LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Qualche consiglio al ministro Bondi
Franco D'Emilio
Il secolo dItalia 6/6/2008

L'insediamento al ministero dei beni culturali di Sandro Bondi stato accolto con molte aspettative persino da alcuni esponenti della sinistra.
Colgo l'occasione per rivolgere qualche consiglio al nuovo ministro, dal mio osservatorio privilegiato. L'esperienza di tanti anni di lavoro nell'amministrazione statale dei Beni culturali mi induce, oggi, all'amara conclusione che nel ministero vi sia troppo potere, decisionale e gestionale, che non discende affatto da un patrimonio di credito e valori, di conoscenze e competenze, insomma da quell'autorevolezza delle idee e delle persone che, appunto, deve costituire il presupposto dell'autorit, intesa nel suo significato pi esteso.
Come funzionario del ministero e rappresentante del sindacato Ugl, ho sempre evidenziato le conseguenze di questa situazione. Pochi esempi significativi: l'approssimazione della recente riqualificazione del personale, organizzata in modo maldestro, difforme sul territorio, senza piena garanzia di controllo ed equit; una riqualificazione risoltasi in una caduta a pioggia della progressione di carriera, incapace, perci, di valorizzare meriti e professionalit. La mancanza di una pianta generale del personale sulla quale modulare la distribuzione degli esiti della riqualificazione. La privatizzazione di attivit culturali senza regole comuni e chiare su tutto il territorio, facendo cos spesso prevalere il profitto sulla culturalit del bene. L'istituzione di nuove soprintendenze, clamoroso il caso di quella per i beni architettonici di Parma, prive di personale e risorse commisurate ai compiti affidati.
Questi pochi esempi sono gi sufficienti a rappresentare quali danni e difficolt possa costituire un potere ministeriale poco autorevole e accorto nelle sue decisioni gestionali.
Nel corso degli anni il ministero ha cambiato nome e, pi volte, la sua stessa struttura organizzativa, inoltre ha conosciuto gli effetti negativi di un ripetuto spoil System, tali che, spesso, alcune nuove nomine di vertice hanno suscitato nei dipendenti la perplessa curiosit chi mai fossero e donde saltassero fuori alcuni Carneade. A pagare, comunque, sono i Beni culturali e i dipendenti del ministero. I primi pagano la mancanza di programmi e di una piena, efficace tutela; i secondi, invece, vivono spesso nell'impossibilit di svolgere bene e appieno il loro lavoro, scontano il diffuso, mancato rispetto delle proprie mansioni, subiscono ancora l'inadempienza dell'amministrazione su taluni diritti contrattuali, sono costretti a una strisciante flessibilit d'impiego, infine soffrono, addirittura, la privazione della contrattazione decentrata o certe ingiuste iniziative distributive del salario accessorio. Naturalmente in tutto questo vi sono anche responsabilit dirette del sindacato che, dismesse le vesti dell'antagonista sociale, critico, ma propositivo, ha concertato pure con il ministero per i Beni culturali provvedimenti di esclusiva cogestione, stabilendo legami troppo stretti, condizionati ed equivoci con l'amministrazione. Anche per le organizzazioni sindacali, mi riferisco soprattutto alla triplice confederale, si pone urgente il recupero di un'autorevolezza e di una credibilit, adesso molto compromesse. Inoltre, conoscendo di pi le realt e le problematiche locali, sicuramente capiremmo come pure nel ministero per i Beni culturali siano incauti certi recenti giudizi generalizzati sugli statali fannulloni.
A questo proposito, dato che il ministro Bondi si dichiarato confortato dal sapere che i dipendenti di questa amministrazione rappresentano un corpo di eccellenza, mi auguro che il suo lavoro sia cos incisivo da far finalmente emergere un elevato livello di esperienze e competenze, metodo e programmi, tale da ispirare fortemente nei cittadini la presenza di un ministero per i Beni culturali davvero autorevole e determinato.





news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news