LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pi vincoli al trasferimento degli immobili culturali pubblici
Duccio Cucchi
ItaliaOggi 6/6/2008

Il recente decreto legislativo 26 marzo 2008, n. 62, ha comportato delle modifiche, alcune delle quali particolarmente significative, al Codice dei beni culturali introdotto nel nostro ordinamento con il dlgs 22/1/2004, n. 42. In questa sede ci occuperemo in particolare delle innovazioni introdotte nella procedura di alienazione di beni pubblici che costituiscono il demanio culturale; intendiamo restringere il campo alla circolazione interna (o nazionale) di tali beni. I beni culturali appartenenti allo stato, alle regioni e agli enti pubblici costituiscono, a norma dell'articolo 822 c.c, assieme agli altri beni costituenti il paesaggio naturale, il demanio culturale.
I beni costituenti archivi, immobili di interesse storico o artistico, le raccolte di musei, pinacoteche, gallerie e biblioteche, i beni mobili e immobili appartenenti a soggetti pubblici e privati, che siano di autore non vivente e la cui esecuzione risalga a pi di 50 anni e anche i singoli documenti o beni non aventi queste ultime caratteristiche, sono stati tutti riconosciuti come beni inalienabili. Tuttavia, il Codice introduce un limitato diritto da parte dello stato e degli altri enti pubblici territoriali, ad alienare alcuni beni immobili, previa verifica del ministero per i beni culturali. La procedura di alienazione di tali beni prevede con la riforma una serie di fasi per il rilascio dell'autorizzazione da parte del ministero. Essa deve essere corredata: dall'indicazione della destinazione d'uso attuale, dal programma delle misure necessarie alla conservazione del bene, dall'indicazione degli obiettivi di valorizzazione che si intendono raggiungere con l'alienazione del bene, dall'indicazione della destinazione d'uso prevista. A queste modalit si aggiunge l'occorrenza di indicare anche le modalit di fruizione al pubblico di tali cespiti; tale procedura non richiesta in caso di trasferimento tra enti pubblici territoriali o fra questi e lo stato.
A maggior tutela dei beni culturali il ministero pu negare all'ente pubblico l'autorizzazione all'alienazione nel caso in cui la destinazione d'uso proposta sia suscettibile di arrecare pregiudizio alla conservazione o alla fruizione pubblica del bene o comunque non risulti compatibile: l'autorit competente pu anche indicare nel provvedimento di diniego le destinazioni d'uso ritenute compatibili.
In caso in cui venga concessa l'autorizzazione all'alienazione degli immobili, si ha, secondo la dizione usata dalla legge di riforma, la sdemanializzazione del bene a cui si riferisce: ci significa, in sostanza, che tale cespite, pur essendo soggetto a tutte le disposizioni di tutela e di garanzia di fruibilit, che introduce una forma di vincolo, cessa per di essere parte del demanio dello stato o dell'ente pubblico cui apparteneva. La novella del Codice dei beni culturali del decreto legislativo n. 62 intervenuta nel marzo scorso rafforza decisamente la tutela dei beni culturali, se si considera che si introdotto l'articolo 55-bis, che comporta l'inserimento nel contenuto dell'atto di alienazione tra le parti sia dell'obbligo di trascrizione dello stesso sui registri immobiliari sia soprattutto di una clausola risolutiva espressa, che, richiamando l'articolo 1456 c.c, comporta la risoluzione del contratto allorquando il soprintendente riscontri un inadempimento da parte dell'acquirente di quei doveri di tutela e di conservazione a cui soggetta la parte medesima. La procedura di alienazione descritta applicabile anche, a norma del successivo articolo 56, ai beni culturali costituiti da beni mobili (collezioni, raccolte, serie di oggetti anche librari ecc), anche non in possesso di enti pubblici, ma di persone giuridiche private, anche costituite da enti ecclesiastici. Infine, sono del pari soggetti alla procedura richiesta per le alienazioni anche i beni immobili pubblici di interesse culturale dati in concessione d'uso o in locazione. Per queste tipologie di trasferimenti la norma novellata impone di riportare negli atti di concessione o locazione le condizioni richieste dal ministero e ne richiede la trascrizione nei registri immobiliari.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news