LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La coda di un treno a vapore. I centri minori chiave per lo sviluppo del turismo culturale
Marco Beaqua
Job in Tourism 6/6/2008

Alla 58 assemblea di Federalberghi si parlato di fiscalit, governance e competitivita

Un panorama dalle tinte fosche. quello che stato dipinto durante il convegno I nuovi scenari del turismo, organizzato da Federalberghi in occasione della sua 58 assemblea nazionale tenutasi recentemente presso il Palazzo della Triennale di Milano. Il capoluogo lombardo, peraltro, era stato scelto per festeggiare la fresca vittoria nella corsa per l'assegnazione di Expo 2015: Un'occasione per presentare non solo Milano, ma l'Italia intera, ha commentato nel discorso introduttivo Remo Eder, presidente di Federalberghi Lombardia. E folta, in effetti, stata la rappresentanza dei delegati di categoria, che hanno in questo modo doverosamente onorato il prestigioso successo del capoluogo lombardo insieme a molti esponenti istituzionali di primo piano, tra cui il neoministro dei beni culturali, Sandro Bondi, e il sottosegretario alla presidenza del consiglio con delega al turismo, Michela Vittoria Brambilla, alla sua prima uscita istituzionale.
Ma nonostante gli inaugurali toni trionfalistici, il dibattito ha assunto immediatamente sfumature pi fosche nel momento in cui i relatori sono passati a trattare degli scenari competitivi del nostro paese nel contesto dei pi recenti trend di sviluppo dell'industria turistica globale. Nel corso del 2007, ha dichiarato nel suo intervento il presidente di Federalberghi, Bernab Bocca, il numero di arrivi internazionali a livello globale aumentato complessivamente del 6% rispetto all'anno precedente. L'Europa cresciuta per solo del 4%, mentre l'Italia ha fatto registrare risultati praticamente identici a quelli del 2006. Rischiamo di essere il vagone di coda di un treno a vapore che compete con le su-perveloci locomotive dei paesi emergenti.
Sono cos soprattutto le questioni inerenti alle nuove norme introdotte con il protocollo del welfare il bersaglio principale delle dolances dei rappresentanti di categoria: L'assenza in tale provvedimento della fattispecie contrattuale concernente il lavoro intermittente penalizza pesantemente un comparto come il nostro, fortemen-te condizionato dalla stagionalit della domanda, ha proseguito Bocca. la stessa natura del nostro mercato a imporci una maggiore flessibilit nelle politiche d'impiego. Da non dimenticare, inoltre, l'annosa questione del regime Iva, la cui accisa sulle tariffe alberghiere ancora nettamente superiore a quella imposta ai nostri competitor europei. Un tema che si lega a quello dei canoni demaniali marittimi, la cui recente revisione verso l'alto rischia di mettere in seria difficolt molti operatori italiani.
Il presidente di Federalberghi ha poi toccato il tema delle infrastrutture, di cui ha auspicato un rapido sviluppo in modalit capaci di tener conto anche delle esigenze del comparto turistico. Inoltre, dopo aver perorato nuovamente la causa della reintroduzione di un dicastero esclusivamente dedicato al turismo o perlomeno di un maggior coordinamento delle politiche regionali in materia turistica, Bocca ha sottolineato anche l'importanza del mercato domestico: Non si pu, infatti, ignorare il fatto che circa il 60% della domanda alberghiera provenga dai viaggiatori italiani. Vorremmo, per questo motivo, che l'Enit sviluppasse nuove strategie atte a sostenere anche questo segmento di mercato, troppo spesso sottovalutato.
Uno scenario, insomma, non certo idilliaco, all'interno del quale Federalberghi cerca di muoversi, mirando ad aumentare l'efficacia delle proprie azioni di lobbying nei confronti del nuovo governo in carica. La Confcommercio, in particolare, nel cui alveo si trova Federalberghi, ripone grande fiducia nel neo costituito esecutivo. Abbiamo apprezzato molto le nuove norme tese alla detassazione di straordinari e premi, nonch i contenuti del nuovo pacchetto sicurezza, anche se auspichiamo una maggiore attenzione pure verso i temi della contraffazione e dell'abusivismo, ha spiegato il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli. Ci auguriamo, inoltre, che il governo sappia avviare una nuova fase di concertazione tra le parti pi equilibrata, e non pi sbilanciata a favore degli interessi dei soli sindacati e di Confindustria. Tra le altre richieste di Confcommercio, spicca poi la domanda di una maggiore attenzione alle esigenze dell'economia dei servizi. Quello che chiediamo soprattutto un'accelerazione dei processi di privatizzazione in corso, nonch la semplificazione delle procedure burocratiche, ha aggiunto a tale proposito Sangalli.
In linea con la posizione del presidente di Confcommercio, ancora Bocca ha toccato, a conclusione del suo intervento fiume, anche le criticit di un comparto come quello del turismo culturale, che tutti ripetono costituire il vero vantaggio competitivo del nostro paese, ma che stenta a decollare: L'offerta museale italiana quantitativamente impressionante. Ciononostante, con la notevole eccezione di pochi grandi siti e istituzioni storico-artistiche di respiro veramente internazionale, il numero di visitatori si mantiene a un livello relativamente basso. La forza della Francia, il nostro principale competitor, sta invece proprio nella capacit di attirare viaggiatori anche nei propri musei minori. Occorre, insomma, elaborare una strategia di collaborazione tra istituzioni culturali e operatori turistici in grado di rendere realmente fruibile tutto il nostro ricchissimo patrimonio storico-artistico.
Quasi in risposta a tale sollecitazione, Bondi ha illustrato alcune delle proposte al vaglio del suo dicastero proprio con l'obiettivo di rivitalizzare il comparto incoming dell'industria dei viaggi nazionale: nostra intenzione operare in tre direzioni fondamentali: incentivare lo sviluppo del turismo non solo nelle grandi citt d'arte italiane, ma anche nei centri minori, che rappresentano la vera identit del nostro paese; contribuire alla destagionalizzazione dell'offerta, strutturando pacchetti e itinerari legati ai grandi eventi culturali come, per esempio, il festival letterario di Mantova; migliorare le strategie di marketing, tramite l'elaborazione di un piano di promozione coerente in grado, al contempo, di dare una visione complessiva dell'Italia e di evidenziarne le specificit regionali.
Meno incisivo e pi generico, invece, l'intervento di Brambilla, che si limitata a svolgere il compitino di prammatica, fatto di analisi complessive sulla debolezza del nostro sistema turismo e di desiderata generici relativi alla rivalutazione del marchio Italia e alla necessit di giustificare con risultati concreti gli investimenti in operazioni di marketing. La mia promessa, ha dichiarato tra l'altro Brambilla, quella di impegnarmi per ottenere una revisione dei regimi fiscali e per far s che le politiche infrastrutturali tengano conto delle esigenze del comparto turistico. In particolare, occorre migliorare l'efficienza dei trasporti, della logistica e dei servizi dedicati al segmento della clientela medio-bassa.
Unica possibilit di intercettare la crescente domanda dei paesi emergenti, fino a ora dirottata dai pi grossi tour operator internazionali su altre destinazioni europee meglio attrezzate ad accogliere questo particolare segmento di mercato.



news

13-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news