LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Il Granducato della cultura ko. La scure di Tremonti taglia milioni di euro. A rischio prestigiose istituzioni
LUCIANO DONZELLA
VENERD, 06 GIUGNO 2008 IL TIRRENO




Il Festival Pucciniano rischia di partire e chiudere a met, guai anche per lAccademia della Crusca e lOpificio delle pietre dure

Non sar Fahreneit 451, con i libri bruciati in piazza, ma certo una bella legnata la cultura toscana lha presa. Luragano Tremonti si annunciato sotto forma di decreto, e minaccia di spazzare via istituzioni vecchie di secoli, o almeno di creare loro grossi problemi. Il nocciolo della questione tanto per cambiare sono i soldi, gi stanziati nella maggior parte dei casi dal precedente governo, e riportati a Roma da quello attuale per essere destinati a voci di bilancio ritenute pi rilevanti. Del resto la coperta corta, e il decreto legge serve proprio a rastrellare ministero per ministero i fondi da redistribuire ai Comuni in cambio del mancato incasso dellIci sulla prima casa.
Al ministero dei Beni culturali tocca pagare un prezzo particolarmente alto. E siccome la Toscana una delle regioni che considerano la cultura uno dei volani principali della propria economia, ecco che la stangata nella terra di Dante e di Leonardo si fa particolarmente pesante.
Vediamo nel dettaglio, restando al mondo della cultura, quali saranno le principali conseguenze negative che, in tempi brevissimi come per il Festival Pucciniano o in tempi pi lunghi come per altre realt comprese nel decreto, si abbatteranno sul Granducato.
Il provvedimento pi vistoso, anche perch rischia di avere effetti immediati, lannullamento del finanziamento d un milione e mezzo di euro per la Fondazione Festival Pucciniano in occasione delle celebrazioni per il 150 anniversario della nascita di Puccini, uno stanziamento previsto dall ultima finanziaria del governo Prodi. Il 15 giugno sar inaugurato il nuovo teatro allaperto a Torre del Lago, opere e nuovi allestimenti sono pronti, i contratti coi cantanti firmati, ma allimprovviso alla Fondazione festival Puccini venuto a mancare un milione e mezzo di euro in bilancio. A quanto pare le banche, spaventate, non hanno perso tempo ad avviare una verifica sugli affidamenti, e se non c un intervento tampone si corre il rischio che il festival parta ma possa non finire. Polemiche roventi, poi il ministro per i Beni e le attivit culturali, il toscanissimo Sandro Bondi, ha parlato di un possibile ripensamento del suo governo proprio su questi tagli. Ad oggi non c ancora nero su bianco, e su quel milione e mezzo difficile contare, ma il governo potrebbe riformulare in qualche modo la richiesta, e fare sostanzialmente marcia indietro, per non creare una situazione ingestibile, coll rischio di una figuraccia di portata planetaria.
Il decreto prevede poi lannullamento dellincremento di 3,4 milioni di euro a favore degli istituti culturali, che era stato previsto dallultima finanziaria governo Prodi. A farne le spese dovrebnbe essere una delle istituzioni culturali pi prestigiose, lAccademia della Crusca, che da tempo batte cassa per una situazione economica che negli ultimi anni si fatta insostenibile.
Decurtato di 10 milioni di euro anche il finanziamento di 140 milioni per le celebrazioni dellunit dItalia nel 2011. E in questo capitolo previsto anche il Nuovo Auditorium del Maggio Musicale Fiorentino, un intervento che richiede 30 milioni di euro. Il progetto rischia il declassamento, e la realizzazione dellopera un rinvio a giorni pi favorevoli.
stato annullato poi il fondo di 45 milioni di euro (15 allanno) per interventi di ripristino ambientale inseriti nel nuovo codice del paesaggio, approvato dallallora ministro Rutelli, sullonda del caso Monticchiello. E proprio partendo da Monticchiello parte di questi soldi avrebbero potuto essere utilizzati per ripristinare situazioni ambientali degradate in toscana. Se degrado c, tale rester.
E ancora, il blocco delle nomine dei Soprintendenti, che erano state approvate dal ministro Rutelli con il decreto del 28 febbraio 2008. Ad oggi in tutta Italia sono congelati 216 dirigenti, che possono gestire le attivit culturali solo per quanto riguarda lordinaria amministrazione. sette di questi dirigento fanno capo alle Sovrintendenze toscane.
Da Roma poi emerso in questi ultimi giorni lorientamento di andare ad una maggiore integrazione fra lIstituto centrale per il restauro di Roma e lOpificio delle pietre dure di Firenze. Lantica e prestigiosa fabbrica del restauro fiorentina vedrebbe cos messa quellautonomia amministrativa e gestionale nei confronti soprattutto della capitale, per la quale da anni combatte.
A livello nazionale, i tagli previsti per il ministero dei Beni e delle attivit culturali ammontano a 110 milioni di euro per i beni culturali e a 100 milioni per il cinema (20 destinati alla digitalizzazione delle sale, 80 dallabolizione della defiscalizzazione legata al tax credit). E di cineme in Toscana anche nellultimo anno se ne fatto tanto.
Ieri il presidente dellAnec, (associazione nazionale esercenti cinema) Protti ha dichiarato che nel momento in cui il cinema italiano conferma la sua forte vitalit, appare ancora pi inspiegabile e preoccupante la scelta del governo di colpire questo settore, cancellando interventi pubblici gi di per s esigui. E in particolare inaccettabile che, con il recente decreto legge 93, il governo abbia, di fatto, strangolato un processo innovativo che spostava il tiro dallintervento di puro sostegno a uno che incentiva gli investimenti e capace di attivare un volano moltiplicatore.



news

22-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news