 2007 ha continuato calpestare la sua terra: lo ha fatto smaltendo illecitamente rifiuti urbani e speciali, costruendo case abusive nei parchi e in riva al mare o magari bruciando i boschi per speculazione o incuria. A denunciarlo Legambiente nel tradizionale rapporto annuale sull' Ecomafia che mai come quest' anno carico di significati: il caos Campania e le inchieste della magistratura stanno confermando quello che da anni l' associazione ambientalista denuncia, e cio che il business dei rifiuti il vero nuovo grande affare della criminalit organizzata. In Italia cos come in Puglia: la procura antimafia di Bari non a caso sta indagando sui presunti affari illeciti e connivenze con i clan nella gestione discarica di Altamura, da poco chiusa dopo 22 anni di attivit. Rispetto al 2006 la Puglia salita dal quarto al terzo posto in materia di reati contro l' ambiente, scavalcando cos il Lazio. Le infrazioni accertate sono state 2.596 e se vera la vecchia regola per la quale si riescono a individuare il 20 per cento dei reati, significa che siamo nell' ordine dei diecimila. La Puglia per la prima in assoluto per il numero delle persone arrestate: 47. Il business principale, a leggere i dati, lo smaltimento illecito dei rifiuti. Lo scorso anno in Puglia sono sparite circa un milione e seicentomila tonnellate di immondizia, rapporto questo che viene fuori dal totale prodotto e da quello trattato nelle discariche. Se Bari si sta muovendo sulla discarica di Altamura, secondo il governo i centri principali dell' illegalit sarebbero i clan salentini e quelli della Capitanata, gli unici a tenere i contatti direttamente con la Campania. A confermarsi terra di conquista sarebbe poi il foggiano, dove i traffici illeciti - si legge nel rapporto - portano i rifiuti prodotti dal Centro-Nord a essere scaricati direttamente nei terreni agricoli. Scorie sempre pi spesso spacciate per compost. Il riferimento all' operazione con la quale la Dda di Bari e la procura di Foggia hanno messo fine all' attivit che il clan Gaeta svolgeva in Capitanata fin dal 1995. La magistratura ha accertato che almeno 100mila tonnellate di rifiuti, anche tossici, invece di essere portati nelle aziende di compostaggio venivano cosparsi su terreni agricoli, oppure interrati nelle cave. Un' attivit illecita che fruttava ai Gaeta circa 5 milioni di euro all' anno. Una delle caratteristiche dell' ecomafia pugliese la contiguit con la politica e la pubblica amministrazione: nelle varie operazioni tra gli arrestati ci sono sindaci, dipendenti comunali, funzionari e anche uomini delle forze di polizia. La criminalit non risparmia poi nemmeno le aree di pregio: a febbraio la Forestale ha sequestrata una discarica abusiva, con i rifiuti che uno sull' altro arrivavano sino a otto metri, nel mezzo del Parco della Murgia. Cos come tante sono le cave trasformate in rifugio per l' immondizia. Oltre ai rifiuti, sono cresciuti anche nel 2007 i reati di abusivismo. Dopo lo storico abbattimento di Punta Perotti le irregolarit nel ciclo del cemento erano diminuite, e invece quest' anno la Puglia si piazza al terzo posto con 721 infrazioni, 941 persone denunciate e 292 sequestri. Purtroppo il mattone selvaggio imperversa ancora in Puglia - spiega il segretario regionale di Legambiente, Francesco Tarantini - e le costruzioni spuntano ovunque: nelle aree sottoposte a vincolo paesaggistico o idrogeologico e soprattutto sui litorali. Gli 800 chilometri di costa pugliese fanno gola a grandi speculatori e privati cittadini che vogliono il loro posto al sole con vista sul mare. Nel rapporto di quest' anno emergono poi altri argomenti nuovi per la criminalit ambientale pugliese, ma molto allarmanti: i crimini sull' agricoltura (le sofisticazioni alimentari, i pesticidi ma anche il caporalato), gli incendi (il Gargano in fiamme), il traffico di specie protette e l' archeomafia. In una regione come questa - dice Tarantini - sarebbe molto importante lavorare sulla prevenzione: per questo chiediamo al presidente della Regione, Nichi Vendola, di istituire un osservatorio regionale di Ambiente e legalit che abbia lo specifico ruolo di monitorare il territorio su tutte le questioni legate all' illegalit ambientale e che veda coinvolti tutti gli attori locali, regione, province, forze dell' ordine e associazioni. Per divulgare il rapporto Ecomafia e portarlo in mezzo alla gente, parte il No Ecomafia tour. Dodici tappe in giro per l' Italia (e una a Bruxelles) per parlare di criminalit ambientale e sollecitare una sempre maggiore collaborazione di cittadini e istituzioni: a Bari saranno il 19 giugno



news

16-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news