LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PUGLIA - Foggia, maxi discarica abusiva arrestati dodici imprenditori
PIERO RUSSO
La Repubblica 05-06-08, pagina 4 sezione BARI

FOGGIA - Otto campi regolamentari da calcio. Ma stavolta il gioco non c' entra, perch queste sono le dimensioni di una delle pi grandi discariche abusive d' Europa, che stata scoperta dai carabinieri nel Foggiano. servita a smaltire oltre cinquecentomila tonnellate di rifiuti, ovviamente nocivi, e a distruggere completamente l' ecosistema del torrente Cervaro, che stato trasformato in una sorta di canale di scolo di percolato tossico. Si chiama Black River, 'fiume nero' , il blitz del nucleo operativo ecologico di Bari, che ha portato all' arresto di dodici imprenditori, accusati di traffico illecito di rifiuti e disastro ambientale irreparabile. E dire che la discarica sorge in un' area a vincolo paesaggistico, nel bel mezzo dei Monti Dauni. Le indagini sono nate ad aprile del 2007, quando, nei pressi dei paesi di Deliceto e Castelluccio dei Sauri, qualcuno ha notato uno strano viavai di camion, che trasportavano terriccio maleodorante e lo scaricavano in un' ansa del torrente Cervaro, fino a formare decine di montagnole, tanto alte da coprire alcuni alberi dalle radici alla cima. I carabinieri del Noe del tenete Gennaro Badolati (nella foto) hanno accertato che il terriccio proveniva dai lavori di ampliamento della discarica comunale di Deliceto, aggiudicati da un' associazione temporanea d' impresa tra due aziende, l' Agecos e la Cornacchini. Altro particolare strano, la richiesta di un agricoltore del luogo dell' invio gratuito di terriccio per riempire un suo fondo. Nessuno si era accorto che la terra nera era anche altamente maleodorante, dunque assolutamente incompatibile con il terriccio agricolo tipico di una zona in cui si coltiva grano. I carabinieri hanno sottoposto a sequestro preventivo tutte le aree interessate da questo strano andirivieni di camion, compresa una vera e propria strada di circa un chilometro, creata appositamente con lo stesso strano e maleodorante terriccio per favorire il passaggio dei camion. Dopo diversi carotaggi e analisi biologiche e geologiche, stato accertato che la terra e le rocce di scavo erano intrise di rifiuti, sia urbani che speciali e quindi altamente tossici, ma anche di amianto e percolato di discarica. Tutto andava a riversarsi sull' oramai inesistente torrente, per un danno ambientale quantificato con una cifra astronomica: 315 milioni di euro. Dai controlli per verificare i lavori di ampliamento della discarica di Deliceto, gli investigatori hanno scoperto che le documentazioni di programmazione erano falsificate. I rifiuti, inoltre, erano stati accatastati nelle zone sottoposte a vincolo paesaggistico in maniera professionale: erano stati infossati, ma precedentemente compattati e stratificati con criterio, per lascire in superficie uno strato di materiale meno inquinante, per non insospettire nessuno. Sono oltre 70 le persone indagate, mentre i 12 imprenditori coinvolti, tra cui Rocco Bonassisa, 39 anni, legale rappresentante dell' Agecos s. p. a., sono tutti ai domiciliari. Il Noe ha sequestrato 42 autocarri appartenenti a diverse ditte di trasporto coinvolte e un intero laboratorio di analisi. Siamo di fronte a una Gomorra subappenninica. Un disegno criminoso di una realt che supera ogni pi fervida fantasia. Una regia condivisa da malavita organizzata e imprenditori senza scrupolo, capaci persino di alterare il corso naturale del fiume Cervaro con una megadiscarica abusiva, allo scopo di lucrare ai danni del territorio e della popolazione di Capitanata. Queste le parole del presidente della Regione, Nichi Vendola. Il risultato di un' indagine cos vasta - ha detto Vendola - la dimostrazione di come la questione rifiuti, senza un approccio rigoroso e sostenibile nei confronti del ciclo di smaltimento, resta terreno fertile alla merc di truffatori e attentatori alla salute pubblica e alla tutela del territorio. Secondo il rapporto Ecomafia 2008, stilato da Legambiente, la Puglia resta sul podio al terzo posto per ciclo illegale dei rifiuti e del cemento al primo per numero di persone arrestate, anche se il blitz Black River giunge proprio quando proprio in Puglia si parla di trend positivo nella raccolta differenziata, se si considerano i primi quattro mesi del 2008, e di comuni virtuosi, come Bari, Melpignano, Barletta e Roseto Valfortore, che dal 2009 potrebbero ricevere premi da 2,5 a 15 euro a tonnellata di rifiuti derivanti dalla raccolta differenziata, a differenza dei comuni che vedranno aumentare la Tarsu.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news